none_o


Il precedente articolo di Franco Gabbani sul Castello di Vecchiano e la Chiesa di Santa Maria ha riscontrato un successo di lettura senza precedenti, con oltre 1400 letture sulla Voce e 1000 utenti singoli che lo hanno raggiunto su Facebook nella pagina dell'Associazione.

Ovviamente non conosciamo le letture su altre pagine su cui è stato condiviso, ma questi dati indicano con chiarezza il gradimento nei confronti dei temi storici del territorio.

Interesse dimostrato anche da Agostino Agostini, che ci ha proposto alcuni argomenti correlati.

ci sarebbe da ridere.
Le ultime dichiarazioni del .....
Cantava la Caselli, è proprio il caso.
Purtroppo .....
. . . . se si dà potere a forze di destra filofasciste. .....
In 10 giorni Marco Travaglio ha guadagnato più che .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Associazione ambientalista - LA CITTÀ ECOLOGICA APS
none_a
di Umberto Mosso
none_a
di Bruno Pollacci
Direttore dell'Accademia d'Arte di Pisa
none_a
Primo Levi#Auschwitz #PrimoLevi #ebrei #campidiconcentramento #giornatadellamemoria
none_a
L'amore è amore
senza se e senza ma
Raggiungerlo
è l'aspirazione
più ambita
desiderata
sentita
a cui tende
ogni creatura. . .
pur essendo .....
BG. sono un nuovo abitante di migliarino
abito in via mazzini a meta tra il mobilificio e la chiesa . a qualsiasi ora la velocita sulla strada e'molto .....
none_o
Bella brutta.

29/4/2023 - 5:50



Nessun fiore che la Natura ci dà è brutto, sia spinoso, maleodorante o strano, e se lo fosse un motivo ci sarebbe, nulla è fatto per niente.
Questo è un esempio; l’Aristolochia, nella sua specie “rotunda”.
Il nome di questa specie proviene dalle parole greche Aristos = ottimo e Locheia = parto, per l’antica credenza popolare che questa pianta avesse potuto facilitare il parto. L'epiteto specifico si riferisce alla forma rotondeggiante delle sue foglie.
È chiamata anche “erba astrologa” per la tendenza dei fiori ad orientarsi con il sole (non credo proprio perché vive nella parte più ombrosa del bosco). Fiorisce da aprile a giugno e il suo fiore, allungato a stretto imbuto e di colore violaceo, intrappola gli insetti che non riescono più ad uscire a causa di peli posti al suo interno, come le altre specie ornamentali o esotiche. È una pianta tossica, che può causare la morte per arresto cardio circolatorio, ma veniva usata per favorire le contrazioni uterine pre-parto, oppure utilizzata come abortiva, diuretica, per favorire il ciclo mestruale, per contrastare la tosse o i vermi.
”A me mi piace”, nonostante tutto, perché le sue foglie sono il cibo specifico dei bruchi di una delle più belle farfalle che abbia mai visto, la Zerynthia cassandra (Cassandra). Endemico dell'Italia, questo lepidottero era fino al 2013 considerato una sottospecie della più conosciuta Zerynthia polyxena (Polissena), che invece è distribuita più a nord, ma morfologicamente sono indistinguibili (se non per la forma dei genitali maschili).
Ma questa è un’altra storia.

 

 

(lo zanzarone fa solo da comparsa)

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

30/4/2023 - 14:19

AUTORE:
Fiorenza

Queste pianticelle erbacee che non ricordo di aver visto perche' forse non mi hanno attirato l'attenzione, somigliano alle piante di fagiolo...
Mi torna alla mente l'infinità di farfalle che volavano negli uliveti sui fiori selvatici che nessuno radeva al suolo almeno fino all'inizio dell'autunno quando bisognava farlo per la raccolta delle olive.
Le più diffuse erano azzurro cielo e gialle di piccole dimensioni, poi, siccome le nonne curavano gli orticelli tra la fine degli uliveti e l'argine di una bella gora dove scorreva l'acqua limpida proveniente dal fiume, arrivavano con le dalie e le zinnie e con loro le farfalle grandi con le ali striate di marroncino e gli "occhi" sulle ali arancioni o rossi...ma lo spettacolo più suggestivo lo facevano le falene notturne abbagliate dalla luce dei radi pali della luce...ricordo di averne trovate diverse morte ustionate e mi rattristavano davvero tanto!

30/4/2023 - 14:01

AUTORE:
Fioretta

Ma non sarà che: poiche' abbiamo tutti le farfalle nello stomaco per la vta incasinata che si conduce...e siccome quotidianamente di rospi se ne inghiottono parecchi...va a finire che i rospi hanno divorato tutte le farfalle!!!

30/4/2023 - 12:15

AUTORE:
Curiosella

Mi spiace non aver visto la tua mostra e mi dispiace di più non averti conosciuto prima, ma sono tornata di casa a Vecchiano da poco.
alla prossima se ci sarà e lo spero.
Buon 1° Maggio.

30/4/2023 - 9:13

AUTORE:
u.m.

Cuore fermati,
voglio sentire il battito della farfalla…
cuore batti,
voglio farmi sentire dalla farfalla…

Queste parole erano scritte sul
manifesto di una mostra che avevo fatto ai tempi del mio impegno all’ASBUC, mostra dallo strano nome “Grumoli di cielo e Polvere di stelle”, dove erano esposte foto di farfalle e storie che le riguardavano e che stupidamente non ho conservato.
Se vuoi appagare la tua curiosità digita “farfalle” sul “cerca” in alto a sinistra e ti appariranno gli articoli che parlano di loro. Il secondo: “Leggere leggere farfalle” è la pubblicità di quel giorno che non tornerà più.
La farfalla dicono che sia il simbolo della felicità breve come la sua vita, ma la sua intensità rimane imperitura.

30/4/2023 - 8:46

AUTORE:
Curiosella

Buongiorno caro girottolone dei boschi, ma quante ne vedi di bellezze e di bruttezze! Non ho mai visto la aristolochia e sono però curiosa di vedere la farfalla che tu dici essere bellissima. conosco il meraviglioso macaone, la vanessa, le cavolaie ma no Cassandra né Polissena!
fammi sapere se puoi.