none_o

Nei giorni 26-27-28 aprile verranno presentati manufatti in seta dipinta: Kimoni, stole e opere pittoriche tutte legate a temi pucciniani , alcune già esposte alla Fondazione Puccini Festival.Lo storico Caffè di Simo, un luogo  iconico nel cuore  di Lucca  in via Fillungo riapre, per tre mesi, dopo una decennale  chiusura, nel fine settimana per ospitare eventi, conferenze, incontri per il Centenario  di Puccini. 

#NotizieDalComune #VecchianoLavoriPubblici #VecchianoSport
none_a
Pisa, 17 marzo
none_a
Comune di Vecchiano
none_a
. . . i fischi per fiaschi è la tua attitudine principale?
Se .....
. . . manca l'acqua, il presidente Schifani raziona .....
. . . caro Mirko, io non ho chiesto di mettere un .....
. . . Mario.
Mario ir mì 'ugino mi disse: sei venuto .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Colori u n altra rosa
Una altra primavera
Per ringraziarti amore
Compagna di una vita
Un fiore dal Cielo

Aspetto ogni sera
I l tuo ritorno a casa
Per .....
Oggi è venuto a mancare all’affetto di tutti coloro che lo conoscevano Renato Moncini, disegnatore della Nasa , pittore e artista per passione. .....
di Umberto Mosso (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
ITALOPUTINIANI ABBIATE IL CORAGGIO DELLE VOSTRE IDEE.

3/6/2023 - 13:41

ITALOPUTINIANI ABBIATE IL CORAGGIO DELLE VOSTRE IDEE.

 

Non capisco perché chi sostiene la versione di Putin sulla guerra in Ucraina, diffondendo obliquamente le sue conclusioni politiche, non dichiari apertamente di essere filo putiniano, ma insista a dirsi pacifista.

Perché continuare a nascondere i propri convincimenti usando il pacifismo come un paravento?

Chi è convinto che Putin abbia avuto buoni motivi per invadere l’Ucraina; che la Russia stia reagendo contro l’aggressività dell’Occidente che ne minaccia l’esistenza; che bombardare i civili, deportarli, stuprarli, saccheggiarne le case, siano reazioni giustificate dalla necessità di sopprimere una resistenza nazista e irragionevole; che gli ucraini se lo sono voluto il loro massacro, insomma, chi pensa questo perché non lo dice a chiare lettere?

Chi pensa che Zelensky sia un guitto corrotto al soldo degli Usa e che gli ucraini siano costretti a farsi ammazzare da un regime illegittimo e dittatoriale, perché non lo sostiene apertamente? Chi, infine, pensa che la pace dipenda dal non invio di armi all’Ucraina, cosa che l’indurrebbe alla resa nell’impossibilità di continuare a combattere l’occupante russo che, non essendo sottoposto ad alcuna limitazione, cancellerebbe quel Paese dalla carta geografica, perché si autocensura negandosi il piacere di dire che la pensa così, invece di arzigogolare ragionamenti bizzarri sulla pace?

Forse perché ricattato per ciò che ha fatto quando era al governo? O si vergogna della sua verità, che preferisce tacere nascondendone l’orrore dietro la bandiera della pace? I richiedenti pace attraverso la resa dell’Ucraina hanno nell’animo la peggiore Scampia, quella camorrista del “aripijammc tutto chell ch’è o nuost” e come Putin copre la bandiera dell’Urss dietro quella zarista, loro la nascondono la stessa vecchia bandiera dietro quella della pace.

Il popolo ucraino martoriato è sparito dalla vostra narrazione. La sua unità vi ha tagliato la lingua e non vi resta che tacere sui massacri di civili come vendetta terroristica per non avere accolto come liberatori i ragazzi inconsapevoli mandati al macello, come gli afroamericani nelle risaie indocinesi, i criminali graziati della Wagner, i massacratori ceceni, i violentatori e i ladri siberiani. La tragedia staliniana del socialismo in un paese solo, da “difendere” opprimendo i paesi vicini, vi è rimasta nell’animo, altro che pace. 













+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri