none_o


In questo nuovo articolo di Franco Gabbani viene trattato un argomento basilare per la società dell'epoca, la crescita culturale della popolazione e dei lavoratori, destinati nella stragrande maggioranza ad un completo analfabetismo, e, anzi, il progresso culturale, peraltro ancora a livelli infinitesimali, era totalmente avversato dalle classi governanti e abbienti, per le quali la popolazione delle campagne era destinata esclusivamente ai lavori agricoli, ed inoltre la cultura era vista come strumento rivoluzionario. 

. . . mia nonna aveva le ruote era un carretto. La .....
. . . la merda dello stallatico più la giri più puzza. .....
. . . ci siamo eruditi, siamo passati da Rametti a .....
Ripetere 1000 volte la verità assoluta dei fatti con .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per scrivere alla rubrica: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Tirrenia, 17 giugno
none_a
di Alessio Niccolai con Alma Pisarum APS
none_a
Villa di Corliano, 27 giugno
none_a
Pugnano, 22 giugno
none_a
Tirrenia, 15 giugno
none_a
Le cose andrebbero meglio
se non bene
se si procedesse
tutti quanti insieme. . .
rispettando modi, tempi, capacità
valorizzando le competenze .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
none_o
Sulla riva del mare si può anche sognare.

11/5/2024 - 20:33



Buonasera mi è arrivata questa mail con preghiera di pubblicazione e veramente, data la schiettezza dello scritto e la difficolta dello spazio della natura del raccontino, non vedo altro che sia questo quello giusto: la gente c’è e il paese pure.
Buona lettura
 
C'era una volta, giustappunto ieri ma potremmo anche fare domani… allora cosa volevo dire?  Si...che c'era, c’è e ci sarà una città perfetta, bella, bellissima, oltremodo bella...Una città che si affaccia su un mare verde bottiglia, pieno di pesci rosso magenta e con una spiaggia di sassolini scricchiolanti. Il cielo sopra è azzurro pervinca percorso da nuvole bianche come pecorelle
che se ti sdrai a pancia in su' le vedi correre veloci, chissà dove...dove?  Dimmelo tu. Ci sono case bianche abbaglianti e stradine di ciottoli tondi, profumate di mille odori, lontani e vicini. Ci abita gente di ogni colore, con voci diverse e tutte uguali. È una città aperta verso il mondo, ci sgambettano nonni e bambini, alla ricerca dei rossi pesciolini…Ci puoi trovare bastioni allungati verso il mare, librerie a più piani, giardini sbilenchi e giornate di vento e sole. È una città preziosa, di quelle da ricordare, vivere ed annusare. Sono sicuro che la puoi trovare, oltre ai tuoi sogni, in mezzo ai tuoi desideri. Con l’aquilone, la barca, la bicicletta ci puoi arrivare...


 Noi queste visoni le abbiamo sul nostro litorale.
Ho indagato e risulta che lo scrittore sia sardo e tutto si spiega con: “tutto il mondo è paese”.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

18/5/2024 - 16:00

AUTORE:
Mariolina

La felicità è cosa da poco, per quelli che come me che si sanno accontentare delle piccole gioie della vita.
Quand'ero piccina e indossavo gli sciantillì, calzature obbligate per noi bambini del dopoguerra, ero sempre felice perche' mi permettavano di entrare nelle pozzanghere, camminare, pestare i piedini e schizzare i bambini vicini che facevano la stessa cosa ridendo...
Quel bambino felice in mezzo a quel laghetto improvvisato mi fa volare nei paradiso dei ricordi!
Questa è la mia spiaggia, dove scorrazzavo e rincorrevo le onde, le aspettavo, anzi le pregavo di raggiungermi nel mio regno e poi seguivo il defluire dell'acqua marina che se ne tornava nel mare...quanti giochi liberi, da sola o con l'amica del cuore!

18/5/2024 - 13:41

AUTORE:
Lisetta

La terra è di tutti e di nessuno, ma appartiene sicuramente di più a chi la rispetta e se ne prende cura (anche di quella lasciata selvaggia, al naturale, libera a vista d'occhio), e quindi accessibile anche ai meno abbienti, perche' dire poveri è fuori moda.
E poi ci sono i litorali versiliesi lussuosi, sfarzosi, con ogni tipologia di divertimento e confort alla "briatorchè", dove ti guardano in cagnesco, ti fiutano da lontano e ti rifiutano perche' non puzzi di soldoni o non sei viziato...