none_o


In questo nuovo articolo di Franco Gabbani viene trattato un argomento basilare per la società dell'epoca, la crescita culturale della popolazione e dei lavoratori, destinati nella stragrande maggioranza ad un completo analfabetismo, e, anzi, il progresso culturale, peraltro ancora a livelli infinitesimali, era totalmente avversato dalle classi governanti e abbienti, per le quali la popolazione delle campagne era destinata esclusivamente ai lavori agricoli, ed inoltre la cultura era vista come strumento rivoluzionario. 

. . . altrimenti in Italia tutto il potere centrale .....
Sei fuori tema. Ma sappiamo per chi parli. . .
. . . non so se sono in tema; ma però partito vuol .....
Quelle sono opinioni contrastanti, il sale della democrazia, .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
MORTE PESCINI, GALLETTI E NOFERI (M5S):
none_a
di Gianluca Gambini
none_a
LISTA FORZA ITALIA - NOI MODERATI - PLI COMUNICATO STAMPA
none_a
Dichiarazione della candidata a Sindaco di San Giuliano Terme Ilaria Boggi.
none_a
A cura di Annalisa Girardi
none_a
Nei tuoi occhi languidi
profondi, lucenti
piccolo mio
inestimabile tesoro
vedo il futuro
il tuo
il presente
quello del tuo babbo
il passato
quello .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
Di Mario Lavia
Tutti i riformisti del presidente-Il futuro politico di Draghi ha già monopolizzato la campagna per le Europee

18/4/2024 - 8:38

Tutti i riformisti del presidente - Il futuro politico di Draghi ha già monopolizzato la campagna per le Europee


Il discorso dell’ex presidente della Bce ha riacceso entusiasmo in un dibattito sinora asfittico, portando Renzi e Calenda a gareggiare su chi sia il più draghiano del reame. Ma si muove qualcosa anche dentro il Pd

Non c’è dubbio che il manifesto di Mario Draghi abbia fatto irruzione in una campagna elettorale dominata dagli arresti di Bari (e adesso dallo scandalo catanese che coinvolge la Lega) o dal balletto sulla candidatura dei leader: e dunque i temi europei hanno cominciato a tenere banco e insieme a questo, soprattutto, il fatto che sta emergendo Draghi come possibile, o addirittura probabile, figura chiave del futuro europeo. 

La novità costituita dal discorso di La Hulpe è molto seria. Il meteorite-Draghi è piombato sul dibattito europeo sinora asfittico, provinciale, privo di emozione. A livello psicologico può cambiare molto anche da noi. E infatti i liberal-riformisti, cioè Matteo Renzi e Carlo Calenda, che come si sa guidano due liste diverse pur nella stessa famiglia di Renew Europe, hanno iniziato a gareggiare anche su chi sia il più draghiano del reame. 

La cosa incredibile è che secondo i sondaggi l’area Draghi già viaggiava verso il dieci per cento prima del discorso con il quale l’ex presidente del Consiglio ha disegnato la nuova Europa. Pertanto dalla virtuale scesa in campo di super-Mario le liste di Calenda e di Renzi-Bonino non potranno che trarre nuova linfa e infatti l’aria che si respira nelle due squadre è già cambiata, per certi aspetti ricorda quella della fase in cui si preparò, nello scetticismo generale, il governo Draghi dopo i due esecutivi di colore diverso di Giuseppe Conte. Come allora Draghi salvò l’Italia, potrebbe adesso essere chiamato a salvare l’Europa, è il discorso che si fa tra i draghiani. 

Ieri Calenda ha presentato la sua lista “Siamo europei” che ha un programma molto forte e naturalmente l’ambizione di superare lo sbarramento. Il leader di Azione sa che deve affrontare la concorrenza di Renzi-Bonino e per questo non ha rinunciato a mettere qualche puntino sulle “i” rispetto a Stati Uniti d’Europa: «Questa è una lista politica e non di scopo, è composta da persone che hanno desiderio di continuare a lavorare insieme. A differenza degli Stati Uniti d’Europa, gli eletti lavoreranno tutti nello stesso gruppo, quello di Renew. E poi dirsi europeisti ed essere europeisti è diverso, dubito che un europeista sia aperto a trattare con un condannato per mafia, oppure sia disposto a prendere soldi da un dittatore straniero, oppure ospiti nella lista persone che erano contro l’invio di armi in Ucraina». 

Polemiche a parte, è da notare che a sostegno della lista calendiana, sotto quello di Azione, ci siano otto simboli di forze laiche, tra cui la storica edera dei repubblicani. Ed ecco l’impegno: «Faremo di tutto perché Mario Draghi sia presidente o del Consiglio Europeo o della Commissione europea». 

Da parte sua Renzi – la cui candidatura pare sempre più probabile – vuole essere protagonista in prima persona delle trattative, che saranno come al solito complicate, che si terranno dopo il voto di giugno ed è determinato a dare un forte contributo per portare super-Mario alla Commissione europea. «Renzi – si legge in una nota di Italia viva – vuole sedere direttamente al tavolo delle trattative e se la lista Stati Uniti d’Europa porterà almeno cinque eletti a Strasburgo, allora sarà la seconda componente dopo i francesi nel gruppo dei centristi».
E il Partito democratico? Nel silenzio di Elly Schlein e dello stato maggiore, che forse una parola di apprezzamento per il discorso draghiano avrebbero pure potuta dirla, finora si evince l’interesse assoluto dei riformisti del Pd per una scesa in campo di Draghi, la cui analisi – ha osservato il dem riformista Pierfrancesco Maran – implica «un protagonismo europeo che consenta un cambio di scala: da piccoli stati nazionali a un continente che condivide risorse, tecnologie, industrie per difendere un mercato interno che può essere sempre più messo in crisi dal contesto internazionale dove le regole di ingaggio sono cambiate».

Il treno di Mario Draghi è partito.














+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

18/4/2024 - 14:00

AUTORE:
Dispetto

...fino alle lacrime, grazie Mario.
Candidatura di Renzi ? Lo sa Mario nostro che un parlamentare europeo, da regolamento, non può fare altro oltre a quello ? Ce lo vede Renzi a non girare il mondo per conferenze ? Patetico. L'area draghiana viaggiava, dati Otelma, già oltre il 10%. Intanto sono in due e dovranno superare il 4% per entrare a Strasburgo.
Il treno partito potrebbe finire anche su un binario morto...