none_o


In questo nuovo articolo di Franco Gabbani viene trattato un argomento basilare per la società dell'epoca, la crescita culturale della popolazione e dei lavoratori, destinati nella stragrande maggioranza ad un completo analfabetismo, e, anzi, il progresso culturale, peraltro ancora a livelli infinitesimali, era totalmente avversato dalle classi governanti e abbienti, per le quali la popolazione delle campagne era destinata esclusivamente ai lavori agricoli, ed inoltre la cultura era vista come strumento rivoluzionario. 

. . . . . . . . . . . a tutto il popolo della "Voce". .....
. . . mia nonna aveva le ruote era un carretto. La .....
. . . la merda dello stallatico più la giri più puzza. .....
. . . ci siamo eruditi, siamo passati da Rametti a .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per scrivere alla rubrica: spaziodonnarubr@gmail.com
Pisa, 24-27 giugno
none_a
Tirrenia, 17 giugno
none_a
di Alessio Niccolai con Alma Pisarum APS
none_a
Villa di Corliano, 27 giugno
none_a
Pugnano, 22 giugno
none_a
Le cose andrebbero meglio
se non bene
se si procedesse
tutti quanti insieme. . .
rispettando modi, tempi, capacità
valorizzando le competenze .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
INCENDI: COLDIRETTI PISA SU ROGO BUTI, 15 ANNI PER RICOSTRUIRE I BOSCHI DISTRUTTI
Tra giugno ad agosto 118 incendi. Bruciati 123 ettari di bosco.

25/9/2023 - 11:10

INCENDI: COLDIRETTI PISA SU ROGO BUTI, 15 ANNI PER RICOSTRUIRE I BOSCHI DISTRUTTI
Tra giugno ad agosto 118 incendi. Bruciati 123 ettari di bosco. 
 
Per ricostituire il bosco sulle colline di Buti ridotto in cenere dal fuoco ci vorranno fino a 15 anni con danni all’ambiente, all’economia, al lavoro e al turismo. E’ quanto stima Coldiretti Pisa sugli effetti del rogo divampato sulle colline di Buti, in località Quadonica, sul versante di Vicopisano del Monte Serra. Il rogo è stato domato grazie all’intervento tempestivo delle squadre di volontariato antincendio boschivo e dei vigili del fuoco con l’aiuto anche di canadair ed elicotteri. 
 
“Con gli incendi brucia anche la straordinaria biodiversità, animale e vegetale, dei boschi che è la grande ricchezza delle economia marginali e di montagna. Solo questa estate i roghi hanno mandato in fumo, a livello regionale, 123 ettari di boschi dove per molti anni non si potrà fare alcuna attività. – spiega Marco Pacini, Presidente Coldiretti Pisa – Per affrontare queste emergenze, sempre più frequenti a causa dei cambiamenti climatici, è necessario accelerare sul piano invasi per recuperare una parte di quell’acqua piovana che oggi va dispersa, circa l’89%, e che potremo usare per l’irrigazione delle colture e per difenderci dagli incendi mettendola a disposizione delle squadre di soccorso evitando così il prelievo dell’acqua salmastrata che danneggia le piante e non sono certo ideali per i terreni”.  
 
Nelle aree bruciate dagli incendi – sottolinea Coldiretti Pisa – saranno impedite tutte le attività umane tradizionali e la scoperta del territorio da parte di appassionati ma viene anche a mancare un importante polmone verde, senza dimenticare i drammatici effetti sul turismo. Ogni rogo – stima ancora Coldiretti Pisa – costa peraltro ai cittadini oltre diecimila euro all’ettaro fra spese immediate per lo spegnimento e la bonifica e quelle a lungo termine sulla ricostituzione dei sistemi ambientali ed economici delle aree devastate. Se certamente il divampare delle fiamme è favorito dal clima anomalo con alte temperature, siccità e vento, a preoccupare – continua Coldiretti Pisa – è la disattenzione e l’azione dei piromani con il 60% degli incendi che si stima sia causato volontariamente.
 
L’estate 2023 dal punto di vista climatologico in Toscana ha fatto registrare temperature medie rispetto ai valori medi di riferimento sono state superiori di 1 grado a giugno, 1,8 gradi a luglio e 1,2 gradi ad agosto secondo i dati di ESWD favorendo così le condizioni per la propagazione degli incendi. Tra giugno ed agosto sono stati 118 gli incendi scoppiati in Toscana che hanno bruciato complessivamente 205 ettari di superficie di cui 123 boscata.  
 
Per informazioni https://pisa.coldiretti.it/, pagina ufficiale Facebook @coldirettipisalivorno, Instagram @Coldiretti_Toscana, Twitter @coldirettitosca, canale ufficiale YouTube “Coldiretti Toscana” e canale Telegram “coldirettitoscana”
 
 


COLDIRETTI TOSCANAViale Fratelli Rosselli n.20 - 50123 FirenzeAndrea BertiRelazioni Esterne Coldiretti Toscana

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri