none_o


L'articolo di oggi non poteva non far riferimento alla festa del SS. Crocifisso che Pontasserchio si appresta a celebrare, il 28 aprile.Da quella ricorrenza è nata la Fiera del 28, che poi da diversi anni si è trasformata in Agrifiera, pronta ad essere inaugurata il 19 aprile per aprire i battenti sabato 20.La vicenda che viene narrata, con il riferimento al miracolo del SS. Crocifisso, riguarda la diatriba sorta tra parroci per il possesso di una campana alla fine del '700, originata dalla "dismissione" delle due vecchie chiese di Vecchializia. 

. . . quanto ad essere informato, sicuramente lo sono .....
Lei non è "abbastanzina informato" si informi chi .....
. . . è che Macron vuole Lagarde a capo della commissione .....
"250 giorni dall’apertura del Giubileo 2025: le .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Colori u n altra rosa
Una altra primavera
Per ringraziarti amore
Compagna di una vita
Un fiore dal Cielo

Aspetto ogni sera
I l tuo ritorno a casa
Per .....
Oggi è venuto a mancare all’affetto di tutti coloro che lo conoscevano Renato Moncini, disegnatore della Nasa , pittore e artista per passione. .....
di Mario Lavia
Granello di sabbia-La fiaccolata per Navalny è una piccola grande cosa per la difesa della libertà

20/2/2024 - 8:47

Granello di sabbia-La fiaccolata per Navalny è una piccola grande cosa per la difesa della libertà

Al Campidoglio c’erano tutti i partiti, anche quelli putinisti, a ricordare il dissidente ucciso da Putin.

Speriamo che la stessa unanime solidarietà si estenda al popolo ucraino
L’immagine bella e severa di Alexei Navalny proiettata sul palazzo Senatorio guarda le migliaia di cittadini saliti nella serata quasi primaverile su al Campidoglio contro Putin l’assassino, «Putin che ha paura» grida al microfono il sindaco di Roma Roberto Gualtieri, unico politico a prendere la parola.

Tanto i politici esternano da par loro nei mischioni di telecamere e microfoni, il teatrino stasera dà il meglio di sé perché sotto la statua di Marco Aurelio ci sono tutti ma proprio tutti. 
Carlo Calenda è arrivato primo con la buona idea di fare appello ai partiti per stringersi intorno alla causa della libertà in Russia e quelli hanno risposto positivamente e dunque in pochi metri quadrati ecco Elly Schlein, Giovanni Donzelli, Massimiliano Romeo – contestato («Parlaci di Savoini») ma per un leghista è il minimo –, Stefano Patuanelli, Riccardo Magi, Pierferdinando Casini, Maria Elena Boschi, Nicola Fratoianni, Angelo Bonelli e gli altri, tutti insieme anche se si detestano tra loro per una marea di motivi ma per Alexei Navalny una volta tanto si può anche condividere un pezzo di selciato. 
Mentre tanta gente comune dietro applaude gli esuli russi, Natascia, Tatiana, Igor, che scandiscono ad alta voce il nome dell’assassino che «ha riportato la Russia nel passato, rivediamo quello che succedeva con Stalin, i cittadini sono prigionieri», e giurano che la lotta continuerà con Yulia, la moglie di Navalny, che a Monaco ha raccolto la bandiera dell’eroe morto nel gelo di un gulag oltre il Circolo polare artico. Giovani con le fiaccole, ragazze con occhi tristi. Non piace per niente qui il ministro dell’Interno Matteo Piantedosi che fa schedare la gente che depone i fiori in onore di Navalny, non è il momento della polemica ma la cosa, dicono i dem, non finisce qui. 

Si diceva del leghista Romeo, che nella serata al Campidoglio è quello che ha più scheletri nell’armadio, e che insiste nel bofonchiare che la vicenda non è chiara ma poi ai microfoni detta: «È un fatto sconcertante, è un regime autoritario»: ben arrivato, senatore. «Ma ’sti leghisti che so’ venuti a fare?», dice uno con la fiaccola in mano. Già. Ma va bene così. Anche se sarebbe necessaria una medesima e unanime solidarietà a favore del popolo ucraino sotto attacco di Mosca.
La Lega non poteva autoescludersi. Una manifestazione semplice, come semplice nella sua tragicità è questa ennesima vigliacca barbarie di un regime fascista e imperialista ai danni di un uomo che voleva la libertà. Alla fine i bacioni tra Calenda e Schlein, lui si guarda intorno, «guarda che bella piazza…», ha fatto benissimo a dare il via a questa iniziativa, «importante che la politica si unisca», che è tecnicamente vero in questa sera romana ma tutti sanno che non è proprio così.

Eppure i cittadini sciolti del Campidoglio, quelli senza bandiere particolari, dicono che questo granello di sabbia insieme a milioni di altri disseminati in tutto il mondo forse bloccheranno l’ingranaggio infernale della più pericolosa dittatura che minaccia il mondo.





+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri