none_o
Proseguendo la serie di articoli sulle vicende ( e leggende) del territorio, Agostino Agostini ci regala il resoconto immaginifico del serpente-alato, che abitava il castello dei Pagano da Vecchiano. Fu ucciso - secondo la leggenda - da Nino Orlandi nel 1109 nella selva palatina di Migliarino (oggi tenuta Salviati). Imbalsamato fu posto nel Duomo di Pisa ma ando' perduto nell'incendio del 1595. Una ulteriore riprova della grande ricchezza storica del nostro territorio.
Ammetto l'errore, ho solo visto il simbolo di presentazione, .....
. . . . Buonafede Alfonso, candidato sindaco di Firenze, .....
Cosa ci dicono le votazioni in Sardegna?

Calenda .....
Più che sembrare cavilloso mi sembri "mistificante" .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Associazione ambientalista - LA CITTÀ ECOLOGICA APS
none_a
di Umberto Mosso
none_a
di Bruno Pollacci
Direttore dell'Accademia d'Arte di Pisa
none_a
Primo Levi#Auschwitz #PrimoLevi #ebrei #campidiconcentramento #giornatadellamemoria
none_a
Eccolo
Come una furia scatenata
è arrivato il vento
a riportare tormento
alle marine
Prima con le piogge
che hanno colpito
la montagna
con smottanento
frane .....
LA TARI è ARRIVATA E SALATA
MA IL KIT PER LA RACCOLTA NON ANCORA
SIAMO A MARZO.

COME MAI?
COSì NON VA BENE.
Orto, piante, fiori, pane e pizza le passioni di Bruno
Abbiamo bisogno di contadini, di poeti, gente che sa fare il pane, che ama gli alberi...

15/4/2023 - 16:00

Abbiamo bisogno di contadini, di poeti, gente che sa fare il pane, che ama gli alberi e riconosce il vento. Più che l'anno della crescita, ci vorrebbe l'anno dell'attenzione.

F. Arminio.

Nell'edizione 2022 delle Ortimpiadi vecchianesi, questo verso era scritto nella pergamena del primo premio che vinsi per miglior composizione orticola.

L'organizzatore del 1° trofeo Antonio Crassotti;  Stefano Dini di Filettole mi pregò di mettere a disposizione soprattutto dei giovani, la mia esperienza di coltivatore agricolo, vivaista ed innestino specializzato qui sulla Voce del Serchio visto l'interesse suscitato in precedenza nel brutto periodo del covid 19 avere un pezzo di terra da coltivare dava la possibilita di uscire di casa, prendere il sole e ginnastica gratis con attrezzi agricoli.

 

Finita la pandemia (o quasi come questo inverno) è ora di "ncomincià" a vangà, seminà, piantà, diradà, zappà.

Non sto a ripetere il già scritto che potete vedere nel link sottostante, perchè di cambiamenti in due anni in culture agricole/florovivaistiche ne avvengono poche ma notevoli sono le possibilità di apprendere velocemente con i mezzi moderni (basta andare su Google, cliccare innesti e li ci sono maestri del mestiere

 

Comunque le chiacchiere non fanno farina e le giornate èn pizziotti; quindi vado a diradà e trapiantà la nzalata; ieri ne ho triapiantato 210 piantine, ma ce n'è sempre un fottio e via non le voglio buttà, poi qualcuno la mangerà....come quei tre cesti di 'arciofi che ho raccolto stamamattina

 

Vai, poi se avrò tempo e voglia darò qualche utile suggerimento; anche ad eventuali domande dei neofiti  orticoli per tempo di semine, innesti ed altro visto che ormai io, Chiube, Paolo del Marradini, qui in Migliarino siamo considerati mente storica delle coltivazioni agricole. 

 

http://www.lavocedelserchio.it/vediarticolo.php?id=32875&page=0&t_a=potranno-tagliare-tutti-i-fiori-ma-non-fermeranno-mai-la-primavera-pablo-neruda

Fonte: Testo e foto di Bruno Baglini, Migliarino
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri