none_o


Il precedente articolo di Franco Gabbani sul Castello di Vecchiano e la Chiesa di Santa Maria ha riscontrato un successo di lettura senza precedenti, con oltre 1400 letture sulla Voce e 1000 utenti singoli che lo hanno raggiunto su Facebook nella pagina dell'Associazione.

Ovviamente non conosciamo le letture su altre pagine su cui è stato condiviso, ma questi dati indicano con chiarezza il gradimento nei confronti dei temi storici del territorio.

Interesse dimostrato anche da Agostino Agostini, che ci ha proposto alcuni argomenti correlati.

Non vorrei essere cavilloso, però il simbolo di Soru .....
Ma come si fa a prendere in considerazione uno come .....
. . . a non volere nella lista Soru il simbolo di Italia .....
Il 17 gennaio scorso Renzi, con una nota ANSA, ha .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Associazione ambientalista - LA CITTÀ ECOLOGICA APS
none_a
di Umberto Mosso
none_a
di Bruno Pollacci
Direttore dell'Accademia d'Arte di Pisa
none_a
Primo Levi#Auschwitz #PrimoLevi #ebrei #campidiconcentramento #giornatadellamemoria
none_a
Pisa, 29 febbraio
none_a
Pisa, 27 febbraio
none_a
Avane, 24 febbraio
none_a
Pisa, 25 febbraio
none_a
Attiesse Spettacolo
none_a
L'amore è amore
senza se e senza ma
Raggiungerlo
è l'aspirazione
più ambita
desiderata
sentita
a cui tende
ogni creatura. . .
pur essendo .....
LA TARI è ARRIVATA E SALATA
MA IL KIT PER LA RACCOLTA NON ANCORA
SIAMO A MARZO.

COME MAI?
COSì NON VA BENE.
none_o
MELONI & COMPANY
di Trilussa

27/11/2022 - 9:46


Il Presidente Meloni ha iniziato il suo cammino con la premessa di un lungo manifesto programmatico necessariamente fatto di intenzioni che poi dovranno essere messe alla prova dei fatti per essere realizzate. I commenti sono stati diversi ma tutti vi hanno trovato elementi sia positivi che negativi che saranno valutati nei prossimi mesi quando il governo passerà alla fase operativa. Almeno sei, per far passare l’iniziale luna di miele, tipica di tutti i governi, in cui i primi provvedimenti sono per dare un contentino ai propri elettori.

 

La prima manovra infatti, vista la situazione economica del paese, è per il 70% essenzialmente Draghi e per il 30% una carotina per gli elettori di destra, con qualche timido segnale di un possibile cambiamento futuro come la modifica sostanziale del Reddito di Cittadinanza rimandata al 2024. Il tutto condito con qualche sparata di ministri piuttosto inadeguati sul valore dei vaccini per la pandemia e sulla santità del matrimonio da premiare con 20.000 euro.


Fra gli aspetti positivi uno piccolo piccolo ma significativo è che fortunatamente non avremo una Presidentessa del Consiglio ma una signora Presidente. Credo che questa assurda tendenza a femminilizzare molte cariche sia una cretinata per dimostrare (agli altri, ognuno dentro di sé rimane quello che era prima) di essere aperto e non vittima di presupposti di genere. A me “assessora” fa cacare (scusate il termine ma è per dimostrare come io sia aperto a nuove forme di linguaggio più consono alla civiltà moderna!).


Così ci apprestiamo ad una fase nuova nella confusionaria politica italiana, una nuova faccia, un nuovo governo, un nuovo programma, nuove intenzioni per rilanciare l’Italia. Anche un nuovo Parlamento con una riduzione significativa delle poltrone, una riduzione peraltro frettolosa e non perfettamente compensata da altri provvedimenti integrativi per mantenere la cosa costituzionalmente equilibrata. Se il motivo della riduzione dei parlamentari era quello di ridurre i costi della politica diciamo che l’obbiettivo è completamente fallito. La previsione di spesa per il Parlamento è rimasta pressoché invariata a circa 943 milioni di euro con un risparmio rispetto al bimestre precedente di solo di 57 milioni di euro/annuo corrispondente allo 0,007% del totale. Una inezia perché se alcune spese sono diminuite altre sono rimaste inveriate o aumentate mentre il rapporto parlamentare/prolazione è passata da 1 a 96.000 abitanti a uno a 151.000.


Se poi diamo un’occhiata ai nuovi eletti e ci soffermiamo sulle professioni e sui titoli di studio ci rendiamo subito conto che come al solito la maggioranza di parlamentari hanno titoli di studio importanti, appartengano tutti alle classi più abbienti, alla classe sociale benestante del paese. Gli avvocati si aggiudicano il primo posto con 121parlamentari, poi ci sono i politici di professione con 91, poi imprenditori, dirigenti di azienda, giornalisti, medici. Nella parte inferiore della lista troviamo 7 pensionati, 2 disoccupati, uno studente, un metrologo, un igienista dentale e altri in piccolissime cifre. Non siamo riusciti a trovare un operario e un agricoltore, presenti invece nella passata legislatura, ma forse la riduzione del numero dei parlamentari ha tagliato proprio queste figure in apparenza minori.


Questa composizione del Parlamento credo vada considerata una grave disparità rappresentativa perché è difficile che un medico o un avvocato si possano rendere perfettamente conto delle problematiche orto-frutticole o di una piccola fabbrica tessile. Oppure in maniera sufficientemente consapevole delle condizioni reali in cui vivono molte famiglie in difficoltà economiche e sociali.


Ritengo che un sistema proporzionale potrebbe essere quello più adatto per configurare una più equa distribuzione di seggi rappresentanti le varie categorie per evitare che chi ha più potere economico abbia anche il maggior numero di rappresentanti in Parlamento. Rappresentanti di categoria che potrebbero in qualche modo, in via ipotetica ma anche reale, consapevolmente o meno, favorire la propria classe di appartenenza trascurandone altre.


Poi ‘è il problema, nuovo, della meritocrazia che mal si concilia con la lotta alla concorrenza e l’atteggiamento ostile verso le liberalizzazioni. Un problema che il nuovo Presidente dovrà primo o poi affrontare. Basta pensare al settore dei taxi dove corporazioni affiatate e potenti, titolari storici di licenze pubbliche ostacolano con forza (anche elettorale) il rilascio di nuove concessioni pur mantenendo un servizio a detta di tutti inefficiente e con numeri rispetto l’utenza molto inferiori alle medie europee. O per la insidiosa legge Bolkenstein dove il suo “Non ci tireremo indietro nel fare scelte che non dovessero essere capite nell’immediato da alcuni cittadini perché il coraggio non ci difetta” si scontra col mancato coraggio della sua applicazione. Un coraggio del resto mancato a tutti i governi precedenti ma che ora si trova sul tavolo del Presidente per essere finalmente e definitivamente affrontato. E non è da poco perché pezzi pregiatissimi di Stato sono stati da tempo consegnati per pochi soldi a operatori privati che vi guadagnano milioni con forti dubbi di evasione fiscale e senza la possibilità di assegnarli al miglior offerente. Il problema, non da poco, sarà riuscire a tutelare i concessionari attuali ma nello stesso tempo riuscire ad ottenere un giusto ritorno economico per le casse dello Stato.


La conseguenza di un paese come il nostro è che un giovane che oggi volesse fare impresa in Italia trova da noi ostacoli più che in ogni altro paese europeo a causa delle corporazioni medievali sempre strenuamente difese dal partito del nuovo Presidente del Consiglio.


E con tassisti, balneari e ambulanti dobbiamo per forza mettere anche i piccoli evasori subito premiati ad uno dei primi CDM, per farli stare tranquilli e accusare di evasione le grandi multinazionale. Che esiste, naturalmente, ma da noi il principale problema evasione è soprattutto rappresentato dalla somma di milioni di piccole micro evasioni, un furto non da poco allo stato perché come suole ripetere il dottor Tabucchi di Vecchiano: è la somma che fa il totale.


Chiamiamola pure meritocrazia l’allentamento della guardia sulla piccola evasione fiscale ma il paese, d’accordo con la Meloni che è collocato al punto più basso per crescita economica in Europa, ha difficoltà a crescere soprattutto per il mantenimento di vecchie corporazioni, castelli impermeabili e ben difesi, in uno stato che non incentiva i cittadini a comportamenti virtuosi e che più che il merito è la clientela politica ad essere determinante.


Un’ evasione fiscale ancora non affrontata con la dovuta decisione sia con la salita del contante a 5.000 euro che con l’allentamento della spinta all’uso dei pagamenti tracciabili (non più multe a chi non accetta la carta fino a 30 euro) che ci porta ad essere in fondo ai paesi europei per uso delle carte, avanti solo a Bulgaria e Romania.


Quindi per ora siamo alla salita del contante e alle assicurazioni per gli abusivi, i privilegiati, gli evasori e i miracolati delle concessioni pubbliche con un occhio nuovo salviniano nei confronti degli immigrati. A quando il primo condono serio, dopo il primo assaggio delle vecchie bollette da 1000 e 3000 euro?
 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

29/11/2022 - 11:08

AUTORE:
Leopolda

Volevo semplicemente dire che ringrazio questa manovra, che detesto perche'camuffata quando poi è una provra, e che lo sconto sui pannoloni a me non serve dato che non ho ne' bambini ne'nipotini...ne' incontinenti, almeno per ora, semmai preferirei lo sconto sulle mutande che di quelle me ne serve a valanghe a qualunque età...ne' tanto meno quello sui pannolini non essendo più mestruata da tanto tempo...e siccome mi vengono detratte tasse d'ogni sorta e aumenti zero perche' son convinti che sia agiata, vorrei di' che non sono soltanto amareggiata...ma piuttosto incazzata...e di brutto!

29/11/2022 - 10:01

AUTORE:
Dorina

Era resta e resterà così, non mi ammalia e non mi lascio ipnotizzare...la carota per farmi correre col paraocchi con me non funziona e sono diffidente...per natura?! Può darsi ma credo sia la paura di tornare all'omo forte, del resto l'attuale sig. Presidente indossa solo pantaloni e chissà che sotto sotto non abbia due meloni!!!

29/11/2022 - 0:09

AUTORE:
Giulio

Bada che ora l'esenzione sia stata spostata a 60 euro, così si può incassare senza fatturare. I segnali sono chiari, come il contante fino a 5.000. Dice per favorire gli anziani che non hanno dimestichezza con le carte, lo vedo mio suocero andare in un negozio con 5000 euro in tasca!!