none_o

Nei giorni 26-27-28 aprile verranno presentati manufatti in seta dipinta: Kimoni, stole e opere pittoriche tutte legate a temi pucciniani , alcune già esposte alla Fondazione Puccini Festival.Lo storico Caffè di Simo, un luogo  iconico nel cuore  di Lucca  in via Fillungo riapre, per tre mesi, dopo una decennale  chiusura, nel fine settimana per ospitare eventi, conferenze, incontri per il Centenario  di Puccini. 

#NotizieDalComune #VecchianoLavoriPubblici #VecchianoSport
none_a
Pisa, 17 marzo
none_a
Comune di Vecchiano
none_a
. . . i fischi per fiaschi è la tua attitudine principale?
Se .....
. . . manca l'acqua, il presidente Schifani raziona .....
. . . caro Mirko, io non ho chiesto di mettere un .....
. . . Mario.
Mario ir mì 'ugino mi disse: sei venuto .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Colori u n altra rosa
Una altra primavera
Per ringraziarti amore
Compagna di una vita
Un fiore dal Cielo

Aspetto ogni sera
I l tuo ritorno a casa
Per .....
Oggi è venuto a mancare all’affetto di tutti coloro che lo conoscevano Renato Moncini, disegnatore della Nasa , pittore e artista per passione. .....
di Umberto Mosso
CATTIVI MAESTRI.

3/6/2023 - 20:15

CATTIVI MAESTRI.

 

Io sono nessuno, ma faccio fatica ad immaginare che una signora che scambia l’opposizione al governo di Putin per russofobia possa insegnare alcunché di buono a qualcuno.

Donatella Di Cesare insegna filosofia teoretica alla “Sapienza” di Roma, l’Università dove mi sono laureato in Architettura, una disciplina forse meno impegnativa per le sinapsi della sua.Tuttavia non mi sfuggono i rudimenti della geopolitica che, constato dalle sue performance televisive, sembrano essere famigliari alla filosofa quanto lo sono ad un bambino di quinta elementare.

Confondere l’opposizione ad un governo con la fobia per il suo popolo, che nel caso di quello russo è la prima vittima di Putin, è una operazione che, per carità accademica, preferisco attribuire ad un pernicioso limite percettivo - cognitivo, piuttosto che a malafede. Ma travisare le posizioni degli avversari è la premessa per squalificare le proprie. A darle ragione si dovrebbe sostenere che opporsi ai preti assassini di Teheran o ai Talebani di Kabul o al despota di Pyongyang equivalga ad essere iranofobici, afganofobici e nordcoreanofobici.

Questo non è ancora stato detto ma, volendo, si troverà di certo qualche chiarissimo professore disposto a farlo, barattando il suo amor proprio per una ospitata TV. Quando in Europa combattevamo contro la dittatura franchista o il salazarismo o il fascismo dei colonnelli greci a nessun professore reazionario venne in mente di definirci nemici della Spagna, del Portogallo o della Grecia. Loro si dichiaravano onestamente fascisti e ci si misurava su entrambi i fronti in base alla realtà dei fatti. Forse i professori di allora erano meno narcisisti di qualche loro attuale collega, il cui magistero si è riconvertito in esibizionismo, fonte di piacere edonistico sostitutivo della propria e dell’altrui intelligenza.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

4/6/2023 - 14:09

AUTORE:
Giovanni

No questa foto non è Ucraina. Questa è la Cecenia. Nel 1999 la capitale di Grozny fu cancellata dai russi. Ma 3 anni prima, la Russia ha firmato un accordo di pace con i ceceni. Hanno perso la guerra e hanno bisogno di una pausa. Solo per tornare indietro e uccidere 300000 ceceni il 25% di tutta la piccola ma orgogliosa nazione che voleva la libertà.

Così finiscono sempre i negoziati di pace con la Russia. Ecco perché l'Ucraina non li vuole finché non lasceranno la nostra terra. Ecco perché chiediamo armi.

A proposito, il primo presidente ceceno Dzhokhar Dudayev è stato ucciso da un missile russo durante le trattative telefoniche il 21 aprile 1996. Hanno calcolato la sua posizione e l'hanno ucciso facendo finta di fare un accordo. E nel 1995 ha detto in una delle sue interviste: "La Russia alla fine affronterà l'Ucraina. La Russia cadrà quando sorgerà il sole della libertà ucraina ". Lo sapeva 28 anni fa.

@Volodymyr Kukharenko