none_o


Una vicenda tutta personale viene descritta in questo nuovo articolo di Franco Gabbani, una storia che ci offre un preciso quadro sulla leva per l'esercito di Napoleone, in grado di "vincere al solo apparire", ma che descrive anche le situazioni sociali del tempo e le scorciatoie per evitare ai rampolli di famiglie facoltose il grandissimo rischio di partire per la guerra, una delle tante. 

La carriera politica personale dell’Onorevole Mazzeo .....
Bonaccini ha dato le dimissioni da presidente della .....
. . . c'è più religione ( si esce un'ora prima). .....
. . . uno sul web, ora, che vaneggia che la sua .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Mauro Pallini-Scuola Etica Leonardo: la cultura della sostenibilità
none_a
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
APOCALISSE NOKIA di Antonio Campo
none_a
Il mare
con le sue fluttuazioni e il suo andirivieni
è una parvenza della vita
Un'arte fatta di arrivi di partenze
di ritorni di assenze
di presenze
Uno .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
Comunicato stampa-Pisa, 17 luglio 2023
«Sul Piano del Parco solo critiche strumentali»: l'intervento del Presidente Lorenzo Bani

17/7/2023 - 19:39

Pisa, 17 luglio 2023
Comunicato stampa
 
«Sul Piano del Parco solo critiche strumentali»: l'intervento del Presidente Lorenzo Bani
 
«In aumento sia le aree interne sia le aree contigue. Rilanciamo il Parco, il turismo ambientale e l'agricoltura sostenibile e di qualità. Progetto condiviso grazie a decine di incontri sul territorio»
 
 «Ho letto alcune prese di posizione sul Piano del Parco. Innanzitutto mi sorprende la non conoscenza del percorso partecipativo che abbiamo portato avanti: 11 incontri sul territorio insieme alla garante regionale per l'informazione e la partecipazione, oltre 600 osservazioni, 35 altri incontri con associazioni, categorie, imprese, Sindaci della comunità del Parco. C'è molta superficialità, ma anche una preoccupante mistificazione della realtà. Il Parco aumenta in estensione sia come area interna, con 985 ettari in più, sia come area contigua. Un altro dato importantissimo: il nuovo piano individua ed istituisce quattro “zone di riserva integrale” per ben 1.060 ettari, oggi inesistenti nel parco, dove la natura è protetta ai massimi livelli ed abbiamo solo la libera evoluzione naturale degli ecosistemi. Il piano proposto contribuisce al raggiungimento degli obiettivi della “Strategia europea sulla biodiversità per il 2030”, che prevede di ampliare la rete di aree protette, di cui almeno il 10% protetto in modo rigoroso». «Noi non siamo per la paralisi, come vorrebbero alcuni, ma per una visione moderna di un Parco dove l’ambiente viene tutelato al massimo, con opportunità di sviluppo sostenibile in un equilibrio forte con le associazioni ambientaliste e venatorie».
 
«Il mitico parere Dantone conferma quello che abbiamo applicato: grazie all'articolo 124 della legge 30 il piano permette di pianificare in area contigua. In queste zone sono previste disposizioni stringenti a cui i piani operativi dei comuni dovranno sottostare. Sono previste ben 7 diverse categorie di aree contigue, classificate in base alle loro reali caratteristiche ambientali ed alle diverse esigenze di tutela, e per ciascuna categoria di area contigua vi è una specifica norma.  Il piano, in tutta l’area parco, comprese quindi le aree contigue, non prevede alcuna possibilità di interventi che comportino nuove volumetrie o nuovo impegno di suolo, ma solamente interventi di ristrutturazione o riorganizzazione delle volumetrie già presenti sul territorio. In poche parole il Parco pianifica anche in area contigua, in modo responsabile e mirato».
 
«Queste disposizioni mitigano in parte il parere importante del comitato scientifico, che non è un parere contrario. Gli esperti, nella loro autonomia scientifica, apprezzano il lavoro svolto e lo scenario delineato dalle proposte di aree contigue, ma chiedono di aumentare i livelli di protezione in alcune aree specifiche inserendole nelle aree interne».
 
«Il nuovo piano fa riferimento alla legge regionale del governo del territorio e consente forme di snellimento della burocrazia che invece nel Parco è ancora ferma alle procedure del 1989. Mi sembra che qualcuno si sia arroccato al piano di 34 anni fa, superato dai cambiamenti sociali ed economici e dalle leggi regionali 30/2015 e 65/2014 che permettono opportunità di crescita e sviluppo sostenibile con l'obiettivo di un rilancio turistico e agricolo.
 
«Appena gli uffici della Regione Toscana avranno valutato la coerenza delle procedure, potremo presentare ufficialmente il piano. L'approvazione poi, come previsto dalle normative, spetterà alla Regione stessa».
 
«Devo aggiungere che mi dispiace che alcuni Sindaci, senza ragioni forti, abbiano espresso un ‘parere non parere’ non esprimendo un giudizio, e che anche il segretario comunale del PD Ferrante si esprima a livello personale senza un confronto all’interno di un partito che è anche il mio».
 
Lorenzo Bani, Presidente del Parco Regionale Migliarino San Rossore Massaciuccoli
 
Raffaele Zortea
r.zortea@sanrossore.toscana.it

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

18/7/2023 - 6:29

AUTORE:
Sonia

Anche la mamma parla sempre bene dei figli anche quando sa che potrebbero essere migliori, se penso all'esperienza che ho avuto con l'organizzazione del Parco mi sento di dire che bisognerebbe fare qualche ritocco, mi spiego meglio: avevo chiesto informazioni (mai telefoniche e non mi spiego il motivo dato che a voce ia comunicazione risulta più semplice ed esplicita) per mettere a dimora tre alberi in ricordo dei miei cari e non ho avuto granche' soddisfazione anzi sembra che mi venga fatto un favore, e vista la tariffa non trascurabile, speravo in un approccio molto più collaborativo...dopo tutto di posto ce n'è a volontà e di piantare alberi ce n'è un gran bisogno...quindi rivedete la procedura e fatemi sapere, io non ho cambiato idea, resto in attesa...se poi vi organizzate per allargare l'offerta anche per le nascite oltre che alle morti...ho saputo di diventare nonna e quindi di piante da mettere a memoria me ne servono ben quattro!