none_o


L'articolo di oggi non poteva non far riferimento alla festa del SS. Crocifisso che Pontasserchio si appresta a celebrare, il 28 aprile.Da quella ricorrenza è nata la Fiera del 28, che poi da diversi anni si è trasformata in Agrifiera, pronta ad essere inaugurata il 19 aprile per aprire i battenti sabato 20.La vicenda che viene narrata, con il riferimento al miracolo del SS. Crocifisso, riguarda la diatriba sorta tra parroci per il possesso di una campana alla fine del '700, originata dalla "dismissione" delle due vecchie chiese di Vecchializia. 

. . . quanto ad essere informato, sicuramente lo sono .....
Lei non è "abbastanzina informato" si informi chi .....
. . . è che Macron vuole Lagarde a capo della commissione .....
"250 giorni dall’apertura del Giubileo 2025: le .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Colori u n altra rosa
Una altra primavera
Per ringraziarti amore
Compagna di una vita
Un fiore dal Cielo

Aspetto ogni sera
I l tuo ritorno a casa
Per .....
Oggi è venuto a mancare all’affetto di tutti coloro che lo conoscevano Renato Moncini, disegnatore della Nasa , pittore e artista per passione. .....
di Antonio Campo
Ponte sullo Stretto di Messina

18/2/2024 - 20:17

Ponte sullo Stretto di Messina

L'Autostrada Milano Napoli è il simbolo del Miracolo economico, un'epoca che portò l'Italia nel gruppo dei Paesi più industrializzati del mondo.

 

In 8 anni venne portato a termine un progetto che si snoda per oltre 700 km in uno dei contesti orografici più difficili d'Europa. Prima dell'Autostrada, il viaggio in auto da Milano a Roma richiedeva due giorni. Ora, la stessa distanza può essere percorsa in sei ore.Come il ponte sullo stretto, anche l’autostrada del Sole fu osteggiata da chi la riteneva uno spreco di soldi, un’opera impossibile, faraonica, insensata, inutile e dannosa.“Costruiamo una mega autostrada mai fatta prima in nessuna parte del mondo mentre l’Italia è in macerie e non ci sono le strade comunali e provinciali! Vergognatevi, bastardi!”

Fortunatamente l’opera fu costruita comunque e contribuisce ancora oggi al benessere economico, sociale e finanziario del Paese.Inoltre come tutte le grandi opere ha da sempre contribuito alla realizzazione di opere più piccole. Sono infatti proprio le grandi opere a permettere di rivoluzionare il resto del territorio con opere di più piccole dimensioni trainate dalle stesse che altrimenti non verrebbero mai e poi mai costruite.È ciò che farebbe il ponte sullo stretto di Messina. Per esempio attraendo 90 miliardi di euro di investimenti RFI impensabili senza ponte a sud di Napoli, quindi se venisse mantenuto l’attuale stato di non collegamento tra la Sicilia e il continente con conseguente decremento del bacino d’utenza ferroviario di 5 milioni di unità.

Per non parlare del fatto che la condizione di insularità della Sicilia crea danni economici devastanti di oltre 6 miliardi di euro ogni singolo anno. L’assenza del ponte ci costa molto più del costo di realizzazione dell’opera.E voi che ne pensate? Siete contrari alle grandi opere infrastrutturali come l’autostrada del sole, il ponte sullo stretto di Messina, l’alta velocità ferroviaria Salerno Reggio Calabria e tutte le altre? Oppure volete che l’Italia realizzi queste opere per essere competitiva e per produrre benessere?

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri