none_o


Con questo articolo termina, dopo un percorso durato più di un anno, l'analisi che Franco Gabbani ha fatto su un duplice piano, la storia della Famiglia Salviati, e di Scipione in particolare, e sinteticamente il contesto sociale e gli avvenimenti succedutesi nel corso del 1800 nel territorio di Vecchiano, come anche in Toscana, in Italia e in Europa.Anche in questa conclusione viene trattato un tema di primaria importanza, quello dell'istruzione nel 1800. 

Un amico mi ha fatto una domanda ed io voglio riportarla .....
. . . tempo fa ti esprimevi come uno di destra ed ora .....
Il PD a queste condizioni non può esistere Mazzeo .....
Per quanto mi riguarda per "sinistra" io intendo le .....


  Conversazione tra due amiche

Intervista di Paola Magli. 


Un nuovo trasloco. La poesia, l’autunno caldo


Ana Lins dos Guimarães Peixoto Bretas, poeta che fu conosciuta come Cora Coralina


A noi donne, per non essere più vittime.

di Silvia Cerretelli
VERSO IL CONGRESSO PD
none_a
Galletti e Noferi (m5s)
none_a
Vecchiano e le sue nuove mezze commissioni consiliari
none_a
di Renzo Moschini
none_a
Intervista di Giancarlo Bosetti (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
Io, Medico
none_a
di Ezio Di Nisitte
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Quel suo viso
L'altra faccia della luna
La mia vita, la mia voce
Quella luce, a primavera
Come un vento caldo su di me
Sono creta, sotto le sue mani
Lei .....
Buongiorno,

queste mie parole sono per evidenziare il menefreghismo di un ente del Comune di San Giuliano Terme che ad oggi non mi ha risposto ad .....
none_o
Ora parla la Poesia, ovviamente rivolta al Serchio.

6/9/2022 - 22:09



RICORDO
 
 
……avevamo un paese per casa,
avevamo una mamma in comune
e quando c’era bisogno
i suoi occhi erano pronti a vedere.
Ricordi di colori ormai persi,
di odori sostituiti da altri.
Ricordi di giornate
passate sulla spiaggia,
una spiaggia deserta
dove un bikini innocente
era già cosa rara,
di quell’acqua di mare cristallina,
alla mattina
e colorata dal fiume,
sul mezzogiorno.
I giochi in piazza, sull’argine,
alle baracche o nei campi.
I frutti saporiti, talora sudati,
forse per questo mai più assaporati.
Cose passate,
che mai più torneranno
e che dentro di noi
restano vive,
perché quel paese
è una parte di noi.
 
 
 
Valter Pardini (migliarinese).
 
 
 
 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

7/9/2022 - 16:49

AUTORE:
P.G_

Bella e struggente la poesia, ancora di più per chi quel tempo lo ha vissuto e amato.
Un tempo diverso, lento, sereno con una vena di malinconia come appare dalla bella foto: una spiaggia completamente deserta con una sparuta baracca, un deserto ammaliante e affascinante. Istantanea di un altro mondo.
Grazie Valter per l'emozione.