none_o


L'articolo di oggi non poteva non far riferimento alla festa del SS. Crocifisso che Pontasserchio si appresta a celebrare, il 28 aprile.Da quella ricorrenza è nata la Fiera del 28, che poi da diversi anni si è trasformata in Agrifiera, pronta ad essere inaugurata il 19 aprile per aprire i battenti sabato 20.La vicenda che viene narrata, con il riferimento al miracolo del SS. Crocifisso, riguarda la diatriba sorta tra parroci per il possesso di una campana alla fine del '700, originata dalla "dismissione" delle due vecchie chiese di Vecchializia. 

. . . quanto ad essere informato, sicuramente lo sono .....
Lei non è "abbastanzina informato" si informi chi .....
. . . è che Macron vuole Lagarde a capo della commissione .....
"250 giorni dall’apertura del Giubileo 2025: le .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Colori u n altra rosa
Una altra primavera
Per ringraziarti amore
Compagna di una vita
Un fiore dal Cielo

Aspetto ogni sera
I l tuo ritorno a casa
Per .....
Oggi è venuto a mancare all’affetto di tutti coloro che lo conoscevano Renato Moncini, disegnatore della Nasa , pittore e artista per passione. .....
Fondazione Il Cuore si scioglie
INSIEME PER LA SIRIA

10/2/2023 - 8:54

INSIEME PER LA SIRIA  
 
La Fondazione Il Cuore si scioglie invia nuovi contributi  
per la popolazione colpita dal terremoto in Siria e Turchia.  
Da Aleppo, il racconto e le immagini  
dei volontari dell’associazione Mano nella mano  
 
 
Il terremoto fa paura ma, ancor più, fa paura il dopo terremoto: sfollati, macerie, acqua e cibo razionati, la minaccia del gelo invernale e la ricerca affannosa di corpi e superstiti, a quattro giorni dal terremoto che ha colpito la zona tra la Siria e la Turchia meridionale nella notte tra domenica e lunedì. Questo il racconto che arriva dall’associazione Mano nella mano che, ad Aleppo, si occupa di sostegno e recupero dei bambini colpiti dalla guerra con progetti sostenuti anche dalla Fondazione Il Cuore si scioglie e Arci.

È proprio all’associazione che la Fondazione il Cuore si scioglie ha destinato un contributo di 10mila Euro per l’acquisto di beni di prima necessità: cibo e coperte, le cose essenziali per sopravvivere nell’emergenza, dopo il panico delle prime ore e in attesa di nuovi aiuti. Dopo un primo contributo inviato in settimana agli ospiti del convento dei Frati francescani di Aleppo, la Fondazione Il Cuore si scioglie ha deciso di rinforzare l’impegno con una seconda donazione concordata con Arci, partner dei progetti sviluppati con l’associazione Mano nella mano.  
Di fronte alla tragedia che ha colpito la Siria, l’appello a donare è aperto a tutti: chi volesse contribuire, può farlo donando direttamente sul conto corrente della Fondazione il Cuore si scioglie, indicando come causale “Terremoto Siria Turchia” (conto corrente Fondazione Il Cuore si scioglie IT21-Y010-3002-8000-0000-7168-447). La Fondazione Il Cuore si scioglie convoglierà i fondi alle associazioni Mano nella mano e Francescani di Terrasanta, attive ad Aleppo, in collaborazione con i partner Arci Toscana e Giovanni Paolo II.  
 
La cronaca dell’emergenza 
Da Aleppo, intanto, arrivano testimonianze sulla devastazione che ha colpito Aleppo. A raccontare è di Yadan Bi Yad, Zeinab, la presidente dell’associazione Mano nella mano: «Le macerie del terremoto si accumulano sulle macerie dei bombardamenti. Gli edifici della città, già indeboliti dalla guerra, sono crollati come castelli di carte. I soccorsi stanno ancora estraendo corpi da sotto le macerie nella speranza di trovare persone ancora in vita. Le scosse si susseguono ancora, terrorizzando le persone. Questa calamità si aggiunge alla tragedia che vive il nostro Paese, sconvolto da tredici anni di guerra civile e ora colpito dal terremoto più forte degli ultimi 800 anni. In questa situazione, anche a causa dell’embargo, gli aiuti arrivano con difficoltà: la donazione che arriva dalla Toscana è una sorpresa che ci dà sollievo e la speranza di poter superare questo momento terribile. Io e tutti noi ringraziamo la Fondazione Il Cuore si scioglie e Arci che ci hanno dato il loro sostegno e la loro vicinanza. Sapere di non essere dimenticati ci dà forza di affrontare l’immensa emergenza che stiamo vivendo».  
 
L’associazione Mano nella mano 
L’associazione Mano nella mano opera nel Centro di riabilitazione e protesi per i bimbi feriti dalla guerra di Aleppo realizzato nel 2018-2019 con il contributo della Fondazione Il Cuore si Scioglie. Il Centro ha avuto danni lievi, essendo un edificio ad un solo piano di cemento armato. Attualmente al Centro stanno arrivando molti bambini portati dalle famiglie sfollate che non riescono a prendersene cura: i bimbi arrivano spesso senza nulla, senza vestiti, soldi o altro. È purtroppo ingente il numero di bambine e bambini orfani o con genitori feriti o sotto shock che non possono più contare sull'assistenza di nessuno e che sono accolti dunque nel centro assieme agli altri. Il freddo è molto intenso e la priorità è avere le risorse economiche per procurarsi beni di prima necessità: latte, biscotti, medicine, latte in polvere per l'allattamento dei più piccoli, biancheria intima, lenzuola e vestiti pesanti per proteggersi dal freddo. 
 
Donazione “Terremoto Siria Turchia” 
Fondazione Il Cuore si scioglie – conto corrente IT21-Y010-3002-8000-0000-7168-447 – causale Terremoto Siria Turchia 
 
Firenze, 9 febbraio 2023 
 
Ufficio Stampa  
Unicoop Firenze 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri