none_o


In questo nuovo articolo di Franco Gabbani viene trattato un argomento basilare per la società dell'epoca, la crescita culturale della popolazione e dei lavoratori, destinati nella stragrande maggioranza ad un completo analfabetismo, e, anzi, il progresso culturale, peraltro ancora a livelli infinitesimali, era totalmente avversato dalle classi governanti e abbienti, per le quali la popolazione delle campagne era destinata esclusivamente ai lavori agricoli, ed inoltre la cultura era vista come strumento rivoluzionario. 

. . . altrimenti in Italia tutto il potere centrale .....
Sei fuori tema. Ma sappiamo per chi parli. . .
. . . non so se sono in tema; ma però partito vuol .....
Quelle sono opinioni contrastanti, il sale della democrazia, .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
IMMAGINA San Giuliano Terme
none_a
di Umberto Mosso
none_a
di Riccardo Maini (vedi risposta al sig. Bertelli)
none_a
Comunicato congiunto FdI, Lega, FI.
none_a
“Interrogazione del consigliere provinciale Roberto Sbragia”
none_a
Ripafratta, 25 maggio
none_a
di Fabiano Corsini
none_a
Prato
none_a
Dal 17 al 19 Maggio ore 10.00 - 20.00
none_a
Forum Innovazione di Italia Economy" II EDIZIONE
none_a
Nei tuoi occhi languidi
profondi, lucenti
piccolo mio
inestimabile tesoro
vedo il futuro
il tuo
il presente
quello del tuo babbo
il passato
quello .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
di Mario Lavia (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
La sesta stella. La raffinatissima strategia del Pd di rubare voti a Conte però alleandosi con Conte

28/6/2023 - 9:41

La sesta stella. La raffinatissima strategia del Pd di rubare voti a Conte però alleandosi con Conte

Il piano di Schlein per le Europee dovrebbe essere quello di conquistare parte dell’elettorato Cinquestelle. Ma la segretaria li sorregge per un braccio mentre quelli crollano nei consensi, e così crolla con loro

Alcuni osservatori delle vicende del Nazareno sostengono che il “piano” di Elly Schlein preveda di togliere voti al Movimento 5 stelle di Giuseppe Conte per incrementare un consenso che il Nazareno vede in crescita e così predisporsi per superare Fratelli d’Italia alle prossime elezioni Europee.

Naturalmente l’obiettivo di diventare il primo partito italiano, al momento quasi impensabile, implica molto altro: una assoluta primazia nel campo dell’opposizione, una messa a punto programmatica, una ripresa organizzativa e via dicendo.

L’idea di togliere voti al Movimento non è particolarmente geniale ma è certamente ragionevole. Stante il neoradicalismo del nuovo Partito democratico è ben difficile infatti che esso possa attirare voti dal centrodestra, ma di questo punto Elly Schlein pare disinteressarsi a tutto beneficio del proposito di riprendere tutti i voti di sinistra.

Vocazione minoritaria? Può essere. In ogni caso è certamente più agevole puntare a togliere consensi a chi ti sta più vicino e sperare di recuperare qualcosa dall’astensionismo. Bene. Ma la domanda sorge spontanea: se vuoi spolpare il Movimento 5 stelle perché ti ci allei?

Si perdoni la banalità, ma è evidente che per recuperare i consensi che il Movimento 5 stelle – prima con Luigi Di Maio e poi con Giuseppe Conte – ha negli anni sottratto al Partito democratico bisognerebbe dargli battaglia come i grillini fecero per anni contro i dem: tentare di batterli sul terreno della politica, dei contenuti, a partire dal sostegno armato all’Ucraina fino alla vittoria, e delle idee (che l’avvocato non ha nemmeno per sbaglio).
Al contrario Schlein, ascoltando un irriducibile Francesco Boccia non fa che blandirlo, Conte, cercarlo, aderire alle sue manifestazioni, coinvolgerlo in alleanze che gli elettori non gradiscono e non capiscono (vedi alla voce Molise), legittimandolo come soggetto forte dell’alternativa alla destra, sorreggendolo per un braccio mentre crolla nei consensi (sempre in Molise è passato dal trentotto per cento al sette per cento in cinque anni), così, in cambio di niente, perché quello sfugge come un’anguilla non solo da una logica di alleanza ma dalla politica tout court.

Una tattica incomprensibile. A meno che non si punti a un’altra cosa. A un’alleanza che in nuce sarebbe praticamente una saldatura – non diciamo una fusione, ma il senso è quello. Ma questa idea porta dritto dritto al suicidio del Partito democratico come autonomo potenziale soggetto di un governo riformista di un Paese atlantista, moderno e democratico, giacché su tutti questi aggettivi l’avvocato del popolo non sarebbe così pronto a mettere la firma, se non formalmente, dato che i perni della sua politica sono stati in questi anni l’amicizia con la Russia e semmai l’America di Donald Trump; l’anacronismo delle vecchie politiche assistenzialisti e clientelari; l’attacco al Parlamento con le parole e con il taglio dei rappresentanti del popolo.
Ora, è probabile che tra gli elettori del Movimento 5 stelle via sia gente che non voterà mai per il Partito democratico “di Bibbiano”, e nessuna alleanza li porterà a Schlein; e una parte, forse la più consistente, che vorrebbe davvero un Paese diverso, in generale più giusto, governato da una politica più civile e moderna: e a questi bisognerebbe far capire che sono elettori che sbagliano, il che si può fare solo aprendo una vera e propria lotta politica contro Conte e i suoi.

Invece il Nazareno continua a praticargli una respirazione bocca a bocca senza capire che qui l’ossigeno scarseggia per tutti. Ma il gruppo dirigente del Partito democratico evita di affrontare questi nodi politici, di linea, con la scusa che tanto le elezioni politiche sono fra quattro anni (ma non dovrebbe lavorare perché cadano prima?), che alla fine questa è roba da vecchia politica buona per le polemiche giornalistiche. E peraltro le ripetute sconfitte paiono non riportarlo alla realtà, seguitando nel tran tran tardo-movimentista e a frequentare piazze di ogni tipo illudendosi di scaldarsi a un sol dell’avvenire che non spunta mai.





+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

30/6/2023 - 12:40

AUTORE:
Mininduin

...Dino del Baglini alla maestra.
Signora maestra, ha fatto due quatti troppo grossi e nell'otto non mi ci stanno!

30/6/2023 - 12:12

AUTORE:
maxinduin

per capì quello che scrivi serve un pc di quelli grossi grossi..

28/6/2023 - 19:09

AUTORE:
Elettore

Avevo capito che non avevi capito e purtroppo non sei il solo.
Vedi che metà elettori non vanno ai seggi ed i più son quelli spaesati dalle accozzaglie (sulla scheda) da sinistra-sinistra, della destra di Grillo e del PD senza una guida sicura da un lustro ed il conto è presto fatto.
Poi vedi anche a Pisa un PD diviso a metà da diversi anni ha scelto di non scegliere uno del maggior partito e così abbiam visto fare il volantinaggio dagli ex, da chi una sua lista era improbabile e la solita Elly rifiutata a Vicenza da un vero indipendente e c'è chi vince e chi perde.
E' la democrazia baby.
Lo zoccolo duro finì con Occhetto.

28/6/2023 - 17:56

AUTORE:
maxinduin

...pensi che al ballottaggio quelli che hanno votato 5Stelle non abbiano votato Possamai ? Forza stratega...

28/6/2023 - 16:17

AUTORE:
Elettore

...e tanti odiotori seriali dell'ex presidente del Consiglio e segretario PD Matteo Renzi, dissero: senza Renzi il PD vince.
Con Matteo Renzi segretario PD, il PD era a capo di 17 regioni su 20, senza Renzi 4 su 20.
L'80% dei comuni eran governati dal centrosinistra ed ora la doccia fredda di Elly che credeasi primo partito e certa di vincere al secondo turno dei ballottaggi come sovente avveniva dove il centrosinistra non riusciva a vincere al primo turno ed invece senza la sua presenza nei comizi e la 5* appaiate sulla scheda a Vicenza la destra ha perso.
Ergo, se li la destra unità a perso, qualcosa vorrà dire.

28/6/2023 - 15:52

AUTORE:
maxinduin

Ma Lavìa lo sa che ci sono anche altri attori, nel panorama politico italiano ? Va bene che ormai sparare sul Pd e 5Stelle è diventato sport olimpico, però ci sono anche cose un po' più serie di cui parlare. A meno che non abbia ricevuto la " mission" da qualche mandante, poco occulto, di spianargli la strada per tornare in sella. Siamo in periodo di Palio...