none_o

Nei giorni 26-27-28 aprile verranno presentati manufatti in seta dipinta: Kimoni, stole e opere pittoriche tutte legate a temi pucciniani , alcune già esposte alla Fondazione Puccini Festival.Lo storico Caffè di Simo, un luogo  iconico nel cuore  di Lucca  in via Fillungo riapre, per tre mesi, dopo una decennale  chiusura, nel fine settimana per ospitare eventi, conferenze, incontri per il Centenario  di Puccini. 

#NotizieDalComune #VecchianoLavoriPubblici #VecchianoSport
none_a
Pisa, 17 marzo
none_a
Comune di Vecchiano
none_a
. . . quello che si crede sempre il migliore, ora .....
. . . la merxa più la giri, più puzza e te lo stai .....
. . . camminerebbe meglio se prima di fare il tetto .....
Ad un grosso trattore acquistato magari con l'aiuto .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Colori u n altra rosa
Una altra primavera
Per ringraziarti amore
Compagna di una vita
Un fiore dal Cielo

Aspetto ogni sera
I l tuo ritorno a casa
Per .....
Oggi è venuto a mancare all’affetto di tutti coloro che lo conoscevano Renato Moncini, disegnatore della Nasa , pittore e artista per passione. .....
di Fabiano Corsini
'A varca che canta

5/3/2024 - 12:30


'A varca che canta

Con lo spettacolo “A varca che canta” si conclude sabato 9 al Fortino il ciclo “Delle donne e del Novecento”. “A Varca che canta" è una piece scritta e interpretata da Fabio Pagano, attore e cantante partenopeo.
Un giro in barca intorno a tre isole, Procida, Sicilia e Sardegna attraverso le voci di tre formidabili interpreti della cultura popolare Concetta Barra, Rosa Balistreri e Maria Carta.

Per rivivere spaccati delle loro intime biografie, costellate da sofferenze, disagi familiari, ma anche da riscatti, gioie, soddisfazioni, ironie. Ad accompagnare il viaggio sarà un uomo, un Caronte benevolo. Suo obbiettivo quello di traghettare da un’isola all’altra le anime degli spettatori con l’intento di fare un omaggio alla presenza divina e mitologica della Donna.

Il teatro si propone come un contenitore "sacro" in cui le arti si mescolano naturalmente, corpo e parola dell’attore raccontano storie e sensazioni, coinvolgendo il pubblico in un'intensa esperienza emozionale.


'Per la cena (ore 20, riservata soci ARCI) è necessario prenotare allo 050 36195. Lo spettacolo inizia alle 21,30 .










+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri