none_o


In questo nuovo articolo di Franco Gabbani viene trattato un argomento basilare per la società dell'epoca, la crescita culturale della popolazione e dei lavoratori, destinati nella stragrande maggioranza ad un completo analfabetismo, e, anzi, il progresso culturale, peraltro ancora a livelli infinitesimali, era totalmente avversato dalle classi governanti e abbienti, per le quali la popolazione delle campagne era destinata esclusivamente ai lavori agricoli, ed inoltre la cultura era vista come strumento rivoluzionario. 

. . . altrimenti in Italia tutto il potere centrale .....
Sei fuori tema. Ma sappiamo per chi parli. . .
. . . non so se sono in tema; ma però partito vuol .....
Quelle sono opinioni contrastanti, il sale della democrazia, .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Nei tuoi occhi languidi
profondi, lucenti
piccolo mio
inestimabile tesoro
vedo il futuro
il tuo
il presente
quello del tuo babbo
il passato
quello .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
Migliarino
Don Lido Batini è tornato alla casa del padre

31/3/2023 - 20:06

Oggi 31 marzo, il nostro don Lido Batini è tornato alla casa del padre.

Noi tutti abbiamo perso un sincero amico, che lo accolgano gli angeli del paradiso e che il Dio di tutti lo accolga in gloria come lo accogliemmo  noi in amicizia istantanea e duratura perchè lui ci sapeva e ci ha saputo fare per davvero.

 

La redazione VdS anche nome di tutti i lettori, augura buon viaggio al nostro caro don Lido.

Che la terra ti sia lieve.

 

I funerali si svolgeranno lunedi 3 aprile alle ore 15.00 a Migliarino ( chiesa rosa)

Fonte: BdB
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

2/4/2023 - 14:16

AUTORE:
Bruno Baglini, Migliarino

....con alcuni aneddoti.
Il primo incontro fu al Teatro del Popolo di Migliarino.
Mi dissero: guarda che quelolì gliè ir prete novo!
Aveva pantaloncini corti, tutto sparaciato, la camicia legata con il nodo, giocava a carte di spalle a Gino del Morroni ed al che dissi a Gino: Domenica devi ndà alla messa, perchè dicesti; ci 'ndarò quando un prete viene vì alla 'Asa der Popolo!
Evisto?
Seee...luilì um pol'esse un prete disse Gino, poi doventonno amici per la pelle perchè fra omini veri si 'ntesero subito.
Io non rimasi tanto sorpreso perchè era il tempo di preti lavoratori e quindi il clergymam non veniva indossato in luoghi comuni.
Anche padre Contestabile che sposò me e Sandra lavorava alle fabbriche di bonifica, credo all'Italsiuk.

Tornavamo dal funerale civile del vecchio compagno Cerrai, pioveva ed io mi riparavo con la bandiera rossa del PCI e mi sento dire: "Montate sul pulmino!" Era lui in abiti civili che a modo suo aveva seguito il corteo funebre e certamente avrà detto una preghiera perchè nel proseguio mi disse: chi merita-merita.
Tanti son stati i momenti di vita bellissima insieme a lui.
Nel '90 sapevo che nel '91 sarebbe nato Francesco ed al tempo non c'era una piazza decente dove "pascolare" i bimbi piccini.
Piazza della Chiesa era occupata giorno e notte dagli zingari.
Piazza della Libertà dagli sfattini di auto.
La piazza centrale adibita a parcheggio camion per il ristoro "Da Luigina" e "Da Dino".
Poi son venuti i comparti e di piazze e piazzette belle forse ne abbiamo anche troppe, c'è dispersione insomma.

Disse don Lido: "Se mi date una mano, te, Mario di Batone, il figliolo di Togno Nero (ed altri che poi si associarono) si fa noi un parco giochi lì vicino al laghetto di Pruniccio, è terra dell'Arcivescovado e la gestisco io come il campetto di calcio a 7 lì di fronte". Detto fatto, lì ci vennero due gazebi, altalene, la giostra di Pinocchio riciclata dalle suore e molta ombra degli aceri negundi che insieme a lui andammo a prendere gratis al vivaio regionale di San Piero. Ora purtroppo sono in stato di abbandono, dopo aver ospitato piccini e più grandicelli durante i primi maggio del "Maggio Migliarinese".
Lottammo assieme durante la mia presidenza del Consiglio di Frazione contro il degrado della Via dei Pini che fu invasa dal novembre '89 fino al 20 maggio 2007 dall'imperante prostituzione e ricevemmo anche minacce dai "protettori"....
...bella chiesa dissero a lui, dispiacerebbe vederla in fumo ed a me mentre con il mio carrettino pulivo i bordi del... più grosso casino a cielo aperto della Toscana (Via dei Pini, dalla villa Salviati al Passaggio a livello di Montioni) ...vedi o te che se intendi pulire vuol dire mandar via noi...vedi questo (.......).
Trenta-quaranta anni son pochi e tanti, ma quando viene a mancare un sincero amico (a questo mondo) ma di la mi disse aveva conoscenze ed un posticino mparadiso per mì mà di rifondazione comunista e per te del PCI, ci penso io.

Sembrano divagazioni, ma in settima pensavo di portare al mio amico Lido du' 'oppie d'ova, una dozzina di carciofi per fare una frittatina e...invece pace all'anima sua... e tante volte ne abbiamo parlato...Perchè il Dio di tutti noi ci fa mancare a questo mondo quel che amiamo di più?
Cio Lido "tvb" (ti voglio bene).

1/4/2023 - 18:52

AUTORE:
Ilaria

…ed ora che sarai tornato a vedere dai uno sguardo anche a tutti noi e da lassù: proteggici.. Ti Vogliamo Bene

Ila_scia@hotmai.it