none_o

Nei giorni 26-27-28 aprile verranno presentati manufatti in seta dipinta: Kimoni, stole e opere pittoriche tutte legate a temi pucciniani , alcune già esposte alla Fondazione Puccini Festival.Lo storico Caffè di Simo, un luogo  iconico nel cuore  di Lucca  in via Fillungo riapre, per tre mesi, dopo una decennale  chiusura, nel fine settimana per ospitare eventi, conferenze, incontri per il Centenario  di Puccini. 

#NotizieDalComune #VecchianoLavoriPubblici #VecchianoSport
none_a
Pisa, 17 marzo
none_a
Comune di Vecchiano
none_a
. . . quello che si crede sempre il migliore, ora .....
. . . la merxa più la giri, più puzza e te lo stai .....
. . . camminerebbe meglio se prima di fare il tetto .....
Ad un grosso trattore acquistato magari con l'aiuto .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Colori u n altra rosa
Una altra primavera
Per ringraziarti amore
Compagna di una vita
Un fiore dal Cielo

Aspetto ogni sera
I l tuo ritorno a casa
Per .....
Oggi è venuto a mancare all’affetto di tutti coloro che lo conoscevano Renato Moncini, disegnatore della Nasa , pittore e artista per passione. .....
di Maria Amadesi
La giusta risposta di una città intera, Pisa!

24/2/2024 - 9:19

Quando si manifesta pacificamente, non servono i manganelli che appaiono troppo spesso ultimamente, così come molto sconcertante identificare persone che posano un fiore in memoria di Navalny.

La giusta risposta di una città intera, Pisa!

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

24/2/2024 - 11:24

AUTORE:
Parola di un pisano.

Bella la foto di Piazza dei Cavalieri a Pisa. Non ci è voluto nulla. Basta un fischio e tutti giù in strada. C’è di tutto intorno a quei ragazzi e alle loro voci incredule mentre il manganello si abbatteva su di loro. Ci sono i compagni, gli amici, chi lo è venuto a sapere, chi è corso per stare con gli altri, chi piange e chi digrigna i denti. Pisa è piccola e bella, ci conoscevamo tutti e in qualche modo ci conosciamo ancora. Ho provato a ingrandire la foto, a scrutarne gli angoli: non ci crederete ma ho visto Italone e Michelino, Sgheghe e Colombo. Avevano gli occhi un po’ lucidi e un sorriso stretto tra le labbra. Ci siamo stati a Pisa “dove si va perché ci si crede” ancora.