none_o


In questo nuovo articolo di Franco Gabbani viene trattato un argomento basilare per la società dell'epoca, la crescita culturale della popolazione e dei lavoratori, destinati nella stragrande maggioranza ad un completo analfabetismo, e, anzi, il progresso culturale, peraltro ancora a livelli infinitesimali, era totalmente avversato dalle classi governanti e abbienti, per le quali la popolazione delle campagne era destinata esclusivamente ai lavori agricoli, ed inoltre la cultura era vista come strumento rivoluzionario. 

Nelle discussioni dei candidati per l'europa non si .....
. . . altrimenti in Italia tutto il potere centrale .....
Sei fuori tema. Ma sappiamo per chi parli. . .
. . . non so se sono in tema; ma però partito vuol .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
“anche il ritardo nella giustizia è di per se ingiustizia”
none_a
Editoriale di Christian Rocca (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
di Stefano Ceccanti, costituizionalista (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
IMMAGINA San Giuliano Terme
none_a
REDAZIONE - de Il Foglio
none_a
Nei tuoi occhi languidi
profondi, lucenti
piccolo mio
inestimabile tesoro
vedo il futuro
il tuo
il presente
quello del tuo babbo
il passato
quello .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
Una conferenza con il professor Ladu, e poi un recital all'Olimpia a cura del Maestro Sandro Ivo Bartoli
Lunedì 10 ottobre: il Comune di Vecchiano celebra la Giornata Mondiale Contro la Pena di Morte con un doppio evento

4/10/2022 - 18:32

Lunedì 10 ottobre: il Comune di Vecchiano celebra la Giornata Mondiale Contro la Pena di Morte con un doppio evento ad ingresso gratuito. Una conferenza con il professor Ladu, e poi un recital all'Olimpia a cura del Maestro Sandro Ivo Bartoli 

VECCHIANO, 4 ottobre 2022 . Sono passati vent'anni da quando, il 13 maggio 2022, fu istituita a Roma la Coalizione Mondiale Contro la Pena di Morte: un'alleanza tra oltre 160 NGO, associazioni di avvocati e governi locali impegnati nell'abolizione universale della pena di morte. Ogni anno, il 10 ottobre, la Coalizione celebra e promuove la Giornata Mondiale Contro la Pena di Morte: un'occasione che unifica il movimento abolizionista a livello globale e mobilita la società civile, leader politici, avvocati, opinione pubblica, artisti a sostenere la richiesta di rimozione totale della pena di morte.

"Quest'anno anche il Comune di Vecchiano prenderà parte alla Giornata Mondiale Contro la Pena di Morte con due iniziative programmate proprio per lunedì 10 ottobre. Da un'idea del pianista Sandro Ivo Bartoli, che ha proposto all'Amministrazione di unirsi alle attività della Giornata Mondiale, è scaturito un programma ricco d'appuntamenti e significati per riflettere su una piaga che ancora,  oggi, nel 2022, affligge il nostro mondo ultramoderno e globale" affermano il Sindaco Massimiliano Angori e l'Assessore alla Cultura Lorenzo Del Zoppo.


Alle 19 la Sala Consiliare del Comune di Vecchiano ospiterà una conferenza che, dopo i saluti del Sindaco Massimiliano Angori, proporrà gli interventi dell'Assessore alla Cultura Lorenzo Del Zoppo e del Professor Giampaolo Ladu, Ordinario di Diritto Pubblico. Tra cenni storici sulla pena capitale e motivi a sostegno della sua abolizione, gli oratori inquadreranno il profondo significato civico e sociale dell'iniziativa.

Alle 21, poi, il Teatro Olimpia ospiterà il recital di Bartoli, che proporrà un programma specialmente adatto all'occasione. Il maestro esordirà con un capolavoro di Johann Sebastian Bach che, in questo contesto, diventa quasi metafora: il “Capriccio sopra la lontananza del fratello dilettissimo BWV 992”. Nel 1704, quando Bach aveva appena diciannove anni, il fratello maggiore Johann Jakob partì alla volta della Svezia per unirsi all'esercito di Carlo XII in qualità di oboista.

Il ragazzo partorì quindi questo mirabile “Capriccio”, fatto di sei movimenti accompagnati da didascalie che ne raccontano la storia: dalle moine degli amici per dissuadere Johann Jakob dal partire, alle rappresentazioni dei pericoli che avrebbe incontrato nel viaggio, al lamento per la partenza fino al commiato vero e proprio. Una storia di partenze, dunque, attuale oggi come allora. A seguire Bartoli farà ascoltare una delle più celebri Sonate di Ludwig van Beethoven, la No. 17 in re minore Op. 31 No. 2 (la celeberrima “tempesta”), che pare simboleggiare un desiderio di rivolta, per poi concludere con due pagine straordinarie dalla penna di Franz Liszt: il Preludio sulla cantata di Bach “Weinen, Klagen, Sorgen, Zagen” e la parafrasi sull'Aida di Verdi: danza sacra e duetto finale. «È un programma significativo – dice il maestro – che suonerò con emozione. Tra i tanti primati che la Toscana vanta c'è quello d'esser stata la prima ad abolire la pena di morte, primato che si festeggia ogni 30 novembre con la Festa della Toscana. Ed io sono toscano: il tema dell'evento mi sta molto a cuore, e poterlo commentare con questi capolavori è un grande privilegio per me. Privilegio ancor maggiore sarebbe poter celebrare la fine della pena capitale nel mondo. Speriamo di poterlo fare presto.»

Appuntamento per il 10 ottobre prima in Sala Consiliare e poi al Teatro Olimpia; gli eventi sono ad ingresso libero. Tutti i dettagli sul sito www.comune.vecchiano.pi.it



 

Fonte: Sara Rossi Portavoce del Sindaco di Vecchiano
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri