none_o
Proseguendo la serie di articoli sulle vicende ( e leggende) del territorio, Agostino Agostini ci regala il resoconto immaginifico del serpente-alato, che abitava il castello dei Pagano da Vecchiano. Fu ucciso - secondo la leggenda - da Nino Orlandi nel 1109 nella selva palatina di Migliarino (oggi tenuta Salviati). Imbalsamato fu posto nel Duomo di Pisa ma ando' perduto nell'incendio del 1595. Una ulteriore riprova della grande ricchezza storica del nostro territorio.
Ammetto l'errore, ho solo visto il simbolo di presentazione, .....
. . . . Buonafede Alfonso, candidato sindaco di Firenze, .....
Cosa ci dicono le votazioni in Sardegna?

Calenda .....
Più che sembrare cavilloso mi sembri "mistificante" .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Associazione ambientalista - LA CITTÀ ECOLOGICA APS
none_a
di Umberto Mosso
none_a
di Bruno Pollacci
Direttore dell'Accademia d'Arte di Pisa
none_a
Primo Levi#Auschwitz #PrimoLevi #ebrei #campidiconcentramento #giornatadellamemoria
none_a
Eccolo
Come una furia scatenata
è arrivato il vento
a riportare tormento
alle marine
Prima con le piogge
che hanno colpito
la montagna
con smottanento
frane .....
LA TARI è ARRIVATA E SALATA
MA IL KIT PER LA RACCOLTA NON ANCORA
SIAMO A MARZO.

COME MAI?
COSì NON VA BENE.
My Football Heroes
Campioni sul campo

26/11/2022 - 9:15

Nel 1950 l'Uruguay era campione del mondo, ma probabilmente non la nazionale più forte del pianeta.Sì, perché la nazionale migliore del mondo era l'Ungheria.

E lo resterà per almeno metà decennio.Giocava un calcio nuovo e rivoluzionario che ha tracciato la strada percorsa poi dall'Ajax di Michels e Cruijff ed in tempi recenti dal Barcellona di Guardiola.Nel 1952 quell'Ungheria vinse anche la medaglia d'oro alle Olimpiadi.

Per questo motivo era stata invitata dai "maestri" del calcio inglesi per disputare un'amichevole.Quella delle amichevoli illustri era un'abitudine dell'Inghilterra che, per due decenni, credendosi superiore a tutti, non aveva partecipato a competizioni internazionali e faceva delle partite-esibizione per i propri tifosi (nel 1950 aveva finalmente partecipato ai mondiali, tornando a casa umiliati).

Il 25 Novembre 1953 l'Ungheria mise piede a Wembley,nello stadio in cui l'Inghilterra non aveva mai perso.L'accoglienza per i magiari fu un misto di sguardi curiosi e battute offensive.I giocatori inglesi guardavano gli avversari con sdegno e addirittura ridevano delle loro scarpe come ricorda il capitano Wright:"Notai che le scarpe degli ungheresi avevano, sotto la caviglia, una specie di pantofola. 'Non sono neanche attrezzati', dissi al mio amico, ma purtroppo lo erano eccome". Le battute non risparmiarono nemmeno il numero 10 ungherese "Vedi quel tipo basso e ciccione? Li faremo a pezzi".Peccato che quel ciccione fosse Ferenc Puskas, uno dei migliori giocatori della storia.Le risate finirono subito dopo il fischio d'inizio.Nemmeno un minuto e la punta Hidegkuti aveva già segnato il primo gol

.Da lì in avanti ci fu un monologo dell'Ungheria che si dimostrò troppo superiore, tenendo costantemente la palla e giocando a ritmi insostenibili per i sudditi di Sua Maestà.

La partita finì con un clamoroso 6-3 per gli ungheresi, che al ritorno in patria furono accolti da trionfatori.I 100 mila di Wembley andarono a casa convinti di aver visto i marziani e i dirigenti inglesi capirono che quel loro presuntuoso isolamento li aveva indeboliti.L'orgoglio però li portò a chiedere la rivincita che ci giocò al Nepstadion di Budapest il 23 Maggio 1954.E agli inglesi, ansiosi di rifarsi andò anche peggio: 7-1 per l'Ungheria del "ciccione" Puskas. Un'altra batosta leggendaria, come leggendaria era quella squadra:Grosics, Buzansky, Lorant, Lantos, Bozsik, Zakarias, Budai, Kocsis, Hidegkuti, Puskas, Czibor

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri