none_o


In questo nuovo articolo di Franco Gabbani viene trattato un argomento basilare per la società dell'epoca, la crescita culturale della popolazione e dei lavoratori, destinati nella stragrande maggioranza ad un completo analfabetismo, e, anzi, il progresso culturale, peraltro ancora a livelli infinitesimali, era totalmente avversato dalle classi governanti e abbienti, per le quali la popolazione delle campagne era destinata esclusivamente ai lavori agricoli, ed inoltre la cultura era vista come strumento rivoluzionario. 

. . . . . . . . . . . a tutto il popolo della "Voce". .....
. . . mia nonna aveva le ruote era un carretto. La .....
. . . la merda dello stallatico più la giri più puzza. .....
. . . ci siamo eruditi, siamo passati da Rametti a .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per scrivere alla rubrica: spaziodonnarubr@gmail.com
Pisa, 24-27 giugno
none_a
Tirrenia, 17 giugno
none_a
di Alessio Niccolai con Alma Pisarum APS
none_a
Villa di Corliano, 27 giugno
none_a
Pugnano, 22 giugno
none_a
Le cose andrebbero meglio
se non bene
se si procedesse
tutti quanti insieme. . .
rispettando modi, tempi, capacità
valorizzando le competenze .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
Comune di Vecchiano
Sabato 23 settembre: ultimo appuntamento del Piccolo Atlante Tabucchi

19/9/2023 - 18:57

Sabato 23 settembre: ultimo appuntamento del Piccolo Atlante Tabucchi a cura del Comune di Vecchiano e dell’Associazione Culturale Tabucchi per festeggiare quello che sarebbe stato l’ottantesimo compleanno del famoso scrittore di origini vecchianesi

 

Vecchiano, 19 settembre 2023 – Sabato 23 settembre 2023 si terrà la quarta e ultima tappa del "Piccolo
Atlante Tabucchi", il calendario di eventi dedicato agli 80 anni di Antonio Tabucchi, organizzato dal Comune di Vecchiano in collaborazione
con l'Associazione culturale Antonio Tabucchi.
Questo evento conclusivo, che coincide con la data del compleanno dello
scrittore, è articolato in due momenti. Il primo, alle ore 16, si terrà
presso la Sala consiliare del Comune e avrà come tema "Tabucchi e
Parigi". Dopo i saluti istituzionali, a raccontare il rapporto tra lo
scrittore e la città francese saranno due ospiti e amici tabucchiani di
grande spessore: il prof. Anna Dolfi, autrice di molti contributi
critici sull'opera di Tabucchi, nonché curatrice del volume "Di tutto
resta un poco", la quale dialogherà con Bernard Comment, scrittore e
traduttore ufficiale delle opere di Tabucchi in francese.
A seguire, Paolo Di Paolo, voce di "La lingua batte" e scrittore, che
racconterà la dimensione europea della scrittura di Tabucchi.

Dalle 17.30, presso lo Spazio Culturale Antonio Tabucchi (o in Piazza Pier Paolo Pasolini in caso di maltempo, ndr) sarà la volta di Tabucchi 80 - “Marconi se ben mi ricordo, Una pièce radiofonica”, a cura di: Attiesse Associazione Teatro Spettacolo, Associazione Musicale Filarmonica Senofonte Prato, Istituto Comprensivo Daniela Settesoldi di Vecchiano.

 “Arriviamo alla fine di questo percorso Atlante, iniziato lo scorso 24 marzo in concomitanza con la celebrazione della scomparsa di Tabucchi e realizzato grazie alla consueta e preziosa collaborazione con l’Associazione Culturale Antonio Tabucchi”, afferma il Sindaco Massimiliano Angori.
“Celebrare la vita, a partire dalla data della morte che non è una fine, ma un passaggio, soprattutto per chi ha lasciato tracce di immortalità in questa esistenza: è anche questo il senso profondo del pregevole programma di iniziative messo a punto, in questi mesi. Tutto ciò in proficuo e continuo confronto che la nostra Amministrazione ha anche con la moglie di Tabucchi, Maria José de Lancastre che mi preme ringraziare per la sua consueta disponibilità e vicinanza”, aggiunge il primo cittadino.

“Le iniziative si concludono il 23 settembre, data del compimento di quelli che sarebbero stati gli 80 anni di Antonio”, aggiunge l’Assessore alla Cultura, Lorenzo Del Zoppo. “Dopo aver inaugurato, quasi un anno fa, nell’ottobre 2022, nel nostro borgo, una Passeggiata urbana dedicata a Tabucchi, realizzata grazie alla preziosa collaborazione con l’Associazione Tabucchi ed incentrata sui suoi luoghi natali e dunque e le sue origini, abbiamo proseguito con un lungo percorso nei luoghi e negli spazi nazionali ed internazionali che ne hanno caratterizzato l’opera e la vita: due facce della stessa medaglia, se vogliamo, della personalità cosmopolita tabucchiana. Un itinerario che ci ha consegnato ricordi e contributi inediti di uno dei più grandi scrittori della letteratura moderna, permettendoci di entrare sempre più in contatto con i suoi scritti, e farne motivo di riflessione all’interno delle nostre vite”.

"Questo 2023, un anno importante per l'ottantesimo compleanno del nostro
Antonio Tabucchi, è stato ricco di eventi articolati da marzo al 23
settembre. Molti gli studiosi e gli amici di Tabucchi che da tutta
Europa hanno portato la propria testimonianza di affetto e stima, nonché
il proprio contributo critico per lo studio dell'opera tabucchiana. I
quattro incontri sono stati registrati e i video sono disponibili sul
canale Youtube del Comune così come dell'Associazione: materiale
prezioso e spesso dai contenuti inediti che consegnamo alla comunità di
studiosi, ricercatori, lettori di tutto il mondo.
La sinergia tra l'Associazione e il Comune, sempre più strutturata negli
anni, sta portando risultati di alto livello e ha all'orizzonte nuovi
obiettivi. Si pensi al progetto di raccolta delle tesi di laurea
dedicate allo scrittore e destinate alla biblioteca cittadina, alla
Passeggiata Tabucchi inaugurata lo scorso anno e già molto visitata, e
ad altre proposte innovative che prenderanno corpo a partire dal 2024.
Segno che nei suoi primi cinque anni di vita l'Associazione ha saputo
dialogare con il territorio, radicandosi e facendo squadra. Ciò grazie
anche al Sindaco Massimiliano Angori, all'Assessore Lorenzo Del Zoppo e
a tutto l'ufficio cultura, nonché ai tecnici del Comune, preziosi
interlocutori e sostenitori delle nostre idee",  aggiunge il Presidente dell'associazione Culturale Tabucchi,  professor Riccardo Greco.


Appuntamento dunque per sabato 23 settembre alle 16 in Sala Consiliare.

L'evento rientra nell'Estate Vecchianese 2023, sponsor della manifestazione Orsini Franco Srl. 

Tutti i dettagli sul programma sul sito web www.comune.vecchiano.pi.it







Fonte: Sara Rossi Portavoce del Sindaco di Vecchiano
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

24/9/2023 - 10:00

AUTORE:
Ovidio

Buon compleanno, Antonio! Sei nato a Pisa il 24 settembre del ’43 durante i bombardamenti americani, vieni però registrato alla data del 23 col nome di Antonino. Stranezze d’anagrafe in tempo di guerra. Tuo padre dice: forse è meglio se andiamo a casa dei nonni a Vecchiano e ti porta via dall’ospedale in bicicletta. Una bicicletta da uomo: tua madre stava seduta sul telaio con te in braccio. Ogni tanto i tuoi genitori sono costretti a scendere di bicicletta e a camminare, perché ci sono le buche dei bombardamenti per le strade. Il tuo primo viaggio su questa terra lo hai fatto da Pisa a Vecchiano, è durato non si sa quante ore, lo hai fatto insieme ai tuoi su una bicicletta ormai senza pneumatici: tuo padre li aveva sostituiti con una corda piena di nodi, a ogni pedalata se ne sentiva uno. Sei stato cacciato dalle bombe e sei arrivato nella casa dei tuoi nonni in via Magagna, dove hai passato l’infanzia.
Eri vivace, difficile da tenere a freno e sei stato lasciato libero come il vento. Caro Antonio, in questo tuo giorno di festa avresti avuto 80 anni e il tuo paese ti ricorda per i tuoi molti viaggi. C’è anche quello di Antonino sotto le bombe. E il tuo paese ti ricorda con tanti amici e una pièce teatrale di cui cito a memoria una frase, se ben ricordo: Quando ero piccolo e imparavo ad andare in bicicletta sotto gli occhi di mio padre, ad ogni caduta mio padre mi gridava: Antonio, coraggio, si cade tante volte per poi vincere la strada!