none_o

Nei giorni 26-27-28 aprile verranno presentati manufatti in seta dipinta: Kimoni, stole e opere pittoriche tutte legate a temi pucciniani , alcune già esposte alla Fondazione Puccini Festival.Lo storico Caffè di Simo, un luogo  iconico nel cuore  di Lucca  in via Fillungo riapre, per tre mesi, dopo una decennale  chiusura, nel fine settimana per ospitare eventi, conferenze, incontri per il Centenario  di Puccini. 

#NotizieDalComune #VecchianoLavoriPubblici #VecchianoSport
none_a
Pisa, 17 marzo
none_a
Comune di Vecchiano
none_a
. . . quello che si crede sempre il migliore, ora .....
. . . la merxa più la giri, più puzza e te lo stai .....
. . . camminerebbe meglio se prima di fare il tetto .....
Ad un grosso trattore acquistato magari con l'aiuto .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Colori u n altra rosa
Una altra primavera
Per ringraziarti amore
Compagna di una vita
Un fiore dal Cielo

Aspetto ogni sera
I l tuo ritorno a casa
Per .....
Oggi è venuto a mancare all’affetto di tutti coloro che lo conoscevano Renato Moncini, disegnatore della Nasa , pittore e artista per passione. .....
Associazione ambientalista - LA CITTÀ ECOLOGICA APS
INQUINAMENTO ATMOSFERICO IN CITTÀ. UNICA SOLUZIONE RIDURRE LE AUTO IN CIRCOLAZIONE.

24/2/2024 - 13:24

COMUNICATO STAMPA
INQUINAMENTO ATMOSFERICO IN CITTÀ. UNICA SOLUZIONE RIDURRE LE AUTO IN CIRCOLAZIONE.


La situazione dell’inquinamento atmosferico in città, pur migliorato nell’ultimo decennio, rimane preoccupante.
Per rimanere alle sole polveri sottili, ci sono stati alla centralina di via del Borghetto, dall’inizio del 2024, 33 superamenti del valore guida per le PM2,5  individuato dalla OMS per la protezione della salute umana e 9 superamenti delle PM10. In 52 giorni.
Il tutto in presenza di temperature dell’atmosfera più alte della media del periodo per effetto del riscaldamento globale, che favoriscono la dispersione degli inquinanti.
L’inverno-non inverno riduce anche l’inquinamento urbano prodotto dai vari tipi di riscaldamento domestico e fa sì che l’inquinamento odierno sia prevalentemente dovuto alla mobilità urbana, tuttora centrata sull’uso dell’auto privata.
Per ridurre questo inquinamento che produce annualmente morti premature (e contestualmente ridurre le emissioni climalteranti), è necessario realizzare un sistema dei trasporti che sia al contempo ecologico ed efficiente. Per fare ciò è indispensabile ridurre drasticamente l’utilizzo dell’auto privata: è necessario che, in tempi relativamente brevi, questa modalità di spostamento diventi marginale in città in un sistema incardinato sulle alternative sostenibili quali il trasporto pubblico non inquinante e la mobilità attiva (ciclistica e pedonale).
È necessario passare presto dalla città per le auto alla città per le persone, ribaltando il modello centrato sull'auto: le risorse non devono  essere più spese per nuove strade, rotatorie e parcheggi ma per realizzare infrastrutture che favoriscano in tutti i modi la mobilità ciclistica e quella pedonale e il mezzo pubblico puntando con decisione a realizzare una rete tranviaria che costituisca la spina dorsale di un sistema di trasporto pubblico moderno e efficiente, in grado di movimentare ogni giorno molte decine di migliaia di persone in città e nell’area vasta costiera.
La scelta della mobilità ecologica richiede anche un radicale ripensamento della distribuzione dello spazio urbano, con l’ampliamento della ZTL a tutta l’area interna alle mura a partire dai lungarni, con contestuale drastica riduzione dei permessi di accesso ad essa.
Occorre la riduzione della larghezza delle carreggiate stradali riservate alle auto per fare spazio alle infrastrutture del trasporto pubblico,a marciapiedi spaziosi e privi di qualsivoglia barriera architettonica, a piste ciclabili in sede protetta. Sarà indispensabile anche ridurre progressivamente i parcheggi per i non residenti, facendo funzionare a pieno regime quelli scambiatori, resi fruibili tutti i giorni della settimana e ben collegati al centro. Occorre ridurre l’incidentalità urbana attraverso la moderazione del traffico e la realizzazione di Pisa città-30, al fine di garantire la sicurezza di pedoni e ciclisti.
Una serie di misure quindi che vadano tutte nella direzione di disincentivare l’uso dell’auto ed incentivare la mobilità ecologica.
Quanto siano gravi e nocivi l’inquinamento atmosferico e il cambiamento climatico è cosa ormai nota; come è noto cosa si debba fare per ridurne gli effetti. Occorre solo muoversi con decisione in quella direzione.
Pisa, 23 febbraio 2024

Fonte: Associazione ambientalista La Città Ecologica APS
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri