none_o


Il precedente articolo di Franco Gabbani sul Castello di Vecchiano e la Chiesa di Santa Maria ha riscontrato un successo di lettura senza precedenti, con oltre 1400 letture sulla Voce e 1000 utenti singoli che lo hanno raggiunto su Facebook nella pagina dell'Associazione.

Ovviamente non conosciamo le letture su altre pagine su cui è stato condiviso, ma questi dati indicano con chiarezza il gradimento nei confronti dei temi storici del territorio.

Interesse dimostrato anche da Agostino Agostini, che ci ha proposto alcuni argomenti correlati.

Non vorrei essere cavilloso, però il simbolo di Soru .....
Ma come si fa a prendere in considerazione uno come .....
. . . a non volere nella lista Soru il simbolo di Italia .....
Il 17 gennaio scorso Renzi, con una nota ANSA, ha .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Associazione ambientalista - LA CITTÀ ECOLOGICA APS
none_a
di Umberto Mosso
none_a
di Bruno Pollacci
Direttore dell'Accademia d'Arte di Pisa
none_a
Primo Levi#Auschwitz #PrimoLevi #ebrei #campidiconcentramento #giornatadellamemoria
none_a
Pisa, 29 febbraio
none_a
Pisa, 27 febbraio
none_a
Avane, 24 febbraio
none_a
Pisa, 25 febbraio
none_a
Attiesse Spettacolo
none_a
L'amore è amore
senza se e senza ma
Raggiungerlo
è l'aspirazione
più ambita
desiderata
sentita
a cui tende
ogni creatura. . .
pur essendo .....
LA TARI è ARRIVATA E SALATA
MA IL KIT PER LA RACCOLTA NON ANCORA
SIAMO A MARZO.

COME MAI?
COSì NON VA BENE.
none_o
CENONE da Cracco(Milano)
di Trilussa

1/1/2023 - 10:49


Anche in questo disgraziato anno 2022 gli italiani si sono posti il problema del cenone di fine anno. Non tutti comunque vista la massa di utenti della Caritas Ambrosiana di Milano o della mensa dei poveri dell’Opera di San Francesco, sempre di Milano, che supera giornalmente le 5.000 unità. Questi dal cenone di fine anno saranno sicuramente esclusi a meno che le stesse benemerite associazioni di volontariato non decidano di fare un ulteriore sacrificio personale per dare anche a questi poveri e dimenticati un po’ di gioia e conforto almeno l’ultimo giorno dell’anno. 


Questi degli emarginati sono numeri in grande crescita a causa della situazione economica in cui si viene a trovare un numero sempre maggiore di famiglie gravate da costi insostenibili per energia e necessità alimentari, per perdita del posto di lavoro, cassa integrazione, sfruttamento e salari da fame per chi un posto di lavoro saltuario è riuscito a trovare.


Sono destinati comunque ad aumentare anche perché i provvedimenti del nuovo governo Meloni non hanno riguardato questa parte più povera e indifesa del paese ma hanno deciso di avvantaggiare altri settori produttivi. Questo seguendo una loro logica governativa, tanto lecita quanto sinceramente non condivisibile.


Quanto alla domanda poi come ci siano in Italia e nel mondo gente che muore di fame mentre si spendono miliardi in armi e armamenti non so rispondere in maniera troppo ottimistica.


Poi ci sono i cittadini comuni che possono permettersi qualche spesa in più e se ancora molti opteranno per un cenone al ristorante (50-100 euro di media/cadauno) credo che molti italiani più degli anni scorsi opteranno per una cena casalinga, magari invitando amici e/o parenti e cucinando in proprio.


E qui siamo nella parte del paese che, pur variegata e con diverse sfumature, rappresenta la media nazionale. Poi ci sono i diversi. I diversi non sono pochi, sono molti, moltissimi, molti più di quelli che pensiamo. Sono quelli che prenotano il loro cenone (devono farlo in fretta, per trovare posto) in ristoranti esclusivi come questo che mostriamo: il ristorante Cracco di Milano, in galleria. Menù particolare, pietanze strane e costose, piccole porzioni di ricette ricercate con quel tanto d’innovativo che altrimenti non vale la differenza, con un conto finale di 450 euro cadauno. Bevande escluse!


Moglie e marito (o la nuova amante, molta di questa gente è fatta così) un migliaio di euro se va bene e non si beve molto, ma per le loro tasche non farebbe nessuna differenza. Anche l’abbigliamento ha dovuto naturalmente essere appropriato ma non credo che queste spese abbiano messo in difficoltà i partecipanti. Questi fanno parte di una congrega a se stante che non ha problemi a pagare le bollette, non ha affitti da pagare (ma magari da riscuotere), non ha problemi ad arrivare a fine mese e non ha visto nemmeno diminuire il proprio reddito con la passata pandemia. Rientra in quelle numerose categorie di imprenditori grandi e piccoli, che secondo le fonti attendibili della ragioneria di stato hanno visto crescere, in questi anni di crisi e pandemia, addirittura la loro ricchezza aumentando la loro distanza economica dai ceti meno abbienti del paese.

 

E insieme a loro mi immagino professionisti affermati, nobili nullafacenti, calciatori ultra pagati, rampolli viziati e ignoranti, nuovi ricchi cafoni, vecchie glorie artistiche sempre in lotta con l’età accompagnate dai loro chirurghi plastici, giocatori di borsa (quelli bravi) che fanno i soldi con la tastiera del computer mentre il lavoro vale sempre meno e la finanza prevale e condiziona.

Non mancherà qualche   politico di professione e anche qualche affarista senza scrupoli nella speranza di cogliere l’occasione della vita facilitato dall’atmosfera e dallo champagne. Tutta gente col portafoglio gonfio e col desiderio, non troppo nasocosto, di apparire e apparire felice.


Un situazione di disuguaglianza nel nostro paese, un divario economico fra ricchi e poveri che negli ultimi anni è andato crescendo nonostante la costante partecipazione ai vai governi di quella sinistra che si è sempre detta paladina dei più poveri, dei ceti meno fortunati.


Ora di fronte a questa cifra per una cena i pareri sono molto discordi. Fra quelli positivi ci sono alcuni che plaudono alla bravura dello chef, al suo sapersi conquistare una fama internazionale per la sua cucina, alla gloria culinaria nostrana che porta nel mondo. Altri vedono la cosa positivamente per il giro di soldi che comporta e che fa girare l’economia, un po’ alla Meloni, per intenderci.


Giorgia Meloni, un politico che supera di una spanna per personalità, carisma e intelligenza la sua intera coalizione. Ogni tanto da noi ne nasce uno e riesce ad imporsi in quel panorama asfittico e inconsistente della nostra politica fatta di riciclati e autoincensiti . E’ nata per nostra sfortuna a destra, in questo momento a sinistra avrebbe fatto molto comodo..

 

Poi ci sono gli invidiosi, quelli che non hanno la capacità economica per andare e che invidiano chi può farlo cercando di zittire tutti quelli che sono critici per le cifre che vengono spese per una semplice cena, un fine anno ma sempre di una cena si tratta.


Io non sono fra quelli, gli invidiosi, non sarei mai andato, anche se ne avessi avuta la possibilità. Non mi ritroverei a mio agio fra i “velluti e gli ori”  che questo tipo di spettacolo comporta. Quindi potrei pormi nel mezzo, felice di avere campioni nazionali che primeggiano in quello che rappresenta una fonte importante di reddito e fama nel mondo intero. Ricordo che proprio l’Italia è risultata prima nella classifica mondiale dei paesi dove si mangia meglio.


Ma più che invidioso provo invece un piccolo senso di disagio, un fastidio nel constatare che in questo momento particolare ci possa essere chi può spendere per una semplice cena, sia pure un cenone di fine anno, una cifra che può uguagliare quel reddito di cittadinanza, ora diventato molto precario, con cui molte famiglie tirano avanti per un intero mese. Un pensiero triste, ben lontano dall’invidia.


Un ultimo pensiero infine per quei lavoranti, cuochi sguatteri e camerieri, che dovranno impegnarsi molto in questa kermesse culinaria sperando che, almeno per loro, i loro diritti sanciti per legge vengano totalmente riconosciuti.
 
 
 
 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

4/1/2023 - 12:48

AUTORE:
Maxinduin

Caro oss1 sai chi il primo partner commerciale dell'Iran ? E'il nostro paese, sappilo...
Quest'anno le esportazioni verso i " teocratici" , armi comprese, sono aumentate del 15 % . Va a finire che li sostemiamo noi...
se poi si scopre che le armi finiscono anche ai russi facciamo bingo...

4/1/2023 - 7:33

AUTORE:
Lillo

Siamo in un mare di guai e in un oceano di problemi prigionieri ergastolani dei massimi sistemi...già...ma tutto risolverà la fatina...per la verità cercano tutti di crederci, fingono di promettere che saranno ligi alle regole ai regolamenti tranne ai pagamenti delle tasse...mi vien la tosse con forti scosse...niente paura crolla la cultura e come è successo alle più grandi civiltà, si estinguerà presto anche la nostra società!

4/1/2023 - 7:19

AUTORE:
Oss 1

...io le chiamo zuppe e per giunta notturne fra pensionati se...non sei un guardio notturno-portiere di notte o cosaltro.
Di rivoluzioni che poi alla lungo si son dimostrate involuzione ne ho viste due anti americane; la cubana di Fidel che morto lui ci andò suo fratello al potere e quella comeiniana e come vediamo i teocratici per tirare avanti economicamente son costretti a vendere i droni al macellaio e macellare i propri giovani.
Lasinistra lasciò fare perché erano anti americane e giustamente a ragion veduta ora parli di monchi.
Buona befana a tutti noi.

4/1/2023 - 5:29

AUTORE:
Maxinduin

E se come al solito oss1 non ha capito una mazza ? Difatti fa un minestrone, pseudo politico, senza capo né coda.
Siamo un paese capitalista, governato da una economia di mercato. O facciamo una rivoluzione per cambiare il sistema o ci teniamo questo.
Ho scritto " alzi la mano chi vorrebbe un sistema diverso ", sono pronto a scommettere che saremmo tutti monchi...

4/1/2023 - 0:59

AUTORE:
Osservatore 1

...con i se ed i ma, anche Bertinotti poteva fare il PdC.

Maxinduin scrive: Alzi la mano chi vorrebbe un altro sistema...
Diciamo...Eva Kaili, Panzeri et family come esempio di socialismo realizzato?
Siamo garantisti ma come recita la metafora di Pierluigi Bersani: una volta che il dentifricio è uscito dal tubetto, rimetterlo dentro è impossibile e le gite da favola del "compagno" Panzeri ormai son fatte!
Vado via dal PD renziano perchè non rappresenta i miei valori....oioia-oimmena sig Panzeri.

Possiamo anche non impiegare i nostri calafati per costruire le loro barche e così le costruiscono gli svizzeri invece dei viareggini.

Mario Monti appena insediato PdC era intenzionato a far pagare una grossa tassa alle grosse barche e gli dissero: vedi Mario, quanto più grosse sono, prima arrivano in Costa Azzurra, così perdete anche i posti barca (parcheggio annuale) in Costa Smeralda, Viareggio e...

La Scala Concerti di Milano non è la sola, ci sono in Francia, in Inghilterra, Russia in Vietnam e forse anche in Corea del Nord.

Le olimpiadi romane la Raggi e Fassina "chi" non le han volute, come il Grillo Giuseppe detto Beppe non voleva l'expo di Milano.

L'Italia vive di turismo e far le nozze con i fichi secchi non conviene a chi lavora nella ristorazione, negli alloggi grossi e piccini.
Al tempo della dura pandemia ho sentito (alla mia televisione) chiedere aiuto al governo anche da Vissani; certo che lui poteva anche cavarsela se mandava tutte le maestranze a casa...

nb. al tempo di Maozedong; camice tutte uguali senza colletto e guai le cravatte, i cinesi pativan la fame, ora ci comprano le squadre di calcio che erano di Moratti e Berlusconi e con la via della seta del nostro ministro Gigino di Maio ci compravano "dunnicosa" poi menomale venne un altro Mario e li ci mise una zeppa.

3/1/2023 - 23:13

AUTORE:
Maxinduin

E se la spiegazione fosse più semplice e facessimo meno ricorso alle seghe mentali ?
Volenti o nolenti viviamo in una società capitalistica, in una parte del mondo ( la più ricca)dove il mercato la fa da padrone. E quindi ci sono Cracco, McDonald's e le osterie fuori porta. Ad ogni tasca il suo. Se ci fa specie la cena da Cracco, deve farci altrettanto specie il concerto alla Scala del 7 dicembre. Se ci fa specie la cena da Cracco che dire allora degli stipendi dei calciatori. Se ci fa specie la cena da Cracco che dire dei 200 milioni che verranno spesi per costruire la pista da bob per le olimpiadi di Milano/Cortina 2026, pista che esisterebbe già ma vuoi mettere farla nuova ? Peccato che dopo le Olimpiadi la useranno, forse, solo i 124 atleti italiani che praticano questa disciplina.
Sono soddisfazioni.
Il capitalismo è anche questo.
Alzi la mano chi vorrebbe un altro sistema...

3/1/2023 - 11:51

AUTORE:
Cherida

Se c'è una cosa che mi fa letteralmente imbestialire è lo spreco del cibo, a seguire l'esaltazione delle portate su piatti raffinati di tre caccole super decorate fredde e rimaneggiate dai costi stratosferici...cari chef cuochi e gourmet siete tutti supervalutati e superpagati, senza aggiungere che vi sentite onnipotenti nelle modernissime cucine a guidare stuoli di aiutocuochi che galoppano si prendono poche lodi e troppi rimproveri...
Sarò anche una sempliciotta ma sono sicura che nelle osterie a conduzione familiare si resta molto più sazi ed appagati...e il portafoglio non piange!

2/1/2023 - 19:43

AUTORE:
Professorone

Volevo andare a La Pergola a Roma per 1450 euro a persona (ma i vini erano compresi). Poi ho visto nel menù che non c’erano le lenticchie ed allora non sono andato!

1/1/2023 - 19:09

AUTORE:
F.C.

Analisi cruda amara ma vera. Le cause? La politica ha grosse responsabilità. I problemi della comunità, specialmente dei più deboli, sono trascurati da una classe politica che ha preferito il consenso personale di potere. Aggiungo. Circondati spesso da tifosi. La vera POLITICA non è mai stata un mestiere.