none_o

Nei giorni 26-27-28 aprile verranno presentati manufatti in seta dipinta: Kimoni, stole e opere pittoriche tutte legate a temi pucciniani , alcune già esposte alla Fondazione Puccini Festival.Lo storico Caffè di Simo, un luogo  iconico nel cuore  di Lucca  in via Fillungo riapre, per tre mesi, dopo una decennale  chiusura, nel fine settimana per ospitare eventi, conferenze, incontri per il Centenario  di Puccini. 

#NotizieDalComune #VecchianoLavoriPubblici #VecchianoSport
none_a
Pisa, 17 marzo
none_a
Comune di Vecchiano
none_a
. . . quello che si crede sempre il migliore, ora .....
. . . la merxa più la giri, più puzza e te lo stai .....
. . . camminerebbe meglio se prima di fare il tetto .....
Ad un grosso trattore acquistato magari con l'aiuto .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Colori u n altra rosa
Una altra primavera
Per ringraziarti amore
Compagna di una vita
Un fiore dal Cielo

Aspetto ogni sera
I l tuo ritorno a casa
Per .....
Oggi è venuto a mancare all’affetto di tutti coloro che lo conoscevano Renato Moncini, disegnatore della Nasa , pittore e artista per passione. .....
Le emozioni letterarie di Lily.

4/3/2024 - 19:00



"Mio padre ha voluto uccidere mia madre una domenica di giugno, nel primo pomeriggio...Nella cantina mal illuminata mio padre teneva mia madre stringendola per una spalla, forse per il collo. Nell'altra brandiva la roncola di legno ...poi siamo tutti e tre in cucina. Piango senza riuscire a smettere. Mio padre ripete: tu che piangi a fare, a te mica ho fatto niente...Mia madre dice: è passato. Non se ne é parlato più."
"La vergogna", Annie Ernaux
Prendo a prestito una scena narrata nel libro di Annie Ernaux e la decontestualizzo usandola, perchè potente ed efficace, per parlare di violenza di genere. La madre di Annie aveva un carattere forte e impositivo, il padre ne era naturalmente frustrato. Ad un certo punto ha avuto un raptus, che in realtà non esiste. Il gesto di volerla uccidere era dentro di lui da tempo, covato e nutrito di rancore e rabbia. Con questo si spiega ma non è giustificato il gesto di tentare o uccidere. Le persone adulte dovrebbero saper gestire le proprie frustrazioni.

È un passaggio evolutivo importante nello sviluppo cognitivo ed emotivo infantile...E allora perchè molti uomini non sanno farlo e usano la violenza nei confronti delle donne? Semplicemente perchè un certo tipo di stereotipo sociale li fa sentire e quindi apparire, le due cose sono purtroppo collegate, sminuiti nella loro virilità e personalità quando non riescono a controllare le loro donne. Il controllo può essere fisico emotivo culturale. È un retaggio atavico, il bisogno   di predominio e sottomissione. Lo stupro che ne può conseguire non è solo violenza sul corpo di una donna ma anche sulla sua autostima, indipendenza, scelta. Cerca di uccidere e cancellare il tuo esistere quando non dipende più da lui.

Basterebbe che fossero capaci di farsi aiutare.

Basterebbe che la società delle donne e degli uomini fosse capace di metterlo in piedi e di farlo camminare questo sistema di aiuto. Lo facesse correre...imparando ad usare le parole giuste al posto dei pugni. Il femminile deve d' altra parte imparare a volersi bene, lasciandosi alle spalle l'idea che il sacrificio le appartenga. Riappropriarsi della propria indipendenza, economica ed emotiva. Tenere sempre uno spazio intimo privato. Inaccessibile se non a te stessa. Da cui ripartire in ogni caso. Non mi ucciderai per sempre...forse non sarà domani ma ti assicuro che non lo farai per sempre.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri