none_o


In questo nuovo articolo di Franco Gabbani viene trattato un argomento basilare per la società dell'epoca, la crescita culturale della popolazione e dei lavoratori, destinati nella stragrande maggioranza ad un completo analfabetismo, e, anzi, il progresso culturale, peraltro ancora a livelli infinitesimali, era totalmente avversato dalle classi governanti e abbienti, per le quali la popolazione delle campagne era destinata esclusivamente ai lavori agricoli, ed inoltre la cultura era vista come strumento rivoluzionario. 

. . . . . . . . . . . a tutto il popolo della "Voce". .....
. . . mia nonna aveva le ruote era un carretto. La .....
. . . la merda dello stallatico più la giri più puzza. .....
. . . ci siamo eruditi, siamo passati da Rametti a .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per scrivere alla rubrica: spaziodonnarubr@gmail.com
Pisa, 24-27 giugno
none_a
Tirrenia, 17 giugno
none_a
di Alessio Niccolai con Alma Pisarum APS
none_a
Villa di Corliano, 27 giugno
none_a
Pugnano, 22 giugno
none_a
Le cose andrebbero meglio
se non bene
se si procedesse
tutti quanti insieme. . .
rispettando modi, tempi, capacità
valorizzando le competenze .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
Accademia della Bugia
CAMPIONATO ITALIANO DELLA BUGIA OSPITE DI RAI 3

30/1/2023 - 15:21


CAMPIONATO ITALIANO DELLA BUGIA OSPITE DI RAI 3

Accademia della Bugia 
Ccn:lavocedelserchio@yahoo.it

 Questa mattina, a Le Piastre, si sono svolte le registrazioni di un servizio televisivo che andrà in onda il 10 febbraio nella storica trasmissione "Elisir" di Rai 3.

Sono stati intervistati diversi personaggi storici locali con l'intento di indagare i motivi che hanno portato il paese appenninico a diventare capitale della Bugia.

In paese sono stati esposti i classici cartelli bugiardi che hanno colorato le vie centrali. Non sono mancati nemmeno i reperti del museo della Bugia: tra le strisce pedonali tascabili, la trota con pelliccia dell'era glaciale, il tappo del lago di Como e la natività del 200 A.C, sono fioccati momenti di ironia e divertimento. 
Soddisfazione da parte dell'Accademia della Bugia, come spiega il Magnifico Rettore, Emanuele Begliomini: "Per noi è sempre motivo di grande orgoglio essere riconosciuti dalla tv statale.

Questo gratifica non poco il nostro movimento costituito dall'operato di tanti volontari. In segno di ringraziamento e amicizia abbiamo donato alla Rai un ricercatissimo pezzo di ghiaccio della Valle del Reno dell'inverno 1985". 

Alleghiamo foto (altre foto, sulle nostre pagine di Facebook)









+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri