none_o


Il precedente articolo di Franco Gabbani sul Castello di Vecchiano e la Chiesa di Santa Maria ha riscontrato un successo di lettura senza precedenti, con oltre 1400 letture sulla Voce e 1000 utenti singoli che lo hanno raggiunto su Facebook nella pagina dell'Associazione.

Ovviamente non conosciamo le letture su altre pagine su cui è stato condiviso, ma questi dati indicano con chiarezza il gradimento nei confronti dei temi storici del territorio.

Interesse dimostrato anche da Agostino Agostini, che ci ha proposto alcuni argomenti correlati.

Non vorrei essere cavilloso, però il simbolo di Soru .....
Ma come si fa a prendere in considerazione uno come .....
. . . a non volere nella lista Soru il simbolo di Italia .....
Il 17 gennaio scorso Renzi, con una nota ANSA, ha .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Associazione ambientalista - LA CITTÀ ECOLOGICA APS
none_a
di Umberto Mosso
none_a
di Bruno Pollacci
Direttore dell'Accademia d'Arte di Pisa
none_a
Primo Levi#Auschwitz #PrimoLevi #ebrei #campidiconcentramento #giornatadellamemoria
none_a
Pisa, 29 febbraio
none_a
Pisa, 27 febbraio
none_a
Avane, 24 febbraio
none_a
Pisa, 25 febbraio
none_a
Attiesse Spettacolo
none_a
L'amore è amore
senza se e senza ma
Raggiungerlo
è l'aspirazione
più ambita
desiderata
sentita
a cui tende
ogni creatura. . .
pur essendo .....
LA TARI è ARRIVATA E SALATA
MA IL KIT PER LA RACCOLTA NON ANCORA
SIAMO A MARZO.

COME MAI?
COSì NON VA BENE.
none_o
IL SISTEMA MARINA DI VECCHIANO
di Trilussa

19/12/2022 - 9:48

 
Un sistema in vigore da molti anni, semplice e collaudato, poco impegno ma anche risorse modeste per l’Amministrazione. Sarà quello giusto? Il massimo che si può trarre dalla gestione di un Parco, un Bosco e una Marina? Per maggioranza e opposizione pare che il problema non interessi. Ma sarà un bene per il futuro dei vecchianesi?
 
Finita da tempo la stagione estiva è il momento di tirare con calma le somme e fare i conti. Ed è importante farlo per sapere quanto effettivamente vale in denaro, quindi in ritorno economico per l’Amministrazione Comunale ma soprattutto per i vecchianesi, il Sistema Marina di Vecchiano. 


Sommare cioè da una parte tutte le spese sostenute prima e durante la stagione estiva per rendere efficiente, funzionante, pulita e sicura (per quanto possibile) la Marina e dall’altra mettere la somma degli incassi derivati dai parcheggi e dagli affitti delle strutture ricettive del litorale.
Lo stesso sindaco Angori, in un lungo articolo appena conclusa la stagione, ha elencato le innumerevoli spese sostenute per mantenere efficiente questo Sistema affermando che il tutto è reso sostenibile dagli introiti dei parcheggi e degli affitti. Noi però non conoscendo le cifre finali non possiamo formulare nessun giudizio sulla effettiva convenienza del Sistema.


Il mio interesse per questi conti vale ben poco, è solo una mia curiosità per sapere se questo impianto, oramai consolidato da molti anni e mai variato nonostante il succedersi delle amministrazioni, è alla fine quello giusto con un ritorno economico da giudicare importante nelle casse comunali. Ritorno economico non secondario visto che poi è da quello che derivano tutti i servizi e i vantaggi fiscali per i cittadini. Scuole, sanità, decoro urbano, sicurezza, manutenzioni, sgravi fiscali, aiuti agli svantaggiati, iniziative culturali.


Ne sarei felice perché il modo in cui viene ottenuto non corrisponde alla mia idea di Parco, e credo di quasi tutti quelli che come me hanno partecipato al vecchio CIP Comitato Iniziativa Parco che negli anni sessanta, con grande impegno e sacrificio personale, si oppose al progetto porto Christina.


L’idea che ispirava quei giovani di cui facevo parte era diversa e univa la tutela del territorio con una maggiore consapevolezza del valore del bosco e dell’ambiente naturale che avevamo salvato dalla speculazione. Consideravamo il bosco e la marina una cosa preziosa da salvaguardare e valorizzare, non certo da banalizzare come sta accadendo adesso, con cui ricavare notevoli vantaggi in termini di servizi per tutti i cittadini che in qualche modo la presenza del Parco aveva penalizzato.


Alcune idee dell’architetto Cervellati, incaricato del progetto, come l’albergo diffuso sul territorio utilizzando i molti fabbricati diffusi nella proprietà Salviati e la Porta del Parco, quest’ultima mai realizzata e nemmeno ipotizzata dalle varie Amministrazioni, univano la consapevolezza del valore del luogo con la possibilità di vantaggi economici per le casse comunali. Anche il pagamento all’ingresso del Parco, come succede in molti altri parchi in Italia e nel mondo, univa queste esigenze di consapevolezza, salvaguardia e ritorno di utili. Utili che tornavano indietro ai vecchianesi che avevano sopportato, e che stanno sopportando, specie gli abitanti della frazione di Migliarino, le limitazioni e i divieti legate all’istituzione dell’Ente insieme al notevole traffico veicolare estivo.
 
Quindi il mio interesse per questi conti è abbastanza secondario e ininfluente. Diverso è invece il discorso per quanto riguarda l’Amministrazione Comunale che dovrà valutare con molta attenzione il valore del detto Sistema. Dovrà tirare le somme finali fra costi e ricavi e valutare se il sistema oramai consolidato nei decenni continui ad essere quello giusto oppure se con opportune modifiche, parziali o sostanziali, potrebbe essere reso più efficiente e rendere di più.  E non è un aspetto secondario perché maggiori incassi renderebbero meno pesanti anche situazioni straordinarie come la passata pandemia o anche la spesa per il contenzioso Asbuc, una spesa non indifferente che sarà pagata da tutti i cittadini e graverà anche su quelli delle frazioni non interessate al contenzioso.


Ho scritto più volte anche dell’importanza di un diverso tipo di turismo che andrebbe intercettato e della necessità di un piano strategico per riuscire a inserire il nostro territorio in un progetto ampio per il nuovo turismo ecocompatibile. Accanto ad un turismo tradizionale che ama il mare favorire anche un turismo diverso, lento e riflessivo a cui basta solo godere dello spettacolo e del fascino della natura per essere coinvolto. Una cosa che a noi non manca di certo. Per questo naturalmente servono idee e soprattutto un piano strategico per la realizzazione di tutta una serie di accessori logistici come piste ciclabili e strutture di accompagnamento, di sosta e di ristoro. Un piano a lungo termine ma di cui servirebbe cominciare a gettare le basi.


Il recente progetto di mobilità sostenibile comunale finanziato dalla Regione Toscana ha visto una grande e qualificata partecipazione. Sono stati elaborati progetti interessanti e finalmente si è affrontato un tema su cui siamo in ritardo almeno di un paio di decenni e di diverse amministrazioni. Speriamo possa essere l’occasione finalmente di smuovere qualche nuova idea e soprattutto qualche nuovo progetto sul tipo di turismo che coinvolgerà il nostro territorio in un futuro non troppo lontano.


Cercare di intercettare questo nuovo tipo di turismo e rivalutare il sistema di accesso al Parco e alla Marina potrebbe essere la soluzione non solo per essere al pari coi tempi in tema di favore turistico e di tutela ambientale, ma anche per avere quel ritorno economico che permetterebbe al Comune di avere grandi risorse da destinare ai bisogni primari dei cittadini.


Ci sono esempi anche non troppo lontani da noi di come si possa far fruttare quello che abbiamo a disposizione trasformandolo sapientemente in beni pubblici e innovazione. Molti comuni non hanno niente, noi abbiamo un Parco e una Marina a disposizione. Sarà questo Sistema Marina di Vecchiano il modello vincente? Una domanda lecita, dunque, per questa e per la prossima Amministrazione ma anche per una opposizione che pare latitante su questo tema mentre potrebbe essere uno stimolo alla ricerca di nuove strade e nuove strategie di sviluppo per un comune con enormi possibilità ma poca visione del futuro.
 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

21/12/2022 - 18:56

AUTORE:
Bruno della Baldinacca-Contadino-Vivaista-FF.SS

Caro Mario, Tutto non si può avere e mi auguro che tu non abbia impedimento ad andare alla Nostra MdV, ma vengo a dirti che (purtroppo) non ho fatto scuole dell'obbligo ne superiori, ai miei tempi non costumava; ma son servite a chi è venuto dopo di me ed anche a te spero.
Oltre lavorare (anche sodo) all'età di anni n°12 nel /56 mentre io e mi' pà si cavava la fossa lungo il Viale Isabella, si fermò la Silvana, la moglie di Scipione Baglini con Edo il su' figliolo, tornavano dal mare in bicicletta (per noi a quei tempi erano tutte ciclabili le strade) e raccontavano che c'erano certi cavalloni...
Mì mà, la Placida disse: quest'altra settimana, finito di cavà le fosse, zappà le prode, seminato le rape e se non dovesse piove si va anche noi una mezza giornata al mare.
Povera mì mà, era nativa di Metato e la prima volta che vide il mare a 26 anni di età perchè mi pà attaccò la 'avalla al baroccio e ce la portò un giorno intero.
...negli anni /65/66 poi ce la portai io qualche volta al mare con la 500 e un paio di volte si desinò "Al Settebello" dove la Iliana (mi sorella) era aiuto cuoco/a di Beppe gestore del Settebello.
Ne è passata di acqua sotto i ponti e dal /98 dopo 39, 11 mesi e 20 giorni di lavoro le FF.SS mi misero in quiescenza (in ferie a vita) quindi; ndove ve sta mellio che li sul ciglio del mare?

...cosa che TRILUSSA a Marina di Vecchiano non ha mai dico mai messo piede sulla rena pur essendo in quiescenza.


nb: ho pagato come tutti gli italiani il dissesto di Alitalia e mai ho messo piede su un aereo...e pazienza se Mario c'è montato...non lo invidio.
bona.

21/12/2022 - 18:15

AUTORE:
Mario

Sono conetnto che tu risparmi ma io che al mare non posso venire cosa ci guadagno come cittadino di Vecchiano?
Ci guadagni solo te

21/12/2022 - 18:11

AUTORE:
Luigi B.

Dopo che il Sistema Peccioli ha partecipato alla Biennale di Architettura di Venezia e elaborato la Carta Peccioli, ora il sindaco Macelloni e una rappresentanza comunale voleranno a New York su un invito arrivato all’amministrazione da parte dell’Istituto Italiano di Cultura, emanazione del Ministero degli Affari Esteri, che ha sede a Manhattan e opera per la promozione della lingua e cultura italiana negli Stati Uniti.
Non c'è male per una discarica!
E non voglio fare polemica, faccio solo notare come siano fondamentali idee e progetti per il futuro del proprio territorio.

19/12/2022 - 16:55

AUTORE:
BdB

Se volevamo distruggere la selva palatina rimasta grazie ai duchi Salviati e i Lorena, bastava lasciar fare l'avvocato Barbetta milanese (quello della Lagomare a TdL) e congiungeva Viareggio a Marina di Pisa.
Gli Onassis a quei tempi avevano il potere di scacciare tutti gli autoctoni che ora vanno alla loro MdV e BdS con la modica spesa per il parcheggio auto (volendo) di 4 (quattro centesimi) di euro al giorno.

nota bene: per n° 100 giorni estivi al mare come il sottoscritto il risparmio per il parcheggio è di ero 785 perchè 15 euro son di abbonamento.

19/12/2022 - 16:04

AUTORE:
Luigi B.

Chi ha in dotazione un posto come il nostro dovrebbe avere l'obbligo di farlo rendere al meglio. Così fanno i comuni come Peccioli che hanno saputo far fruttare una discarica o tutti i comuni rivieraschi con belle spiagge ma anche belle strade pulite belle rotonde fiorite belle piste ciclabili che attirano turisti e soldi. I progetti per aumentare i parcheggi fino alla Bufalina è tutto quello che hanno saputo proporre di meglio anche i partiti all'opposizione. Non un bello scenario per il futuro di Vecchiano.

19/12/2022 - 10:57

AUTORE:
Bruno della Baldinacca, cittadino del Parco

....Molti comuni non hanno niente, noi abbiamo un Parco e una Marina a disposizione.
,;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;
...e siccome siamo "Comune Privilegiato" di un bene non comune ad altri: il governo centrale che poi è il governo di tutti noi, sottrae al Comune di Vecchiano 650mila euro l'anno per darli ai comuni che oltre a non avere niente di pregio, hanno frane e terremoti più spesso che da noi e....San Giuliano che "dona" 750mila euro allo stesso nostro governo nazionale perchè hanno le terme.
Voglio sperare che mentre noi ci andiamo pari, gli alberghi che si riempivano dei termali sono anni che son pieni di votame e...

Con l'amministrazione Lunardi e l'assessore Cattani riuscimmo ad avere dietro pagamento al Demanio statale tutta la MdV per 650milioni di vecchie lire e quindi a noi la Bolkistain non ci riguarda in eterno.
Sempre con la amministrazioni Lunardi si è avuta la Via del Mare in comodato d'uso dove per la stessa i Salviati/Centurione ci chiedevano 1 miliardo e 200milioni (sempre di vecchie lire per l'acquisto).
Con le amministrazioni Lunardi/Pardini si ebbe il parcheggio Case di Marina con 650milioni versati a Forese e Lionardo Salviati, pagati sempre con la cassa depositi e prestiti ventennale con le tasse.

Qui vado a braccio per sentito dire nelle assemblee annuali fatte dalle varie amministrazioni vecchianesi.
L'assessore Dilda Serena ci disse che la prima raccolta del legname e varie su MdV costava 100mila euro, poi c'erano le seguenti meno costose se il Serchio non faceva piene subito dopo aver pulito.
L'affitto del 10% della spiaggia data in concessione è di 1.000 (mille euro) al metro lineare quindi 120+120+80 = 320mila euro.
La Pisamo versa circa 320mila euro al comune dei parcheggi in concessione (direttamente il comune non può farlo per varie leggi statali che impediscono assunzioni e licenziamenti diretti.
Sempre in un report annuale delle amministrazioni si dice che i lavoratori diretti e l'indotto interessa 98 unità lavorative stagionali.
...e quando verranno da Parigi, Londra, Barcellona la mamme che han portato i bimbi a scuola in bicicletta se vorranno poi fare una capatina a vedere le nostre bellissime brinate sulle dune e sul ciglio del mare; si metterà l'agognato ingresso a pagamento per 365 giorni l'anno come richiesto dai Trilussa& e "vederemo" così le scuole più asfaltate e le strade più imbiancate.

Chi ha perso sempre le elezioni comunali vecchianesi, aveva in programma i parcheggi su Via del Balipedio estesi fin oltre la sbarra che delimita la spiaggia parzialmente in concessione, cosi da arrivare oltre il fosso della Bufalina, sempre con il dire: benefici per le scuole come se noi vecchianesi si hanno edifici catapecchia.

Meno traffico/più soldi bastava che noi del CIP si stesse buoni e cheti e così Cristina Onassis faceva di tutti noi ricchi guardiani delle loro barche; tipo Abramovic, Putin, Prada et Berlusconi.

nb. l'architetto che ci disse a noi del secondo Comitato Parco di Migliarino dell'albergo diffuso per le case coloniche Salviati, era l'architetto Bracciali di Firenze e non il bolognese Cervellati e comunque le case, la villa, la macchia è di proprietà Salviati: così mi disse Bona Salviati quando nell'/88 gli esposi il progetto dei migliarinesi riuniti in Consiglio di Frazione.
...ci espropriate e poi fate quel che volete.
amen.