none_o


In questo nuovo articolo di Franco Gabbani viene trattato un argomento basilare per la società dell'epoca, la crescita culturale della popolazione e dei lavoratori, destinati nella stragrande maggioranza ad un completo analfabetismo, e, anzi, il progresso culturale, peraltro ancora a livelli infinitesimali, era totalmente avversato dalle classi governanti e abbienti, per le quali la popolazione delle campagne era destinata esclusivamente ai lavori agricoli, ed inoltre la cultura era vista come strumento rivoluzionario. 

Sei fuori tema. Ma sappiamo per chi parli. . .
. . . non so se sono in tema; ma però partito vuol .....
Quelle sono opinioni contrastanti, il sale della democrazia, .....
. . . non siamo sui canali Mediaset del dopodesinare .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Nei tuoi occhi languidi
profondi, lucenti
piccolo mio
inestimabile tesoro
vedo il futuro
il tuo
il presente
quello del tuo babbo
il passato
quello .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
Gestione dell'ordine pubblico durante le manifestazioni studentesche del 23 febbraio scorso

11/3/2024 - 12:48

Gestione dell'ordine pubblico durante le manifestazioni studentesche del 23 febbraio scorso:approvati due documenti dal Consiglio provinciale di Pisa e dal Consiglio Comunale di Vecchiano 


Pisa, 11 marzo 2024 - "Il Consigliere di Forza Italia Roberto Sbragia esprime il proprio voto sui fatti del 23 febbraio scorso di Via San Frediano a Pisa, e quindi di supporto al diritto di manifestare di studentesse e studenti, in base alla sede politica in cui si approvano le mozioni. Così si spiega il duplice atteggiamento che lo ha visto a Pisa, in sede di Consiglio provinciale, abbandonare l'aula e a Vecchiano votare un ordine del giorno presentato da Insieme per Vecchiano, quando in votazione c'era sempre lo stesso argomento: la gestione dell'ordine pubblico in merito alle manifestazioni studenresche", con queste parole il Presidente della Provincia di Pisa, Massimiliano Angori. 

"L'ente provinciale ha, infatti, approvato a maggioranza suddetto ordine del giorno, che condanna in maniera ferma la gestione dell’ordine pubblico a Pisa e Firenze di venerdì 23 febbraio, ritenendo del tutto sproporzionata la reazione di alcuni elementi delle forze dell’ordine presenti nei confronti delle studentesse e degli studenti partecipanti alle manifestazioni. Attraverso tale documento, così come con l'ordine del giorno approvato all'unanimità anche a Vecchiano, esprimiamo
solidarietà a tutti gli studenti, professori e cittadini che manifestavano pacificamente e che sono stati coinvolti nelle cariche e sono stati colpiti. 
Non è accettabile, ed è ingiustificabile reprimere con la violenza, e di quel tipo, una manifestazione studentesca.
In questo senso, subito dopo i drammatici eventi ho chiesto al Prefetto di Pisa la convocazione di un Comitato provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica.
Seppure nella ferma condanna dell'evento, infatti, ritengo che un errore di singoli non possa appannare il ruolo e la visione che i cittadini e le cittadine hanno diritto di avere delle istituzioni tutte.

Le persone, e tanto più i giovani e le giovani, i ragazzi e le ragazze, il nostro futuro insomma, hanno diritto a istituzioni che rappresentino lo Stato in tutte le sue migliori accezioni, e per questo, noi stessi rappresentanti delle istituzioni, siamo chiamati, anche e soprattutto dopo i drammatici fatti del 23 febbraio, a riflettere per quello che dobbiamo fare operativamente affinché lo Stato sia davvero uno Stato di diritto.
La Provincia di Pisa continuerà a lavorare in questo senso, sia attraverso l'espletamento delle proprie competenze, sia attraverso una opera di confronto e dialogo attivo istituzionale in tutte le sedi opportune, nel rispetto del ruolo delle forze dell'ordine, che comunque devono rappresentare sempre e comunque anch'esse lo Stato a fianco dei cittadini e delle cittadine, in qualsiasi contesto legale e democratico, come previsto anche dalla nostra Costituzione", aggiunge Angori.

"Ringrazio il Presidente  della  Provincia di Pisa per essere intervenuto subito il giorno stesso con un comunicato di vicinanza agli studenti , e di aver portato in Consiglio un ordine del giorno di cui sono prima  firmataria in cui chiediamo impegni precisi, tra cui attivarsi nei confronti del Prefetto di Pisa e per suo tramite con il Governo e il Ministero dell’Interno, affinché sia fatta in tempi rapidi chiarezza e accertati le responsabilità in merito alla gestione dell’ordine pubblico in occasione delle manifestazioni di studenti a Pisa e Firenze. 
I consiglieri di minoranza hanno lasciato il consiglio al momento della votazione: un atto gravissimo di mancato rispetto istituzionale, tanto più in relazione all'argomento trattato, la libertà di manifestare di studenti e studentesse", conclude la Consigliera Provinciale Maria Antonietta Scognamiglio, prima firmataria del documento.


Fonte: Sara Rossi Portavoce del Presidente della Provincia di Pisa
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri