none_o

Nei giorni 26-27-28 aprile verranno presentati manufatti in seta dipinta: Kimoni, stole e opere pittoriche tutte legate a temi pucciniani , alcune già esposte alla Fondazione Puccini Festival.Lo storico Caffè di Simo, un luogo  iconico nel cuore  di Lucca  in via Fillungo riapre, per tre mesi, dopo una decennale  chiusura, nel fine settimana per ospitare eventi, conferenze, incontri per il Centenario  di Puccini. 

#NotizieDalComune #VecchianoLavoriPubblici #VecchianoSport
none_a
Pisa, 17 marzo
none_a
Comune di Vecchiano
none_a
. . . i fischi per fiaschi è la tua attitudine principale?
Se .....
. . . manca l'acqua, il presidente Schifani raziona .....
. . . caro Mirko, io non ho chiesto di mettere un .....
. . . Mario.
Mario ir mì 'ugino mi disse: sei venuto .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Colori u n altra rosa
Una altra primavera
Per ringraziarti amore
Compagna di una vita
Un fiore dal Cielo

Aspetto ogni sera
I l tuo ritorno a casa
Per .....
Oggi è venuto a mancare all’affetto di tutti coloro che lo conoscevano Renato Moncini, disegnatore della Nasa , pittore e artista per passione. .....
di Umberto Mosso
Basta chiacchiere demagogiche sulla sanità pubblica

19/3/2023 - 9:21

BASTA CHIACCHIERE DEMAGOGICHE SULLA SANITA’ PUBBLICA.

 

Sono stupido e chiedo per me, ma anche per tanti amici e non amici. Perché lo specialista ospedaliero dell’ambulatorio pubblico al quale ti sei rivolto e che la mattina, ti dicono, ha l’agenda piena fino al prossimo autunno, invece al pomeriggio può visitarti due giorni dopo pagando 120/150 euro?

Il medico è lo stesso, i locali dove ti visita sono quelli pubblici, se serve una attrezzatura è quella pagata dal Servizio sanitario pubblico che hai già pagato con l’Irpef e con la sopra tassa regionale, nel Lazio, per pagare i debiti lasciati da una precedente amministrazione di destra che manco hai votato. La risposta la so, ma non ve la dico, ci potete arrivare da soli. La riforma sanitaria del 1978, per la quale mi sono battuto, è stata tradita. Va riformata la riforma, e di corsa.

Un sistema che lascia inevase 98milioni di visite, esami, interventi è già collassato. Facciamo finta che le responsabilità passate siano di tutti, compresi i cittadini che mandano a governare gente incapace. Ma oggi, difronte a questo disastro che si dice e soprattutto che si fa? Che non ci sono i soldi? Non è vero! C’erano disponibili 36 miliardi del MES Sanitario e con i quali, messi in mano a gente seria, ne avremmo rifatti due di Servizi nazionali nuovi. Il prestito, europeo, era a lungo termine, a tassi vicini allo 0 e senza alcuna condizione se non una rendicontazione della spesa che dimostrasse che fossero stati spesi per la sanità. Non hanno voluto farlo.

Chi? Tutte le forze politiche, a destra e a sinistra, che si sono opposte sia col precedente governo Conte che con quello attuale Meloni.Ad eccezione di Italia Viva, poi del Terzo Polo unito. Alla richiesta pressante di Renzi, fatta nella primavera del 2020, tutti gli altri, lo ripeto a sinistra come a destra, hanno detto NO! Hanno risposto senza motivare o motivando con argomenti falsi. Anche con sberleffi, dato che a proporlo era Renzi xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx Da quella proposta sono passati 3 anni, una pandemia e tante chiacchiere sui medici e gli infermieri eroi, da assumere e pagare meglio, sui servizi di prevenzione e territoriali da aprire, sulle liste d’attesa da abbattere.Ma niente, il MES Sanitario è scaduto e non si può più prendere e continuano a dire che non ci sono i soldi. Ma 120 miliardi per i bonus edilizi li hanno trovati. Quelli per i “ristori” elettorali sono stati spesi. Ora ci avanzano 10 miliardi, tra il ricavato dallo stop al bonus 110% e i conti troppo larghi fatti per il RdC. Soldi presenti nel bilancio dello Stato e rimasti senza oggetto di spesa. Come saranno spesi?Il Terzo Polo propone di metterli, tutti e subito, sulla sanità pubblica da rilanciare.

Meloni e la destra fanno orecchie da mercante. Schlein, Fratoianni e Conte, gli oppositori doc, guardano chi propone questo a bocca chiusa, con l’aria degli xxxxxxxxxxxxx. Non sia mai dare ragione al Terzo Polo!I “xxxxxxxxxx”, che si esaltano per la retorica senza seguito delle chiacchiere “più de sinistra” applaudono. Perché dare un vantaggio ai “neoliberisti”? dicono. Ma loro, nei fatti, sono più neoliberisti di chiunque altro. Chiedo per me, che sono in coda da due anni per un intervento che non era urgente. Oggi non lo so e mi tocca pagare per saperlo.I cittadini ci stanno mettendo 45 miliardi direttamente di tasca loro, molto, ma molto più degli interessi che avremmo pagato per avere 36 miliardi del MES Sanitario tre anni fa.

Meloni, Schlein, Fratoianni e Conte non sanno neanche farsi due conti. 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri