none_o

Tifosi, delinquenti, semplici sprovveduti? Molti giovani manifestano il livello del loro disagio personale sfogando con atti violenti (e razzisti) il loro malessere, fuori e dentro gli stadi. Un ultimo episodio un paio di domeniche fa ad Arezzo, eclatante per la dinamica, ma epilogo di tanti altri piccoli episodi molto significativi, non ultimo quello di Pagani.

L’inutile leggerezza dell’essere
Manca una settimana .....
Un colpo a Cecco ed uno alla volpe?
Ci fu un tempo .....
Probabilmente non mi vedresti e sentiresti da nessuna .....
. . . senza questo giornale dove appariresti: su tikke-tokke? .....
di Valentina Mercanti PD, candidata seg. Regionale del Partito Democratico
none_a
di Roberto Sbragia - capogruppo Vecchiano Civica
none_a
da-IL QUADERNO DI ET
none_a
di Paola Sacchi (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
Proposte per la Segreteria regionale del PD
none_a
IO, Medico
none_a
Franco Marchetti
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
none_a
Isabel cercami dove sei
Qui al freddo siamo fragili
Isabel tu lo sai sotto questa pioggia
Se tu vuoi asciugami , amami
Con quel tuo calore , l'Anima
Isabel .....
Buongiorno,

queste mie parole sono per evidenziare il menefreghismo di un ente del Comune di San Giuliano Terme che ad oggi non mi ha risposto ad .....
di Ezio Di Nisitte
CENERE

21/11/2022 - 11:20

CENERE


Trovo Astorfo ar barre:
«O Ezio, lo voi, un camino?»
«Un camini…e cosa mi voresti da’?»
«Maiale Ezio come siei duro di ‘omprendonio, tò detto un camino!»
«Astorfo, ma mi pigli per ir culo? Ho ‘nteso che un camini, ma se un mi dici ‘osa mi voi da’ e un fenisci la frase…»
«Ezio, te lo voglio dì come si fa a bimbi piccini, tò detto se voi un Camino, di velli che ci si brucia le legna e fanno ir foo e ci poi fa anco la brace, ci poi coce anco le patate drento la cenere, per un parlà delle cipolle…e poi ti ci poi anco scardà, ora hai intesoooo?»
«Aaaaaaaa, ma allora dilloooo, comunque un n’ho di bisogno c’ho ir riscardamento a gatte»
«Ezio vorai dì a gasse…»
«No no, ho detto bene, siei te che un intendi stavorta, c’ho ir riscardamento a gatte, no’ prese due, a una n’ho misso nome Vampa e a quell’artra Terma, la sera una io e una l’Aida ci fanno cardo, si mettano sopra le ‘operte e inviano a fa le fusa, tempo tre m’addormentano, con meno di vindici euri di mangià ar mese sono apposto, poi via via n’allungo du avanzi, ho trovato ‘r verzo di rispiarmà, e la bolletta l’ho attaccata ar chiodo!


Quello che invece un ho attaccato ar chiodo, ma ce l’ho impresso ner poo cervello che m’è rimasto, è come si preparano le cipolle e le patate nella cenere…
intanto ci vole la cenere e la brace, ma ci vogliano anche delle belle cipolle, delle patate, l’olio d’oliva bono, ir sale e un poino d’aceto.
Allora partimo:
preparate un po’ di brace da una parte e riopritela con la cenere, metteteci sopra le patate e le cipolle, marraccomando senza sbuccialle, e riopritele con dell’artra cenere e dell’artra brace, un esagerate, ne basta poa, ecco, andate a fa’ cosa vi pare anche una bella partita a scopone scentifio, tanto per armeno un paio d’ore o du ore e mezzo,devino coce, e ve n’accorgete perchèdoventeranno moscie come…un me lo fate dì, sennò letio….
Quando le cipolle ènno pronte, levateci la cenere e sbucciatele, poi basta taglialle e con un pizzio di sale, un filo d’olio e uno zizzinnino d’aceto le mettete sulla tavola e durano quanto un abbaiotto di ‘ane; con le patate invece un vi provate a levacci la buccia! La dovete lascià lì dovè, pigliate un cencio e dateni una struciatina per sporveralle dalla cenere, poi ni date una cortellata ner mezzo e mettetela sulla tavola, a condilla con der sale, ognuno ci penza da se…
BonappetEzio!






Fonte: Ezio Di Nisitte
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri