none_o

Nei giorni 26-27-28 aprile verranno presentati manufatti in seta dipinta: Kimoni, stole e opere pittoriche tutte legate a temi pucciniani , alcune già esposte alla Fondazione Puccini Festival.Lo storico Caffè di Simo, un luogo  iconico nel cuore  di Lucca  in via Fillungo riapre, per tre mesi, dopo una decennale  chiusura, nel fine settimana per ospitare eventi, conferenze, incontri per il Centenario  di Puccini. 

#NotizieDalComune #VecchianoLavoriPubblici #VecchianoSport
none_a
Pisa, 17 marzo
none_a
Comune di Vecchiano
none_a
. . . i fischi per fiaschi è la tua attitudine principale?
Se .....
. . . manca l'acqua, il presidente Schifani raziona .....
. . . caro Mirko, io non ho chiesto di mettere un .....
. . . Mario.
Mario ir mì 'ugino mi disse: sei venuto .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Colori u n altra rosa
Una altra primavera
Per ringraziarti amore
Compagna di una vita
Un fiore dal Cielo

Aspetto ogni sera
I l tuo ritorno a casa
Per .....
Oggi è venuto a mancare all’affetto di tutti coloro che lo conoscevano Renato Moncini, disegnatore della Nasa , pittore e artista per passione. .....
POETESSE DEL’900. PER NON DIMENTICARE 4 INCONTRO

15/2/2023 - 18:22


(I precedenti  incontri  sono stati pubblicati il 21/12/22, il 30/1/2022 e 17/1/ 2023 ) 
 
In questo 4° incontro della rassegna POESIA DIFFUSA parleremo di Giovanna Sicari (1954- 2003), Caterina Saviane (1960- 1991) e Claudia Ruggeri (1967 – 1996).  Come possiamo notare dalla loro data di nascita, sono autrici contemporanee che sono state dilaniate dalla vita e che esprimono nei loro versi un colloquio continuo con la morte. Sono poesie che accumulano parole,  accatastano versi ed emozioni, rabbie e dolori  senza una precisa linearità, dire tanto e senz’ordine, attraverso gli eccessi di un magma fluente e catartico. 
 
GIOVANNA SICARI Taranto 15 aprile 1954 –  Roma 31 dicembre  2003 poetessa e scrittrice, nel 1962 si trasferisce con la famiglia a Roma  e a partire dagli anni Ottanta  lavora come insegnante al penitenziario di Rebibbia. Le sue prime poesie  escono su riviste sin  dal 1982, dal 1986 pubblica sette libri di versi e tre di prosa. Nel 1997 si ammala gravemente, si trasferisce per un periodo a Milano con il marito, il poeta  Milo De Angelis , ed il figlio, poi torna a Roma nell’estate del 2003, dove muore il 31 dicembre.  Il libro “Poesie 1984- 2003” Edizioni  Empiria  2006,  a cura di Roberto Deidier , sono state pubblicate nella Collana gialla della memoria .  A lei sono  dedicate la raccolta di poesie di Milo De Angelis “Tema d’addio”, e la suite “Poesie per Giovanna”  di Biancamaria Frabotta .  Su uno dei suoi testi, Roma della vigilia, Giancarlo Pontiggia scrive che ci appare come “ il libro in cui si devono fare i conti con la vita, una volta per tutte, e con l’urgenza di chi sa che i giorni sono davvero contati, che il tempo non è più nostro, se mai un giorno lo è stato”.


Roma dell’eterna vigilia spariva

nella sua foto di festa, spariva per tutto ciò che

non mi riguardava, per la sua macchina goliardica e oscena

per quella luce portentosa dell’adolescenza

per quella luce dei fari e dei piccioni

per quegli infiniti mesi di maggio

di tutti i tempi, di tutti i tempi

con la stessa febbre che solo qui

dà quella brama non per me protesa.
 
CATERINA SAVIANE ( 1960-1991). Nata a Roma nel 1960, esordisce giovanissima nella narrativa con Ore perse- vivere a sedici anni-pubblicato nel 1978 da Feltrinelli, testimonianza di un male di crescere destinato a divenire incurabile, muore infatti di overdose nel 1991. Era figlia del giornalista Sergio Saviane (1923- 2001), con cui aveva un rapporto difficile ma ironicamente affettuoso (Cosa starà ammucchiando mio padre in quella testa di giornalista sbalestrato..). Oltre al romanzo,  ci ha lasciato una serie di poesie che nel 2015 Nottetempo ha pubblicato con il titolo di un suo verso: Appènna ammattìta, poesia ad alta voce, di giochi sonori di assonanze e dissonanze, onomatopee, tra le quali si perpetuano il senso della lotta, il sentimento della diversità, il vincolo della scrittura, il richiamo della morte. Andrea Zanzotto, per la forza e l’irruenza  dei suoi versi, li definì “un movimento ciclonico incontenibile”, fulminanti nella loro nudità che trafigge il cuore. 


Dài, ti prego, tiénimi compagnia,
stanotte – metti che io muoia –
stanotte – che sia l’ultima notte
la più bella? – che muoia.
 
CLAUDIA RUGGERI (Napoli, 30 agosto 1967 – Lecce, 27 ottobre 1996) – Nasce a Napoli nel 1967 ma  l’anno dopo si  trasferisce a Lecce, terra d’origine del padre. Muore suicida giovanissima.  A  18 anni partecipa a un reading pubblico alla Festa dell’Unità della sua città affascinando  il pubblico con la sua performance poetica. Stringe amicizia con il poeta Dario Bellezza e, attraverso un dialogo epistolare, mostra i suoi versi al critico Franco Fortini, a cui chiede un parere. Fortini, pur accorgendosi del  suo talento,  lo giudica ancora grezzo, e troppo carico  di richiami, rimandi ed echi letterari,  incoraggiandola  ad alleggerirsi per far emergere la sua voce più autentica.  Nella sua  poesia  troviamo echi di grandi come  Dante,  Montale,  Shakespeare, Pound,   che si mescolano  con l’incanto e la magia della sua terra,  luogo dell’anima . La prima raccolta, Inferno minore,  esce  sulla rivista L’incantiere  dopo due mesi dalla sua morte. E’ un  esplicito omaggio a Dante, ed esplora il tema del vacuo e dei dilemmi esistenziali che l’uomo affronta nel mondo e dentro di sé. Un’edizione in volume esce solo nel 2007 per peQuod con l’aggiunta di materiale inedito e poi nuovamente nel 2018 per Musicaos, che pubblica anche  )e pagine del travaso e nuovi inediti. Buona parte dei suoi manoscritti si trova oggi a Firenze, presso il Gabinetto Vieusseux, a cui sono stati donati dalla famiglia nella primavera 2005.]


T’avrei lavato i piedi
oppure mi sarei fatta altissima
come i soffitti scavalcati di cieli
come voce in voce si sconquassa
tornando folle ed organando a schiere
come si leva assalto e candore demente
alla colonna che porta la corolla e la maledizione
di Gabriele, che porta un canto ed un profilo
che cade, se scattano vele in mille luoghi
– sentite ruvide come cadono -; anche solo
un Luglio, un insetto che infesta la sala,
solo un assetto, un raduno di teste
e di cosce (la manovra, si sa, della balera),
e la sorte di sapere che creatura
va a mollare che nuca che capelli
va a impigliare, la sorte di ricevere; amore…
 
Nadia Chiaverini

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

20/2/2023 - 9:23

AUTORE:
Cristina

Grazie Nadia Chiaverini di questo nuovo dono, di portare a nuova luce le parole di queste tre donne, poetesse da non dimenticare.

Cristina Lastri

16/2/2023 - 1:02

AUTORE:
Nadia Chiaverini

Ringrazio per lo spazio dedicato agli incontri di questa rassegna . Per chi fosse interessato/a comunico che parleremo di queste tre poetesse martedi 22 febbraio alle ore 18 al Caffe Letterario Voltapagina, Via San Martino, 71, Pisa. il 5° e ultimo incontro invece si svolgerà alle Officine Garibaldi il 17 marzo prossimo.