none_o


In questo nuovo articolo di Franco Gabbani viene trattato un argomento basilare per la società dell'epoca, la crescita culturale della popolazione e dei lavoratori, destinati nella stragrande maggioranza ad un completo analfabetismo, e, anzi, il progresso culturale, peraltro ancora a livelli infinitesimali, era totalmente avversato dalle classi governanti e abbienti, per le quali la popolazione delle campagne era destinata esclusivamente ai lavori agricoli, ed inoltre la cultura era vista come strumento rivoluzionario. 

. . . . . . . . . . . a tutto il popolo della "Voce". .....
. . . mia nonna aveva le ruote era un carretto. La .....
. . . la merda dello stallatico più la giri più puzza. .....
. . . ci siamo eruditi, siamo passati da Rametti a .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per scrivere alla rubrica: spaziodonnarubr@gmail.com
Pisa, 24-27 giugno
none_a
Tirrenia, 17 giugno
none_a
di Alessio Niccolai con Alma Pisarum APS
none_a
Villa di Corliano, 27 giugno
none_a
Pugnano, 22 giugno
none_a
Le cose andrebbero meglio
se non bene
se si procedesse
tutti quanti insieme. . .
rispettando modi, tempi, capacità
valorizzando le competenze .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
Grillo dice di essere “anziano e confuso“, di aver “peggiorato” il Paese
Grillo, triste show da Fazio: “Conte parlava e non si capiva, io vecchio e confuso: ho peggiorato il Paese”

13/11/2023 - 12:40

Processo al figlio, attacco a Giulia Bongiorno: "Fa comizietti"
Grillo, triste show da Fazio: “Conte parlava e non si capiva, io vecchio e confuso: ho peggiorato il Paese”
Redazione — 13 Novembre 2023

Dice di essere “anziano e confuso“, di aver “peggiorato” il Paese e di ritrovarsi al governo “tutti quelli che avevo mandato a fare in c…”. 

Beppe Grillo show a ‘Che Tempo che Fa‘, la trasmissione condotta da Fabio Fazio su Nove.

Dopo quasi 10 anni il comico genovese nonché fondatore del Movimento 5 Stelle torna in televisione e, in una intervista o quasi durata quasi un’ora (Grillo in piedi ha portato avanti un monologo con Fazio che ha ammesso di non essere riuscito a fargli tutte le domande in scaletta), regala perle di saggezza e anche qualche amara riflessione.

  Inizia dando a Fazio una “campanella, se vado fuori tono mi suoni. Ho un abbassamento di voce quindi devo alzarla, ma non e’ rabbia”. Poi subito la prima riflessione: “”Sono qui per sapere chi sono. Sono il peggiore? Sì, sono il peggiore, ho peggiorato questo Paese. Dall’ultima intervista rilasciata a Vespa” nel 2014 “abbiamo perso le elezioni, tutti quelli che avevo mandato a fare in c… sono al governo”.
Ammette di non essere in grado di “condurre e portare a buon fine un movimento politico”.

“Ho fondato il Movimento ma mi ero iscritto al Pd, ad Arzachena. Adesso sono anziano e confuso. Questo governo è una decalcomania: più gli sputi sopra più si appiccica. Devi stare fermo, si asciuga e si stacca”, ha proseguito. Tuttavia, l’esecutivo Meloni “cerca di fare quello che può”, continua Grillo.

Parole poco tenere per il presidente del Movimento, l’ex premier Giuseppe Conte: “Arrivava dall’università, era un avvocato. Dovevamo scegliere qualcuno della società civile, lo conobbi e dissi: ‘E’ un bell’uomo, laureato, parla inglese’. Poi quando parlava si capiva poco, quindi era perfetto per la politica. Ma è migliorato” nell’esprimersi.
Grillo al pubblico: “Che devo fare?”, “Il comico”
Rivolgendosi al pubblico presente in sala, Grillo chiede: “Io grido, ma la mia è una rabbia è buona. Io cosa devo fare. Ditemelo voi. Siamo in diretta. Io voglio capire chi sono. In base a quello che capite voi di me. Se state attenti o vi state annoiando…”. Immediata la replica del pubblico che risponde in coro: “Il comico“. “Il comico è l’ironia- aggiunge Grillo- io faccio un paradosso e poi dipende dal vostro senso dell’umorismo. Io uso la comicità per capire chi ho di fronte. Lo humour è una barriera contro il razzismo. Se si toglie quello si cade in situazioni deleterie”. Tornando sul periodo in cui governava il suo Movimento, Grillo spiega: “Nella politica hai idee e poi è ovvio che quando entri nelle istituzioni, quell’idea viene frammentata. Era un’idea anche il superbonus edilizio, con Draghi eravamo d’accordo che doveva durare 5 anni. Eravamo d’accordo anche sul reddito di cittadinanza, abbiamo pensato ai navigator e poi ho lanciato le brigate di cittadinanza…”.

Processo al figlio, Grillo attacca senatrice e avvocata Bongiorno: “Fa comizietti”
Grillo diventa serio quando parla di Giulia Bongiorno, senatrice della Lega ma soprattutto avvocato che difende la presunta vittima nel processo per stupro che vede imputati il figlio Ciro e tre amici. “La Bongiorno è un avvocato, presidente della commissione Giustizia, è una senatrice della Lega che fa comizietti davanti ai tribunali, dove c’è una causa a porte chiuse. È inopportuno. Ormai si mischia tutto”.
Sull’ex delfino Luigi Di Maio, vicepremier, ministro del Lavoro e degli Esteri nei governi Conte e Draghi, l’affondo arriva a metà show: “Era il politico più preparato, ma non pensavamo si facesse prendere dal potere. L’abbiamo scelto io e lui, Conte. Io guardavo i programmi, le idee, se è di destra o sinistra non importa, se un’idea è buona. Ma poi ci ha pugnalato…”.


Fonte: da Il Riformista
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

16/11/2023 - 20:17

AUTORE:
Franchino

Anche e-lettore propone il minestrone di quell'altro. Saranno mica fratelli ?

15/11/2023 - 19:28

AUTORE:
E-Lettore

Non sei il solo ad avere le lancette dell'orologio ferme.
Il comunista Massimo D'Alema organizzò le prime elezioni primarie per far diventare il democristiano Romano Prodi suo PdC; visto che se si presentava lui medesimo, nemmen su' mà lo avrebbe votato; epperò il PDS (ex PCI) ebbe un sacco di ministri nel governo guidato da un democristiano.
Democristiano di nascita è anche il PdR attuale, come lo sono stati i PdC Letta e Gentiloni votati dagli ex comunistichi o no?

Beppe Grillo disse no al governo delle astensioni proposto da Bersani e no alla partecipazione del governo Renzi/Alfano.
Disse si ai suoi per il governo Conte bis per rimanere al governo perchè all'epoca Salvini con la legge elettorale vigente prendeva pieni poteri e mandava tutti a casa governando per davvero da solo come anticamente pretendeva il Beppe Grillo.
Il candidato per la guida del governo di quel tempo secondo Matteo Renzi (che con la mossa del cavallo appiedò Salvini), doveva essere il tecnico Carlo Cottarelli, ma, Gigino di Maio aveva sempre il 32% dei voti e quindi: o Conte o voto; oppure governo insieme ai bibbianesi o a casa ambedue entrambi e così Salvini "avrebbe" governato da solo e poi si eleggeva da solo anche il PdR.

Quindi caro Franco piccino a far le battutelle spicciole non ci vuole una ricerca approfondita, intanto però di pentastellati sindaci, ne vediamo poininini, presidenti di regione ne vediamo quasi "punti" ed in prospettiva (secondo me) in Sardegna con la candidata presidenta Todde a 5* imposta da Elena detta Elly appoggiata dall'ex nemico PD è la via per stare in minoranza allegramente.
bona.

15/11/2023 - 18:47

AUTORE:
Fanchino

L'avete tanto detto che nel 2019 c'avete fatto er governo insieme...
Avviso ai tre illuminati : se andate a vedere lo spettacolo di Grillo capirete meglio lo show di domenica...è uguale. Buon 2016....

13/11/2023 - 17:19

AUTORE:
Paolo Gelli

... per un decennio, e ha lasciato le macerie della sua scorribanda in eredità a un azzeccagarbugli cui sfila un lauto compenso in cambio della sua pubblica irrisione.
Come sempre con i suoi sabotatori, l'Italia lo ha applaudito e ancora lo applaude.

13/11/2023 - 17:16

AUTORE:
Aldo Morè

I giornali italiani hanno massacrato di critiche il comico Beppe Grillo, dopo la sua intervista da Fazio.
Grillo ha ammesso che ha provocato danni enormi al paese con il suo movimento M5S.😡😡😡
La critica più tenera è stata la seguente 😂:
" Ha preso un branco di scappati di casa, li ha spediti al Quirinale a giurare sulla Costituzione nelle mani del capo dello Stato, pronti a chiedere deficit e a spezzare le reni all’Europa e all’euro dei burocrati e poi li ha trasformati in lobbisti di sé stessi».
Ma noi stessi e Matteo Renzi 10 anni fa non l'avevano già detto ?

13/11/2023 - 17:10

AUTORE:
dal web-Maria Elena Boschi

Beppe Grillo in TV ieri ha parlato di molte cose. Ha ammesso di aver fallito.
E fin qui: meglio tardi che mai.
Ma poi ha detto una cosa che mi ha colpito: “Se il mondo entra nella tua famiglia, il mondo ti sfascia la famiglia”.
Vero.
È esattamente quello che Grillo e i grillini hanno fatto per tanti anni con gli avversari.
Lo hanno fatto anche con la mia famiglia.
Oggi Grillo va in TV e recita la parte della vittima. Ma questo sistema di aggressione alle persone e alle famiglie è nato con lui e con il suo movimento.
Non entro nel merito delle vicende della famiglia di Grillo.
Dico soltanto che in TV non ho visto semplicemente la preoccupazione di un padre, ho visto soprattutto l’ipocrisia di un uomo che ha diffuso per anni odio e violenza verbale.