none_o


In questo nuovo articolo di Franco Gabbani viene trattato un argomento basilare per la società dell'epoca, la crescita culturale della popolazione e dei lavoratori, destinati nella stragrande maggioranza ad un completo analfabetismo, e, anzi, il progresso culturale, peraltro ancora a livelli infinitesimali, era totalmente avversato dalle classi governanti e abbienti, per le quali la popolazione delle campagne era destinata esclusivamente ai lavori agricoli, ed inoltre la cultura era vista come strumento rivoluzionario. 

. . . altrimenti in Italia tutto il potere centrale .....
Sei fuori tema. Ma sappiamo per chi parli. . .
. . . non so se sono in tema; ma però partito vuol .....
Quelle sono opinioni contrastanti, il sale della democrazia, .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
IMMAGINA San Giuliano Terme
none_a
di Umberto Mosso
none_a
di Riccardo Maini (vedi risposta al sig. Bertelli)
none_a
Comunicato congiunto FdI, Lega, FI.
none_a
“Interrogazione del consigliere provinciale Roberto Sbragia”
none_a
Ripafratta, 25 maggio
none_a
di Fabiano Corsini
none_a
Prato
none_a
Dal 17 al 19 Maggio ore 10.00 - 20.00
none_a
Forum Innovazione di Italia Economy" II EDIZIONE
none_a
Nei tuoi occhi languidi
profondi, lucenti
piccolo mio
inestimabile tesoro
vedo il futuro
il tuo
il presente
quello del tuo babbo
il passato
quello .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
di Mario Lavia
Sette ottobre addio Il rischioso equilibrismo della sinistra seria su Hamas e Israele

30/10/2023 - 9:12


Sette ottobre addio Il rischioso equilibrismo della sinistra seria su Hamas e Israele Elly Schlein cerca di barcamenarsi tra la linea occidentale e le piazze arcobaleno, scontentando tutti.

 

Ma la politica è decidere, non inseguire tutti i consensiSette ottobre addio? Il dubbio viene, anzi, qualcosa in più. L’aria è cambiata e dunque a quelle lancinanti immagini di ragazzi che dopo una notte di balli e canti corrono per sfuggire ai tagliagole, addio alla più veloce solidarietà della storia già ingoiata dal pozzo della memoria, sette ottobre addio, addio al Sabato nero come lo ha chiamato Maurizio Molinari nel suo magnifico longform su Repubblica.

L’inevitabile reazione israeliana al pogrom del sette ottobre è violentissima, criticata, incerta nei suoi esiti tanti da far pendere una già periclitante opinione pubblica verso la più tosta ostilità verso Gerusalemme, e non parliamo qui dei giovanetti estremisti che strappano le bandiere con la Stella di Davide ma di gente comune che disseppellisce un’antica ascia antisionista o antisemita; e della sinistra italiana che nelle ore successive al pogrom si era schierata dalla sola parte verso cui la ragione poteva spingere a schierarsi, cioè Israele. Piano piano, con il passare dei giorni, il Partito democratico, cioè l’unico partito della sinistra italiana – i gruppettari non contando – nella sua intima confusione mentale ormai consustanziale al proprio essere sta passando alla posizione del «pacifismo imbelle», come lo chiamava Emmanuel Mounier, che chiede la pace a pochi giorni dalla dichiarazione di guerra di Hamas e «soluzioni politiche» che non paiono esattamente dietro l’angolo. Israele è in battaglia, i palestinesi “buoni” non hanno la forza di porsi come attori sulla scena, mentre intanto la violenza cieca di Hamas minaccia, con Israele, i valori dell’Occidente, si pende verso la dimenticata e ora ritrovata causa palestinese e Israele viene condannata per il mix di assedio e bombe e così Elly Schlein ha denunciato l’astensione italiana alle Nazioni Unite motivata dalla inaccettabile assenza di una esplicita condanna di Hamas (anche la Germania si è astenuta, la Francia di un Macron poco stabile ha votato a favore insieme alla Spagna da sempre filo-araba, la Polonia contro: ciao ciao Europa).

Lei, finora attenta nel tenere il timone, giorno dopo giorno pare riscoprire il pacifismo della vicinissima sua gioventù anche se si tiene lontana da tutte le piazze, sia da quella filo-israeliana indetta dal Foglio sia da quella arcobaleno dell’altro giorno.Ieri sera la segretaria da Fabio Fazio ha difeso Israele e condannato il governo di Netanyahu.

Equilibrismi causati dalla complessità ma sempre equilibrismi. Ora va di moda andare alle manifestazioni a titolo personale, inedita pratica nella storia della sinistra mondiale, però in un certo senso obbligata perché il Nazareno non ce la fa a tenere una linea per più di quindici giorni, quando va bene.

Non è che il Pd sposti l’opinione pubblica, non ne ha la forza né l’autorevolezza per farlo, piuttosto è quella opinione pubblica che si forma all’incrocio di social e bar a orientare il Pd – sul quale inoltre incide alla grande il posizionamento strumentale di Giuseppe Conte – e sta esattamente qui la genesi del populismo di questa sinistra, seguire il popolo e non orientarlo, aggiungendo a tutto questo, a proposito di Conte, un infantile rincorrersi a chi arriva primo a dire le cose che il popolo vuol sentirsi dire, il che aggiunge un tocco di pena per come è ridotta la politica al giorno d’oggi.

Quanto al mitico dibattito interno che si pratica mediante apposite chat – aridatece il Comitato centrale di tre giorni – la sofferenza nel partito è soffocata o dal solito riflesso burocratico-unanimistico o dal conformismo finalizzato a conquistare un posto in lista: si osservino certi sindaci un tempo caldi riformisti ora a caccia di un seggio a Bruxelles come si schierano, tempo tre secondi, con Elly.

Così che alla fine il Pd rischia di prendere schiaffi da tutti, proprio come Arlecchino, cioè dai filo-israeliani delusi dal dietrofront pacifista e dagli anti-israeliani scettici sul medesimo dietrofront.La fermezza questa sconosciuta è evidentemente roba da Prima Repubblica per questi che giocano a dadi con la storia finendo come quei barbieri che danno ragione ad ogni cliente, e dunque si schierano, poi non si schierano, poi si ri-schierano contro quelli con i quali si erano schierati prima, il tutto dentro un caleidoscopio politico che ricorda l’ultima scena di Otto e mezzo, ma qui non siamo al cinema.Certo bisogna far sponda all’inquietudine del Paese stanco di guerre, agli intellettuali che dietro un Martini riscoprono Arafat, ma polemiche a parte non è che non esistano enormi questioni morali e problemi politici che sembrano irrisolvibili. Però un partito deve scegliere da che parte stare.

Marcel Proust, che certo non era un rivoluzionario ma aveva una tipica sensibilità ebrea, scrisse al pittore Jacques-Émile Blanche tanti anni dopo l’Affaire Dreyfus: «Caro amico, perché non vi siete schierato?

Bisognava contarsi!». Ecco, appunto, altro che titolo personale.

 
Vedi anche
ù

/p>
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

31/10/2023 - 14:48

AUTORE:
Dispetto

...male che qualcuno ha capito di fare silenzio, meno male.

30/10/2023 - 23:26

AUTORE:
BdB

Il 24 febbraio dello scorso anno la Russia attacca l'Ucraina con l'intento dichiarato di distruggere lo stato ucraino.
Il 7 ottobre cm, Hamas attacca lo stato di Israele con finalità di distruggere lo stato ebraico.

"Unica destinazione, 2 Popoli 2 Stati. Da qui non si esce"

"Gli Usa, che si sono autonominati difensori della Pace mondiale, facciano il loro dovere"

...ma lo hai scritto te o hai copiato quel che scrisse Fredo del Lelli il 10 marzo del /45 alle nove meno un quarto dopo la guazza, li sotto il fiino castagnolo 'anto 'asa?

nb; Solo distruggendo Hamas come l'ISIS si avranno 2 popoli 2 stati.
La pace di Abramo andava in quel senso ed Hamas con questo atto scellerato e terrorista ha cercato di fermare i paesi arabi e soprattutto l'Arabia Saudita che si stava avvicinando alla ragione che poi è una sola; la Pace.

30/10/2023 - 22:36

AUTORE:
Dispetto

Equilibrismo, di quà o di là, sinistra seria ( immagino quale ) e quindi, di conseguenza, una sinistra poco seria, se non contigua, con i terroristi di Hamas.
Ma ve lo ricordate che dal 7 ottobre sono morte, laggiù tra Israeliani e Palestinesi, quasi 10 mila persone, circa la metà bambini ? E allora basta con le chiacchere con il bilancino, basta con le bizze da bimbi piccini stile " ha cominciato prima lui, noi lui ". Le persone muoiono, dal 1947, la stragrande maggioranza vorrebbe vivere in pace, non prigioniere di leader fuori di testa o di pseudo politici già segnati dalla storia.
Ci sono gli accordi Rabin/Arafat del 1993, si riparta di lì e gli Usa, che si sono autonominati difensori della Pace mondiale, facciano il loro dovere. Obblighino la fine della guerra. Unica destinazione, 2 Popoli 2 Stati. Da qui non si esce.
E voi, giornalisti, politici, governanti italioti continuate a beccarvi come i polli di Renzo.
Se non avete niente di serio da aggiungere, fate silenzio...silenzio...silenzio...

30/10/2023 - 9:38

AUTORE:
BdB

Antonio Gramsci sosteneva che i dirigenti debbono essere/stare "un gocciolino" avanti alle masse e Leily spesso fa anghingò e se ne contenta uno scontenta il resto.
Prova ne è che nelle pochissime ultime riunioni PD (anche da chi l'ha votata alle primarie) non ho mai sentito dire: ha ragione dire che...