none_o
Proseguendo la serie di articoli sulle vicende ( e leggende) del territorio, Agostino Agostini ci regala il resoconto immaginifico del serpente-alato, che abitava il castello dei Pagano da Vecchiano. Fu ucciso - secondo la leggenda - da Nino Orlandi nel 1109 nella selva palatina di Migliarino (oggi tenuta Salviati). Imbalsamato fu posto nel Duomo di Pisa ma ando' perduto nell'incendio del 1595. Una ulteriore riprova della grande ricchezza storica del nostro territorio.
Ammetto l'errore, ho solo visto il simbolo di presentazione, .....
. . . . Buonafede Alfonso, candidato sindaco di Firenze, .....
Cosa ci dicono le votazioni in Sardegna?

Calenda .....
Più che sembrare cavilloso mi sembri "mistificante" .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Associazione ambientalista - LA CITTÀ ECOLOGICA APS
none_a
di Umberto Mosso
none_a
di Bruno Pollacci
Direttore dell'Accademia d'Arte di Pisa
none_a
Primo Levi#Auschwitz #PrimoLevi #ebrei #campidiconcentramento #giornatadellamemoria
none_a
Eccolo
Come una furia scatenata
è arrivato il vento
a riportare tormento
alle marine
Prima con le piogge
che hanno colpito
la montagna
con smottanento
frane .....
LA TARI è ARRIVATA E SALATA
MA IL KIT PER LA RACCOLTA NON ANCORA
SIAMO A MARZO.

COME MAI?
COSì NON VA BENE.
Un’estate al Grand Hotel: (quarta puntata)

13/3/2023 - 7:14



La prima settimana d’agosto era passata. Come le altre mattine iniziai il lavoro, la veranda e le camere. Ero scesa in lavanderia per mettere gli stracci nella lavatrice. Per accedere alla lavatrice si dovevano salire quattro scalini, sembrava un altare. Misi il piede destro sul primo scalino e alzai il sinistro sul secondo. Non ci arrivai mai. Scivolai battendo lo stinco sul bordo dello scalino di cemento. Mi girai piano e mi misi seduta, sentii la testa girare e un dolore allo stomaco come se qualcuno me lo strizzasse
 
“Ma che fai?” disse Mara entrando.
“Sono scivolata, non è niente” mi passai una mano sulla fronte.
“Ma sei bianca come la cera”.
“Mi porteresti un po’ di ghiaccio?”
 
Mentre Mara andava in cucina mi avvicinai al lavatoio e feci scorrere l’acqua fredda sulla gamba, sentivo le gocce di sudore scivolare dal viso sul collo. Chiusi il rubinetto e mi misi a sedere sui gradini.

“Ma sei andata al Polo Nord a prendere il ghiaccio?” dissi alzando la testa “Ma il ghiaccio?”
“Ha detto... ha detto la Signora che non te lo da... così impari” disse Mara abbassando gli occhi
“Ah! Si! ... non me lo da, vediamo” mi asciugai la gamba e andai in cucina
“La Stronza era lì con la tazza di caffè in mano. Non mi da il ghiaccio? Bene! Vado al pronto soccorso...”
 
La Stronza appoggiò la tazzina sul piattino e disse:
 
“Per questa volta lo prenda, ma stia più attenta”
 
Le avrei ficcato la tazzina in gola e anche il piattino. Dopo un quarto d’ora mi portò un gel per la cura delle contusioni.
Lea si fermava spesso a dormire in Hotel prima di tornare a casa. Quel giorno passai da mia mamma.
 
“Ho preparato la di tisana al finocchio, ne vuoi un po’?” disse dopo avere aperto la porta
“Mi servirebbe un bidone di camomilla, ma va bene il finocchio” risposi accennando un sorriso
 
Mia mamma prese dalla credenza due tazze e la zuccheriera
 
“Io ci metto il miele” le dissi
 
Prese il barattolo del miele di castagno e lo appoggiò sul tavolo, le tazze color pervinca bordate d’oro le appoggiò sulla pietra di marmo dell’acquaio e ci versò dentro il liquido giallognolo
 
“La lasciamo raffreddare” disse e dal cassetto tirò fuori i cucchiaini che appoggiò sui piattini bordati d’oro. Prima di tornare a sedere mia mamma aprì la finestra di cucina.
“Così entra un po’ d’aria”
 
Il sole si era nascosto dietro al Municipio e la tendina a quadretti dell’acquaio iniziò a muoversi.
Le raccontai cosa era successo al lavoro.
 
“Sarà bene mettere ancora un po’ di ghiaccio?”
 
Allungai la gamba, il rossore della mattina aveva virato al viola
 
“A questo punto credo che il ghiaccio non serva, prima di andare a letto metto un po’ di pomata per le contusioni”
“Ne hai a casa?”
“Si, ne ho metà tubetto”
“Quella donna lì è mezza matta”
No! È tutta matta e ci fa diventare matte anche noi”
 
Mi alzai per prendere le tazze e le appoggiai sul tavolino, la temperatura era giusta ne bevvi un sorso. Le raccontai cosa aveva fatto a Oscar.
 
“Sembra quasi impossibile dover chiedere mezzo limone” mia mamma bevve un sorso di tisana e appoggio la tazza sul tavolo “quel ragazzo l’hanno messo a dormire in uno stanzino? Lo sai cosa mi fa venire in mente questo episodio, vero?” (continua…)
 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri