none_o


Una vicenda tutta personale viene descritta in questo nuovo articolo di Franco Gabbani, una storia che ci offre un preciso quadro sulla leva per l'esercito di Napoleone, in grado di "vincere al solo apparire", ma che descrive anche le situazioni sociali del tempo e le scorciatoie per evitare ai rampolli di famiglie facoltose il grandissimo rischio di partire per la guerra, una delle tante. 

Vittoria del Vecchiano Centro al Palio Rionale
none_a
Circolo ARCI-Migliarino
none_a
Comune di Vecchiano- Nuova Allerta Meteo Gialla in arrivo
none_a
. . . uno sul web, ora, che vaneggia che la sua .....
. . . . . . . . . . . a tutto il popolo della "Voce". .....
. . . mia nonna aveva le ruote era un carretto. La .....
. . . la merda dello stallatico più la giri più puzza. .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
di Fabiano Corsini
none_a
Pisa, 24-27 giugno
none_a
Tirrenia, 17 giugno
none_a
di Alessio Niccolai con Alma Pisarum APS
none_a
Villa di Corliano, 27 giugno
none_a
Le cose andrebbero meglio
se non bene
se si procedesse
tutti quanti insieme. . .
rispettando modi, tempi, capacità
valorizzando le competenze .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
da Museo del Bosco
La Vanga

5/5/2024 - 11:47

La Vanga - Vivere in campagna vuol dire anche essere autosufficienti, avere a portata di mano quello che serve alla cucina e non solo.

Il pollaio la conigliera e il piccolo orto. Tutti beni accessori alla casa, per vivere serenamente e senza pensieri.

Mal che vada pomodori, bietole, zucchine o basilico sono a portata di mano.La stagione dell’orto inizia con le prime giornate di sole, quando la terra si asciuga e spuntano le antiche erbe selvatiche. A quel tempo, la prima protagonista che entra in quel breve spazio da cavare è la vanga.

Un attrezzo di vecchia data, che a prima vista potrebbe sembrare uno scudo in miniatura, per metà zappa e per metà badile. Infatti, serve contemporaneamente per cavare e per sollevare.

Nonostante la vanga soffra la concorrenza delle moderne motozappe, in molti casi ancora oggi, quest’attrezzo che viene da lontano si fa preferire. Resta molto in uso tra la popolazione anziana, non solo per abitudine ma soprattutto per il suo facile uso negli spazi brevi. Vale a dire gli orti di casa o le lunghe fasce di Liguria, sospese sulla costa della montagna, strette a monte e a valle da muretti a secco. Inoltre, più della motozappa, la vanga permette uno scavo profondo anche trenta/quaranta centimetri e il rivolgimento completo della terra sminuzzandola allo stesso tempo. Inoltre permette una buona e profonda concimazione mettendo il letame maturo al fondo di solchi alterni.

La vanga usata in Alta val d’Orba è un attrezzo di ferro forgiato, vagamente trapezoidale con un’anima centrale che la rende più rigida. La punta in genere è piana, talvolta con due punte laterali appena accennate, è preparata alla funzione di taglio per meglio penetrare nel terreno. Il manico, ben dimensionato, forte e robusto è fatto col legno del frassino o del faggio (ndr, di sambuco che è il legnoo più leggero er resistente in assoluto). A lato della lama, incastrata sul bordo superiore e piantata nel manico, sta la staffa( la pallonzola) In molti casi la staffa è mobile si può fissare a destra o a sinistra secondo l’abitudine dello zappatore. Premendo sulla staffa con il piede, si esercita la forza necessaria per incidere il terreno ed estrarre la zolla dalla cava di terra.

A quel punto il manico diventa una leva e la lama un badile, per sollevare la zolla, rivoltarla completamente nella caduta e dare così, respiro alla terra. Gli anziani sostengono che vangare l’orto sia più proficuo rispetto all’uso delle moderne motozappe o fresatrici.

Di certo la vangatura permette una cava più profonda e un’immediata sminuzzatura delle zolle. Il concime sta bene in profondità tanto che le erbe infestanti crescono con più fatica.

Però, con la motozappa si fa meno fatica e i tempi di lavoro sono davvero ridotti al minimo … e questa è una civiltà in cui il tempo è denaro

 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri