none_o


Il precedente articolo di Franco Gabbani sul Castello di Vecchiano e la Chiesa di Santa Maria ha riscontrato un successo di lettura senza precedenti, con oltre 1400 letture sulla Voce e 1000 utenti singoli che lo hanno raggiunto su Facebook nella pagina dell'Associazione.

Ovviamente non conosciamo le letture su altre pagine su cui è stato condiviso, ma questi dati indicano con chiarezza il gradimento nei confronti dei temi storici del territorio.

Interesse dimostrato anche da Agostino Agostini, che ci ha proposto alcuni argomenti correlati.

Non vorrei essere cavilloso, però il simbolo di Soru .....
Ma come si fa a prendere in considerazione uno come .....
. . . a non volere nella lista Soru il simbolo di Italia .....
Il 17 gennaio scorso Renzi, con una nota ANSA, ha .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Associazione ambientalista - LA CITTÀ ECOLOGICA APS
none_a
di Umberto Mosso
none_a
di Bruno Pollacci
Direttore dell'Accademia d'Arte di Pisa
none_a
Primo Levi#Auschwitz #PrimoLevi #ebrei #campidiconcentramento #giornatadellamemoria
none_a
Pisa, 29 febbraio
none_a
Pisa, 27 febbraio
none_a
Avane, 24 febbraio
none_a
Pisa, 25 febbraio
none_a
Attiesse Spettacolo
none_a
L'amore è amore
senza se e senza ma
Raggiungerlo
è l'aspirazione
più ambita
desiderata
sentita
a cui tende
ogni creatura. . .
pur essendo .....
LA TARI è ARRIVATA E SALATA
MA IL KIT PER LA RACCOLTA NON ANCORA
SIAMO A MARZO.

COME MAI?
COSì NON VA BENE.
none_o
Di là dal monte.

19/12/2022 - 9:46



Situata in una vallata dei Monti Pisani, Santa Maria del Giudice è situata nell'estremo sud del comune e provincia di Lucca, confina col comune di San Giuliano Terme a sud e con la frazione di San Lorenzo a Vaccoli a nord.
Parte del territorio montano meridionale è incluso dell'area naturale protetta di interesse locale Monte Castellare.
Nasce da località Berti il Rio Guappero, piccolo affluente del canale Ozzeri.
Antico luogo di passaggio tra la Repubblica di Pisa e la Repubblica di Lucca tramite il famoso passo di Dante, oggi la frazione è ben collegata a Pisa e Lucca grazie all'apertura del Foro di San Giuliano il 30 marzo 1922 e la variante della Strada Statale 12.
Santa Maria del Giudice deve il suo nome ad una antica famiglia longobarda, nome noto a partire dal XII secolo. Il nome in origine era infatti Sancta Maria Ley Judicis, successivamente diventato in "del Giudice" per via di possedimenti terrieri del Giudice imperiale Leone.
Nel XIV secolo Dante Alighieri, nella sua Divina Commedia disse riguardo ai monti sopra Santa Maria del Giudice:
«Questi pareva a me maestro e donno, cacciando il lupo e lupicini al monte per che i Pisan veder Lucca non ponno.»
(Dante Alighieri, Inferno, Canto I vv 28-30)

Questi sono commenti storico geografici, ma non sono quelli che interessano di più.
Santa Maria è particolare per la partecipazione degli abitanti alle aggregazioni di fratellanza, aiuto ai poveri, agli anziani, a far fasta nonostante le difficoltà, al decoro pubblico, una grande Famiglia appunto. Il solo paese che conosco che abbia una residenza per anziani auto e non sufficienti! In agosto una sagra attira centinaia di persone, tutti i bambini del paese aiutano a servire le specialità locali, in primis la zuppa che dà il nome alla sagra, uomini e donne al fuoco e alle pentole, e giochi e musica e i famosi “necci”.

Ogni anno, avvicinandosi Natale, solamente per un giorno, si svolge un piccolo mercatino di produzioni, fiori e tantissima oggettistica sui banchetti privati e delle associazioni. Io ho uno stretto legame con questo paese, sia perché abitato da colui che mi ha portato a lavorare in giro per il mondo, sia perché qui abitavano quelli che hanno lavorato con me, sia perché qui abitava, ed abita tuttora, la famiglia di mio cognato Marzio che ci ha lasciato troppo presto. Ieri sono stato con loro. Mi si stringeva il cuore vedendo ragazzi e ragazze con vesti rossi e bianchi che svolazzavano dovunque sorridendo e anziani vicini l’uno all’altro che guardavano curiosi ed ammirati i visitatori. La parte più bella era Babbo Natale, un vero barbone bianco sulla grande poltrona rossa che non faceva il noto OH OH OH, ma “oh, vieni vieni da me”, indirizzato ai bambini e bambine, con genitori che lasciavano fiduciosi anche i neonati fra le braccia di quel “Babbo di tutti”, con la scenetta commovente di un piccolissimo che infilava la manina nella barba e sorrideva. Sono andato a pranzo da mia cognata e poi di corsa alla fiera: Babbo Natale era sempre lì e stava leggendo un libro a grandi e piccoli, ad  alta voce senza abbassamento di tono.
Ho pensato a Migliarino e alle sue fiere di beneficenza con gli stessi oggetti forse, ma con un altro pubblico.
Ho pensato a Migliarino con le sue feste di maggio che si sono perse.
Ho pensato a Migliarino  con il suo Teatro del popolo che ora è  senza popolo.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

19/12/2022 - 23:38

AUTORE:
Nicola

Buona sera, la volevo ringraziare per la bellezza del suo articolo.
La volontà di un paese di non veder morire nel vuoto l’impegno le fatiche la dedizione di un gruppo storico di paesani che hanno resa viva una frazione di confine dove per molti non c’è nulla per altri l’opposto, dove molti sono nati e molti altri hanno trovato l’amore della vita, vero, anche questo paese è profondamente cambiato nella sua composizione .
Molti volontari sono paesani acquisiti ma non meno paesani ,l’appello dei Baldi non più giovani di mantenere in vita le belle tradizioni è stato raccolto questa estate rimettendo in piedi una Sagra data oramai per spacciata, di lì parte la voglia di non fermarsi inserire o migliorare alcune feste l’ultima “i Mercatini di Natale” siamo colmi di gioia perché esprime in pieno quelle che erano le nostre speranze” la gioia la felicità è perché no l’orgoglio di far parte di questa comunità “dei grandi ma sempre con un grande occhio verso i piccoli che sono la gioia e il futuro di questo semplice paesello….
Grazie grazie grazie ,con l’augurio che possa qualcuno cogliere l’invito anche nella bella località di Migliarino.

19/12/2022 - 16:52

AUTORE:
Migliarinese

Non solo Feste di Maggio, Maggio Migliarinese, Migliarinesi all'Estero, Teatro del Popolo a Migliarino si è spenta una comunità per mancato ricambio generazionale e mutamento dei costumi.
Rimane questo giornale, con fatica ma anche soddisfazione, ma fino a quando reggerano i nostri eroi?