none_o


Il precedente articolo di Franco Gabbani sul Castello di Vecchiano e la Chiesa di Santa Maria ha riscontrato un successo di lettura senza precedenti, con oltre 1400 letture sulla Voce e 1000 utenti singoli che lo hanno raggiunto su Facebook nella pagina dell'Associazione.

Ovviamente non conosciamo le letture su altre pagine su cui è stato condiviso, ma questi dati indicano con chiarezza il gradimento nei confronti dei temi storici del territorio.

Interesse dimostrato anche da Agostino Agostini, che ci ha proposto alcuni argomenti correlati.

Non vorrei essere cavilloso, però il simbolo di Soru .....
Ma come si fa a prendere in considerazione uno come .....
. . . a non volere nella lista Soru il simbolo di Italia .....
Il 17 gennaio scorso Renzi, con una nota ANSA, ha .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Associazione ambientalista - LA CITTÀ ECOLOGICA APS
none_a
di Umberto Mosso
none_a
di Bruno Pollacci
Direttore dell'Accademia d'Arte di Pisa
none_a
Primo Levi#Auschwitz #PrimoLevi #ebrei #campidiconcentramento #giornatadellamemoria
none_a
Pisa, 29 febbraio
none_a
Pisa, 27 febbraio
none_a
Avane, 24 febbraio
none_a
Pisa, 25 febbraio
none_a
Attiesse Spettacolo
none_a
L'amore è amore
senza se e senza ma
Raggiungerlo
è l'aspirazione
più ambita
desiderata
sentita
a cui tende
ogni creatura. . .
pur essendo .....
LA TARI è ARRIVATA E SALATA
MA IL KIT PER LA RACCOLTA NON ANCORA
SIAMO A MARZO.

COME MAI?
COSì NON VA BENE.
none_o
IL NUOVO CORSO
di Trilussa

11/12/2022 - 11:42


Dopo settimane in cui eravamo tutti in attesa di cosa ci avrebbe portato di novità questo nuovo governo, un governo francamente di destra come non ne avevamo mai conosciuto in tempi recenti e guidato, per la prima volta nella nostra storia repubblicana, da una donna. Per la donna non possiamo che essere tutti soddisfatti, per il governo invece abbiamo forti dubbi e giudicheremo in seguito.

 

Si trattava solo di aspettare per vedere se cambiava qualcosa, possibilmente in meglio. Finalmente, nei giorni scorsi, un piccolo segnale di novità l’abbiamo avuto, piccolo certo ma piuttosto significativo, che si è verificato in quel di Genova. Un episodio minore, certamente limitato, ma che serve a rendere bene l’idea del clima di aspettative che si è creato in tutto il paese con la nascita di questo nuovo governo di destra se ci si dovesse basare sui programmi presentati durante la campagna elettorale.


Il fatto è abbastanza noto ed è la frase “Finalmente la pacchia è finita” che un tassista genovese ha rivolto a Silvia Salsi, vicepresidente vicaria del Coni, che poi lo ha reso noto su Instagram considerandolo un segnale importante del nuovo corso. La donna in sostanza voleva pagare la corsa di 32 euro con il bancomat ma il tassista si è rifiutato e alle sue proteste ha alzato la voce e dato in escandescenze all’indirizzo della incauta cliente che preferiva non usare il contante.


È il segnale di quel cambiamento di rotta auspicato da una grande parte della popolazione, ignorante ed in errore, e che per questo ha votato a destra, che pensa che senza il rispetto delle regole si viva meglio e la civiltà e il paese facciano passi avanti. Liberare finalmente le energie, come proclamato da questo nuovo governo, affinché un paese come il nostro, prigioniero dei tanti lacci burocratici, spicchi finalmente il volo per la gioia e il benessere di tutti.


Ora che spicchi veramente il volo con queste intenzioni ho i miei dubbi e che la gioia sia proprio di tutti ancora meno. Al momento sembra che la gioia maggiore sia appannaggio dei furbastri, quelli che plaudono alla salita del contante a 5.000 euro, ai vantaggi fiscali delle partite IVA fino a 85.000 euro, a chi assume al nero con paghe di fame, a chi si vede condonate le cartelle, a chi guadagna in Borsa (ultimo provvedimento che conferma le intenzioni), ai detentori dei pos che possono tenerlo nel cassetto e negarlo a chi lo chiede senza incorrere in sanzioni

.
contanti, dottoressa Kaili, solo contanti, non è che così la metto in difficolta? No, no, tranquillo, non ho problemi col cash!


A proposito pare che i famigerati e irriducibili no-vax visto che la Corte Costituzionale ha decretato la assolata e benemerita legittimità del vaccino ponendo definitivamente fine alla questione ora si sono orientati verso un no-pos per confermare definitivamente la loro totale imbecillità.

 

Le carte di credito e quelle di debito sono diventate ora le nuove nemiche del popolo: strumenti diabolici tramite cui le banche controllate dalle “dinastie dell’élite finanziaria transazionale del nuovo ordine mondiale” controllano la popolazione e affamano gli onesti commercianti e gli onesti tassisti che ogni giorno si vedono prosciugare gli esigui guadagni dalle spaventose commissioni, ma soprattutto sono costretti a un odioso tracciamento che impedisce loro di non emettere ricevute fiscali.


Quelli che invece godono meno sono i cittadini comuni, quelli che ogni giorno devono fare i conti con la spesa per il pranzo e la cena, con le bollette del gas e dell’energia elettrica, quelli che hanno figli che ancora studiano o vanno alle scuole d’infanzia, quelli che aspettano mesi per un controllo radiologico o una ecografia, quelli che quando vanno al Pronto Soccorso per qualche malanno avvertono prima a casa di non preoccuparsi che il loro ritardo non sarà dovuto in proporzione alla gravità della loro malattia.


Perché se guardiamo le cifre anche senza entrare nel merito vediamo che le entrate dello Stato derivate dalle tasse che i cittadini versano (praticamente lavoratori dipendenti e pensionati, non molto altre categorie che si limitano solo ad utilizzare i benefici del welfare pagato da altri) servono solo a pareggiare i conti per salute e previdenza.


Se invece vogliamo delle cifre possiamo utilizzare quelle del Centro studi da cui emerge che il gettito fiscale (si riferisce al 2021, redditi 2020) pari a circa 278 miliardi di euro viene completamente assorbito dalle spese per il welfare: 122,72 miliardi per la spesa sanitaria, 144,76 per assistenza sociale e altri 11,3 per il welfare degli enti locali tanto che il presidente Alberto Brambilla conferma:


"Negli ultimi 13 anni i redditi dichiarati sono cresciuti meno dell’inflazione ed enormemente meno della spesa pubblica e, in particolare, di quella assistenziale aumentata del 98% e arrivata a toccare già nel 2020 un valore pericolosamente vicino a quello del gettito dell’IRPEF ordinaria. Bastano questi pochi dati per capire come si sia davanti a un onere molto gravoso da sostenere".


Se ne deduce che oltre le fasce di popolazione che non ne hanno la capacità finanziaria, una grande massa di persone e famiglie in drammatico aumento, c’è una moltitudine di contribuenti che non pagano le tasse dovute, evadono o eludono il fisco tanto che la scarsità di contributi che arrivano nelle casse statali ogni anno stona fortemente rispetto alla ricchezza nazionale, alla quantità di risparmio depositato nelle banche e in beni rifugio e alla posizione del paese fra le principali potenze economiche europee, dietro solo a Francia e Germania. 


Servirebbe una stretta ben decisa sulla enorme evasione fiscale nel nostro paese perché se il gettito attuale serve solamente a coprire le spese attuali per sanità e previdenza non resta niente da impiegare nei settori più in difficoltà come proprio quella sanità pubblica da cui i medici fuggono perché mal pagati, oberati di lavoro e sempre più spesso oggetto di aggressioni da parte di pazienti insoddisfatti.


Una partenza pessima del nuovo governo, peggiorata dalle nuove proposte in fatto di Giustizia con il primo provvedimento (votato anche dal Terzo Polo di Renzi e Calenda a dimostrazione di quanto le vicende personali possano influenzare quelle politiche che valgono per tutti) sull’emendamento che reinserisce i benefici carcerari, aboliti dalla Spazzacorrotti, per i reati dei colletti bianchi come corruzione, concussione e peculato. Un pessimo segnale che si unisce alla stretta sulle intercettazioni che a detta dei magistrati antimafia sarà un ottimo servizio alle varie organizzazioni criminali del paese.


Se vogliamo, come dice De Andrè, trovare un fiore che nasce dal letame una sola cosa: finalmente l’idea di dare seguito alla direttiva 104 del 2017 che vietava l’uso del telefonino durante l’orario scolastico.
 
 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

14/12/2022 - 16:24

AUTORE:
BdB

Vedi anche il voto "di fiducia" al governo Meloni da parte del segretario di IV.
Se questo per te è svoltare a destra; per me è più a sinistra di Elly &Panzeri.

https://youtu.be/BAQe4SylL-U


https://youtu.be/vri5RZ1w1Yk

14/12/2022 - 15:49

AUTORE:
Bertelli

Travaglio ha avuto 10 condanne, in sede civile, per diffamazione, una nel penale, sempre per diffamazione e 3 sono ancora in corso ferme al primo grado. Di contro si possono anche contare 10 sentenze a favore, istruite sempre per diffamazione.
Il ministro Nordio, di cui tessi le lodi, è lo stesso che quando era PM a Venezia lasciò nel cassetto, fino a a prescrizione arrivata, il fascicolo su Occhetto e D'Alema per l'indagine su Mani Pulite. Ancora Nordio è quello che ha fatto intercettare per 2 anni diversi attori del progetto Mose, e di questi ne fece arrestare 35. Allora le intercettazioni, quando sono utili, fanno comodo
Ora speriamo, ma la vedo dura visto l'inizio, che la pacchia finisca per tutti. Come vedi caro Baglini non tutto è come ti sembra. Vogliamo parlare di Crosetto? Da presidente del consorzio di aziende produttrici di armi a ministro della Difesa. Bel colpo, speriamo a salve.
Comunque come AZ/IV fate bene a votare con la maggioranza, rispecchia il vostro essere. A proposito com'è che disse la Nardini?
E comunque i giornalisti, che chiami prezzolati, sono sempre esistiti. O pensi che a destra Barbato e Biagi fossero considerati in maniera diversa ? Sempre che la verità non stia da una parte sola...

13/12/2022 - 11:48

AUTORE:
Bruno Baglini

Son finiti i tempi che il centro sinistra e soprattutto la sinistra sinistra aveva sempre ragione e gli altri no.
La ragione non sta mai da una parte sola, cit Giordano Baglini anni /60

13/12/2022 - 11:28

AUTORE:
Roberto

Non si tratta di Travaglio ma di una realtà, c'è stata una votazione e un consenso ad una legge che reintroduce dei vantaggi carcerari per i reati di tipo amministrativo.

"Nel tardo pomeriggio, in commissione Giustizia, al Senato, i componenti di Fratelli d’Italia, Lega, Forza Italia – a cui si è aggiunta Italia viva, con Ivan Scalfarotto – ha approvato l’emendamento dell’azzurro Pierantonio Zanettin che, di fatto, ha reintrodotto i benefici carcerari per i reati contro la Pubblica amministrazione (corruzione, concussione e peculato)"

12/12/2022 - 17:58

AUTORE:
Aldo Morè

Stralcio dell'intervista di Matteo Renzi sul quotidiano Il Messaggero
del 12/12/22

Le intercettazioni: giusto cambiare?
E lei come lo farebbe?
Le indagini verrebbero danneggiate da una limitazione sulle intercettazioni?
«Nordio spiega molto bene il punto Partiamo da due assunti talmente solari da essere ovvi.
Il primo è che le intercettazioni servono.
Il secondo è che l'abuso delle intercettazioni costituisce un segno di inciviltà giuridica. Quando si procede con quella che i tecnici chiamano "pesca a strascico", ad esempio, si ledono I diritti fondamentali della persona. La Cassazione, nel caso Open, ha parlato di "inutile sacrificio di diritti". Però i pm che hanno proceduto in quella direzione non sono stati puniti.
Anzi: uno di loro sì è permesso di non ottemperare alla sentenza della Cassazione. E i colleghi di Genova, con fare corporativo, hanno assecondato questo atteggiamento. Allora va benissimo cambiare le leggi. Ma nei frattempo, perché non rispettiamo le norme che già ci sono? Perché non si interviene mai, quantomeno a livello disciplinare?».

12/12/2022 - 8:56

AUTORE:
Bruno Baglini, Migliarino

Una partenza pessima del nuovo governo, peggiorata dalle nuove proposte in fatto di Giustizia con il primo provvedimento (votato anche dal Terzo Polo di Renzi e Calenda a dimostrazione di quanto le vicende personali possano influenzare quelle politiche che valgono per tutti) sull’emendamento che reinserisce i benefici carcerari, aboliti dalla Spazzacorrotti, per i reati dei colletti bianchi come corruzione, concussione e peculato.
Un pessimo segnale che si unisce alla stretta sulle intercettazioni che a detta dei magistrati antimafia sarà un ottimo servizio alle varie organizzazioni criminali del paese.
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
Il sig. Marco Travaglio 19 volte condannato per aver diffuso intercettazioni e cose varie passate al suo giornale dai pm "ammichi" prima che al magistrato, con il ministro
Carlo Nordio gli finisce la pacchia.
Nordio nel precedente impegno lavorativo non faceva il farmacista e neppure il DJ come il suo predecessore.

L'abuso d'ufficio che in questi anni ha visto 23 condanne su 2500 denunce ed i nostri sindaci erano timorosi giustamente a firmare atti comuni.

Altro ministro oltre Nordio che riceverà il voto favorevole di Azione/Italia Viva sarà molto spesso il ministro della difesa Guido Crosetto e si è già visto il voto contrario dell'ex PdC ed ora deputato della Repubblica Giuseppe Conte che era contrario a quello che aveva votato lui ed il suo movimento con scadenza a dicembre e cioè l'invio di armi di difesa alla resistenza Ucraina.

...e sembrerà strano ma Azione e IV non voteranno a favore della proposta berlusconiana al nostro governo di dare a tutti la pensione minima a 1000 euro in spregio di chi non ha lavorato in nero in vita sua e vedersi sorpassato in finale da chi a rilasciato marchette salate.
Il PCI faceva opposizione costruttiva ed alle volte otteneva anche troppo per tenerli buoni all'opposizione han dato pensioni dopo 19 anni undici mesi ed un giorno di lavoro ed altro ancora.
Non andrò in piazza come chiede il mio partito per dire no a tutto a priori.

il tempo è galantuomo; "vederemo" se ho ragione io e torto te ad emulare i "giornalistichi" prezzolati di oggi (fuori che Mieli), non ci son più i Barbato ed Biagi di una volta e neppure Montanelli.


Vedi anche il voto "di fiducia" al governo Meloni da parte del segretario di IV.

https://youtu.be/BAQe4SylL-U