none_o


Il precedente articolo di Franco Gabbani sul Castello di Vecchiano e la Chiesa di Santa Maria ha riscontrato un successo di lettura senza precedenti, con oltre 1400 letture sulla Voce e 1000 utenti singoli che lo hanno raggiunto su Facebook nella pagina dell'Associazione.

Ovviamente non conosciamo le letture su altre pagine su cui è stato condiviso, ma questi dati indicano con chiarezza il gradimento nei confronti dei temi storici del territorio.

Interesse dimostrato anche da Agostino Agostini, che ci ha proposto alcuni argomenti correlati.

ci sarebbe da ridere.
Le ultime dichiarazioni del .....
Cantava la Caselli, è proprio il caso.
Purtroppo .....
. . . . se si dà potere a forze di destra filofasciste. .....
In 10 giorni Marco Travaglio ha guadagnato più che .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Associazione ambientalista - LA CITTÀ ECOLOGICA APS
none_a
di Umberto Mosso
none_a
di Bruno Pollacci
Direttore dell'Accademia d'Arte di Pisa
none_a
Primo Levi#Auschwitz #PrimoLevi #ebrei #campidiconcentramento #giornatadellamemoria
none_a
L'amore è amore
senza se e senza ma
Raggiungerlo
è l'aspirazione
più ambita
desiderata
sentita
a cui tende
ogni creatura. . .
pur essendo .....
BG. sono un nuovo abitante di migliarino
abito in via mazzini a meta tra il mobilificio e la chiesa . a qualsiasi ora la velocita sulla strada e'molto .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Una nonna con la valigia

1/12/2023 - 8:08



Una nonna con la valigia.

Non amo i ricordi, mi obbligano a ritornare a contatto di un mondo infantile ormai lontano dove gli attori sono quasi tutti scomparsi. I nonni non li ho conosciuti, non c'erano già più al tempo della mia nascita...e allora vi parlo di me che, quando prendo la valigia per fare la nonna in giro per l'Italia, per prima cosa, lascio andare  la fantasia.

 

Mondi fantastici personaggi originali si sprigionano dal mio vasto arsenale quando, e questo avviene sempre in modo inconsueto e magico, un varco si apre su questa specie di terra di mezzo dove ad un certo punto del viaggio, mi vengo a trovare.

Per un po', di là dal prima e non ancora nel dopo, prende corpo questa realtà fuori dal tempo e dallo spazio; è lasciare un mondo conosciuto per l'avventura, è una sospensione da tutto da dove tutto prende forma in altro modo, fino all'abbraccio con loro, con i figli delle figlie, con quelle nuove persone che stanno creando nuove realtà che non sono virtuali ma vitali, per me,  fantasmagoriche. Loro mi aspettano, cercano la mia complicità, io le loro braccia intorno al collo, il loro gioco/amore incondizionato.

 

La loro fantasia si incontra con la mia e colora, rende vivi e pieni di senso quei personaggi che sono presenti nella mia: li sganciamo appena soli, diamo loro la libertà di popolare il nostro mondo, un mondo solo nostro, lontano da tutto e insaziabile di giochi e di storie soprattutto.

Ci imbarchiamo allora in viaggi pirateschi o vaghiamo per castelli incantati dove siamo le eroine, gli eroi e ci allontaniamo da quel reale che blocca la nostra fantasia intrecciata alle paure, quella del buio e dei mostri, quella del dottore: tutto diventa materia di rielaborazione e destrutturare per riadattare ci sembra un' immensa possibilità di gioco come fossimo degli umani/lego.

 

Una volta, a esempio, abbiamo creato dei costumi da pirati e anche se a me è toccato fare la cattiva con la benda sull' occhio ed essere catturata dopo una fuga rocambolesca, ci siamo divertiti da morire.

E anche poco tempo fa nell'angolo di un parco dove giaceva un vecchio biliardino ci siamo gettati in una pazza partita dove mi sono scoperta a gridare : " goal goal ! " come se fossero i mondiali ed è stato bellissimo, mi ha liberato il cuore ridere tanto con loro. Ci sono poi dei momenti in cui ci raccogliamo o con gli uni o con gli altri o d' estate tutti insieme quando facciamo i  così chiamati lavoretti per cui raccogliamo tappi conchiglie o pigne durante l' anno o quando progettiamo con la più grande una borsa con i ritagli di stoffa o quando, per tenerci vicini, con uno di loro ci portiamo le fasi di una storia per un anno o quando, per divertimento, facciamo rime a caldo come esperti cantori. Ecco, questa è la mia storia di nonna che, strada facendo, mi rendo conto, contribuisce a creare quella cosa che mi fa tanta fatica rammentare, proprio quel tessuto di ricordi che cerco di non sfiorare ma che è così importante nel corso della vita, perché è il terreno da cui siamo venuti... è l'aria che ci costituisce, il seme che non va perduto.
 
Anna Maria Marconi

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri