none_o

Nei giorni 26-27-28 aprile verranno presentati manufatti in seta dipinta: Kimoni, stole e opere pittoriche tutte legate a temi pucciniani , alcune già esposte alla Fondazione Puccini Festival.Lo storico Caffè di Simo, un luogo  iconico nel cuore  di Lucca  in via Fillungo riapre, per tre mesi, dopo una decennale  chiusura, nel fine settimana per ospitare eventi, conferenze, incontri per il Centenario  di Puccini. 

#NotizieDalComune #VecchianoLavoriPubblici #VecchianoSport
none_a
Pisa, 17 marzo
none_a
Comune di Vecchiano
none_a
. . . quello che si crede sempre il migliore, ora .....
. . . la merxa più la giri, più puzza e te lo stai .....
. . . camminerebbe meglio se prima di fare il tetto .....
Ad un grosso trattore acquistato magari con l'aiuto .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Colori u n altra rosa
Una altra primavera
Per ringraziarti amore
Compagna di una vita
Un fiore dal Cielo

Aspetto ogni sera
I l tuo ritorno a casa
Per .....
Oggi è venuto a mancare all’affetto di tutti coloro che lo conoscevano Renato Moncini, disegnatore della Nasa , pittore e artista per passione. .....
Comune di Vecchiano
Incendio di Laiano del luglio scorso

19/10/2022 - 12:26

Incendio di Laiano del luglio scorso: il Consiglio Comunale di Vecchiano chiede alla Regione Toscana e al Consorzio di Bonifica un costante monitoraggio idrogeologico della zona, in virtù dell’inoltrarsi della stagione autunnale e dell’arrivo delle precipitazioni invernali

 
Vecchiano, 19 ottobre 2022 – Approvato nel Consiglio Comunale del 17 ottobre un apposito Ordine del Giorno proposto dal gruppo di maggioranza Insieme per Vecchiano per il monitoraggio dell’area di Filettole in località Laiano, colpita, nel luglio scorso, da un vasto incendio che ha mandato in fumo circa 90 ettari di bosco. “Attraverso il documento approvato dall’organo consiliare chiediamo alla Regione Toscana, nello specifico:  una verifica periodica al fine di appurare la stabilità dell’area interessata dall’incendio e il suo ripristino ambientale; il ripristino della viabilità con finalità antincendio e delle eventuali zone parafuoco nei due versanti del monte; di aggiornare l’Amministrazione Comunale sullo stato delle procedure in corso per la realizzazione degli eventuali interventi di manutenzione straordinaria, necessari per ripristinare il normale reticolo idrogeologico delle aree collinari percorse dall’incendio e per garantirne la sicurezza”, spiega il Sindaco Massimiliano Angori.

 “Contestualmente, visto che la zona è da tempo fortemente monitorata proprio in relazione al rischio idraulico, come dimostrano anche i progetti di rafforzamento della sicurezza idraulica in corso di attuazione, messi a punto in collaborazione con l'ente consortile e quello regionale,  attraverso il documento approvato in Consiglio, chiediamo, inoltre, al Consorzio di Bonifica 1 Toscana Nord, una verifica della tenuta idrogeologica del rio Fondo dell’Albero”, afferma l’Assessora alla Sicurezza Idrogeologica, Sara Giannotti.

“Già nel mese di agosto avevamo inviato una missiva al Consorzio e alla Regione con la richiesta di attuare i necessari interventi prioritari per far fronte alla situazione, e anche di pianificare un apposito incontro per mettere a punto tutte le azioni necessarie, ivi comprese quelle del Comune, per rafforzare la sicurezza idrogeologica. Inoltre, pur essendo quelli bruciati terreni di proprietà privata in larga parte, è necessario iniziare a concertare anche opere di ripiantumazione della vegetazione, nel limite delle nostre possibilità e di quelle generali previste in questi casi,” aggiungono Angori e Giannotti.

 

E sulla questione della ripiantumazione nella zona, già da mesi, sono attive alcune associazioni del territorio che hanno avviato una raccolta fondi, benchè i terreni siano privati, risorse che potranno comunque essere convogliate alla Regione Toscana per un’opera generale di ripristino delle colline, a beneficio di tutta la comunità. “Si tratta di una iniziativa messa a punto dalla sinergia tra associazioni, Salviamo la Rocca a cui si è unito il nostro Gav-Gruppo Archeologico Vecchianese, finalizzata al ripristino ambientale dell’area”, commenta l’Assessora all’Ambiente e alle Politiche del Volontariato, Mina Canarini. "Un tributo, per un impegno concreto, che va riconosciuto a tutto il mondo dell’associazionismo. Come sempre, infatti, anche in occasione dell’incendio di Laiano, tutte le associazioni di volontariato, locale e non, si sono dimostrate colonna fondante della nostra Comunità, che ha reagito attraverso tutte le sue componenti con resilienza e forza di volontà, anche nei momenti più drammatici dell'evento incendiario. Ed è per questo che abbiamo ritenuto doveroso esprimere un ringraziamento pubblico, nel mese di settembre scorso, a tutti questi soggetti da parte dell'Amministrazione e della Giunta Comunale", aggiunge l’Assessora Canarini.

 Il link della campagna di raccolta fondi è https://gofund.me/26b78e72. E' possibile effettuare donazioni anche con bonifico all'IBAN IT70X0503425350000000003045 causale "Emergenza incendi Filettole".

 Per maggiori info:

 https://gruppoarcheologicovecchianese.wordpress.com/; https://www.salviamolarocca.it/


Sara Rossi
Portavoce del Sindaco di Vecchiano 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri