none_o


In questo nuovo articolo di Franco Gabbani viene trattato un argomento basilare per la società dell'epoca, la crescita culturale della popolazione e dei lavoratori, destinati nella stragrande maggioranza ad un completo analfabetismo, e, anzi, il progresso culturale, peraltro ancora a livelli infinitesimali, era totalmente avversato dalle classi governanti e abbienti, per le quali la popolazione delle campagne era destinata esclusivamente ai lavori agricoli, ed inoltre la cultura era vista come strumento rivoluzionario. 

. . . mia nonna aveva le ruote era un carretto. La .....
. . . la merda dello stallatico più la giri più puzza. .....
. . . ci siamo eruditi, siamo passati da Rametti a .....
Ripetere 1000 volte la verità assoluta dei fatti con .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per scrivere alla rubrica: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Tirrenia, 17 giugno
none_a
di Alessio Niccolai con Alma Pisarum APS
none_a
Villa di Corliano, 27 giugno
none_a
Pugnano, 22 giugno
none_a
Tirrenia, 15 giugno
none_a
Le cose andrebbero meglio
se non bene
se si procedesse
tutti quanti insieme. . .
rispettando modi, tempi, capacità
valorizzando le competenze .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
di Mario Lavia (a cura di Bruno Baglni, red VdS)
Correnti europee - Tu chiamale, se vuoi, elezioni, ma per il Pd sono un congresso

16/5/2024 - 19:29

Correnti europee-Tu chiamale, se vuoi, elezioni, ma per il Pd sono un congresso

A nessuno interessano i temi di Bruxelles, le sfide importanti sono quella di Elly Schlein per tenersi il partito, e la conta interna di alcuni capi bastone

Come quel libro di Oliver Sacks, “L’uomo che scambiò sua moglie per un cappello”, così il Partito democratico ha scambiato le elezioni Europee per il suo congresso.

E questo oltretutto è un po’ una presa in giro dei suoi elettori (la maggioranza) ignari del fatto che dietro il voto ci sono diversi conti interni da regolare. Il primo naturalmente riguarda il futuro di Elly Schlein. Su questo è inutile spendere molte parole: sotto il venti per cento rischia il commissariamento, sopra si salva, con il ventidue e passa è una vittoria.
In questi giorni nel partito nessuno prevede una dura sconfitta, e non solo perché i sondaggi stanno andando più che discretamente. L’aria non sembra essere cattiva, dicono molti candidati.

La polarizzazione Schlein-Meloni tanto cercata dal Nazareno sembra prendere corpo anche grazie al duello tv, non a caso osteggiato da Giuseppe Conte, che in questo inizio di campagna elettorale (osanna di Goffredo Bettini a parte) fatica a emergere. Dunque, anche se le cose dovessero andare male non si vede nessuno in grado di scalzare la segretaria. Al massimo si potrebbe delineare un suo “commissariamento” con una nuova segreteria (più difficile l’ipotesi di Paolo Gentiloni come presidente) e probabilmente si aprirebbe una di quelle fasi più o meno lunghe in vista di un chiarimento congressuale.
L’altro importante regolamento di conti riguarda la linea politica, soprattutto di politica estera. Sarà interessante vedere quante preferenze raccoglieranno Cecilia Strada e soprattutto Marco Tarquinio (la rete di cattolici pacifisti sta girando a pieno regime), sostenitori com’è noto di una posizione diversa da quella del partito sugli aiuti all’Ucraina. Non dovrebbe succedere, ma poniamo che Tarquinio ottenga più preferenze di Schlein: quali sarebbero le conseguenze? Non sarebbe il segno che l’elettorato dem si sarebbe attestato su una posizione anti-atlantista? Ma questo semmai è un classico scontro congressuale. Le liste elettorali sono un’altra cosa, cioè sono la proiezione delle idee di un partito nel quale certo ci possono essere sfumature diverse o anche differenze su singole questioni programmatiche, ma non sulla guerra (o sull’aborto), cioè sui fondamentali.

Allo stesso modo il meccanismo delle preferenze rivelerà il peso delle correnti interne con delle specifiche partite interessanti: al Centro, a parte Tarquinio sponsorizzato dalla sinistra di Andrea Orlando, come andrà Dario Nardella sostenuto da Dario Franceschini o Matteo Ricci, nuovo pupillo di Bettini che ha mollato Nicola Zingaretti? E come si comporteranno i candidati riformisti (alcuni di loro, specie al Nord, sono a rischio)? E sarà anche da valutare la forza dei cacicchi al Sud dove il partito di Schlein è più in affanno: un risultato deludente nel Mezzogiorno potrebbe fotografare la crisi di un certo modello di partito. Insomma, le Europee saranno un congresso sulla leadership, sulla linea e sul profilo del partito.

Peccato che gli elettori del Partito democratico non lo sappiano.





+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

18/5/2024 - 20:53

AUTORE:
Altro bagnsiolo

O chi sarai...l'oddio. Se sei tanto bravo perché non ti candidi e risolvi i problemi. Va con Renzi che ha bisogno di grandi teste come la tua.

ndr: bagnsiolo - okkosè?

18/5/2024 - 19:28

AUTORE:
BdB

...lo hanno lasciato 6 milioni di cittadini italiani ed anche nel mio comune il primo partito il PCI che vinceva con il 72% poi negli anni, prima la Lega, poi la 5 stelle divennero il primo partito.
D'Alema, Bersani, Epifani tre segretari fecero in modo di mettere il loro segretario fuori dai giochi perché aveva vinto in 17 regioni su 20 e in 6000 comuni su 8000 senza l'aiuto dei capo ditta.
Non voglio farne un caso ma, ho dato tutti i miei dati ed anche di più perché sei un compagno e quindi ti ho dato confidenze e...se ne approfitti che ci guadagni? Son campato 77 anni senza esser redarguito da un bagnaiolo.
Poi magari senti anche qualche bagnaiolo del tipo Santoni, Panattoni, Di Maio che mi conoscono di persona ed io non sono loro: quindi se volessero essere riconoscenti del mio operato...Così come Ghimenti, Angori e tanti altri di centro, di sinistra e di destra (vedi Boggi) e le 1416 visualizzazioni che hanno avuto due candidate di centrodestra di Pontasserchio (quindi okkio a lorolì).
Vedi decine di candidati che negli anni han visto/vedono il loro "santino" pubblicato. e ringraziano la VdS per l'imparzialità.
Ma il tempo passa ed il giudizio elaborato lo darà domineddio.
Comunque fai come faresti.
Un consiglio: Fai ammodino, ti conviene per la tua onorabilità.
....dare odore di mafiosita ad un compagno non ti sembra di averla fatta fuori dal vaso?

ti mando oltre l'indirizzo anche la foto con dei raccontini istruttivi per il passatempo fruttifero sulle mie passioni oltre fare il redattore VdS dal 2007.

http://www.lavocedelserchio.it/vediarticolo.php?id=41295&page=0&t_a=abbiamo-bisogno-di-contadini-di-poeti-gente-che-sa-fare-il-pane-che-ama-gli-alberi

18/5/2024 - 19:08

AUTORE:
Bagnaiolo, attivista Pd

Fammi capire, sei te che fai un favore a chi interviene ? Non sapevo che tu fossi il padrone del blog. Per curiosità sono andato a leggere le vostre regole : voi, non te e basta, avete scritto che la battaglia si fa sulle idee e non sulle persone e che non si pubblicano offese a persone. Questo accenno alla santa manina ha un vago sentore di mafiosita'. Mi sbaglio?
Se non pubblichi non me ne frega niente, ho deciso di non intervenire più. Sono solo contento che hai lasciato il PD.
........................................

ndr: anche il generale Riccardo Maini disse che non scriveva più sulla Voce del Serchio; bada.

http://www.lavocedelserchio.it/vediarticolo.php?id=44182&page=0&t_a=vecchio-e-decrepitoriccardo-maini-sempre-residente-a-mda

18/5/2024 - 12:28

AUTORE:
Bruno della Baldinacca

Qui a Vecchiano era in uso.
Via Renzi ed io ritorno nel PD.
In due per forza maggiore non han fatto in tempo, altri due migliarinesi non sono rientrati nel PD nonostante che dopo Renzi ci siano stati: Martina, Zingaretti Letta e Leily che tutteddue l'ha votata al secondo turno delle primarie pagando 2 euro come altri passanti non iscritti.
Se credi che io Bruno Baglini smetta di fare politica o non voti alle elezioni europee perchè non mi va di votare "Leily" che mi ha dato molti motivi per sospendermi dal mio partito.
Ripeto; come potevo portare i volantini casa per casa con sopra stampato vota la capolista...che poi una volta eletta un minuto dopo si dimette?
Che poi firma il referendum di Landini per l'abolizione di una legge fatta ed approvata dai ministri PD e dalla maggioranza dei deputati (fuor che Civati e Leily che si dimisero dal PD dando vita ad un altro partito "Possiamo" la fotocopia di Podemos greco).
...riguardo all'indispensabilità tieni conto che qui ti leggi perchè una santa manina preme il tasto "invia" altrimenti ti toccherebbe intervenire nelle assemblee e dire il tuo nome; eh si, ieri sera in un pubblico dibattito il presidente dell'assemblea; il sindaco Angori; perchè avevo chiesto di parlare disse: la parola a Bruno Baglini e...dissi la mia difronte all'assemblea ed al prof. Battini che tenne una lezione magistrale su: La democrazia autoritaria e populistica ed era aperta anche ai sangiulianesi e forse eri anche te in sala Pertini ma non conosco il timbro della tua voce ed altro.
bona

18/5/2024 - 11:36

AUTORE:
Bagnaiolo, attivista Pd

A Vecchiano avete il vizio di falla lunga e di credervi più bravi. Siete come gli altri.
Ci hai lasciato, pazienza, ce ne faremo una ragione. Quello che mi fa sorridere è questa idea di " partecipazione " a tempo. Siamo tutti utili ma nessuno è indispensabile. Facciamocene una ragione. Le alternative esistono.

17/5/2024 - 14:13

AUTORE:
Bruno della Baldinacca

...non ho certo l'ardire di chiederti un confronto all'americana alle nove dopocena da Vespa Bruno come ha fatto la volpina che risiede protempore a Palazzo Chigi per...per sciagattare la PoverElly come fece il furbacchiotto Berlusconi con Occhetto andando a Mediaset nella tana del lupo e toccanne come un miccio e da li la sua "gioiosa macchina da guerra" divenne un ciottolo che persino "La Buggera" non lo avrebbe acquistato.
Non posso certo mettere in rete la mia lettera di autosospensione dal PD nazionale che ho inviato al segretario UC vecchianese Elisa Tripoli, congiuntamente al segretario della sezione migliarinese PD Alberto Panicucci e per conoscenza al Sindaco di Vecchiano capo dell'Amministrazione comunale di IPV e a maggioranza PD che grazie a tutti noi e con me Bruno Baglini, nato alla Baldinacca e residente in Via Pratavecchie al n°45 (nel caso tu volessi vedere quanto son alto, quanto peso e magari i miei esami dignostici; sono a tua "esposizione")
...dicevo; nessuno credeva che IPV (Insieme Per Vecchiano) a guida Massimiliano Angori che vinse "a buicchio" nel primo mandato (48 a 46 ) poi non stravinse come io in solitario in quella estate stavo dicendo e cioè: stavolta si vince con il 63% no! si vinse con il 65% e bada bene caro neofita della politica che gli elettori non vennero da Torre del Lago o da Albavola a votare nei seggi vecchianesi, ma i voti vennero da elettori di centrodestra che perse 1200 voti ed IPV ne ebbe in più 850 nonostante ci fossero tre liste ed "Un Cuore per Vecchiano" la terza lista, ebbe un suo rappresentante, quindi i 1200 mancanti al CD che il candidato sindaco del Centrodestra addebitava alle astensioni ed al covid19 ancora in corso.
Il suo discorso durante l'insediamento del sindaco uscente e rientrante a gonfie vele fu vano e la Nostra Gente capì da se dove era il loro bene pregevole.

nb: "Lasinistra" vince se si sposta al centro: Vedi Romano Prodi, Prodi bis e con Matteo Renzi; oltre il 41% al PD, 17 regioni su 20 e 6mila comuni su 8mila al Centrosinistra "fatti non pugnette".
Con il ripescato antirenziano Letta ha perso.
...e con la ripescata antireziana Elly?
Vederemo disse Giannino del Ciati.

ps: mentre ho ricevuto parole di conforto e comprensione (dai miei superiori in linea gerarchica) per il mio sacrificio che spero temporaneo al che il PD che non era più il mio PD nato al Lingotto in senso maggioritario e di aspirazione governativa "guarisca" dalla sottomissione bettiniana nei confronti di Giuseppi Conte e che le malelingue della Valdiserchio (poche) ma che mi hanno sbertucciato ed offeso anche su questo giornale credendo che io mettessi il tutto in mostra ai lettori VdS la loro cacca treppiata con gli stivali con i tacchetti.
...una voltina passi, due voltine pure ma alla terza sarà difficilerrimo percularmi: "gredigi" per primo🤠

bona 🙋‍♂️

17/5/2024 - 13:07

AUTORE:
bagnaiolo, attivista PD

La tua autosospensione dal partito è verbale o messa per iscritto. Lo dico perchè da noi si fa mettendo nero su bianco. Qualcosa mi dice che Elisa Tripoli non sia informata. Comunque affari tuoi. Personalmente ritengo che Elly Schlein abbia sbagliato a candidarsi, doveva lasciare questo malcostume agli altri segretari che lo hanno fatto, doveva distinguersi in tutto e per tutto. Pazienza, vedremo come andrà.
Com'è quel detto " dagli amici mi guardi Iddio che dai nemici..." pensaci quando leggi il tuo " amico " Lavìa.
P.S. Ti serve un ripassino sulla storia del Pds e dei Ds, dai retta.

17/5/2024 - 8:12

AUTORE:
Bruno della Baldinacca-elettore

Tu dici certa stampa che non viene letta da nessuno?
Ed io ricordo gli anni /74-75 del secolo scorso quando lavoravo alla stazione FS di Migliarino.
La domenica scaricavo sul carretto 960 copie dell'Unità e fra settimana n•3 copie delle quali 2 in abbonamento ed i "liberi lettori del giornale della verità" da 960 festivi si riduceva ad 1 lavorativi e quindi si leggeva per forza alla Casa del Popolo...dove dopo parecchi anni ho ritrovato alla Casa del Popolo di Nodica per pochi giorni la "famosa testata" a firma Sansonetti che ora non vedo più neppure in edicola come del resto altri giornali di piccola taglia che preferiscono la lettura online meno costosa per chi la edita e chi la legge.

Ai miei tempi nel partito comunista italiano esistevano le correnti di pensiero tollerate e ritenute "una ricchezza" Pietro Ingrao sulla sinistra e sulla destra Giorgio Napolitano, Giorgio Amendola e tanti altri.
Rossana Rossanda e Lucio Magri invece furono buttati fuori dal partito con l'appoggio di Giorgio Napolitano; che poi se ne pentì come si pentì dell'appoggio alla Russia Sovietica per l'invasione dell'Ungheria di Imre Naghy che poi fu impiccato.

Le correnti "organiche" ammissibili di quei tempi furono considerate una ricchezza perché a capo del partito comunista italiano c'era un capo riconosciuto da tutti e si chiamava Enrico Berlinguer.

Più tardi, Nicola Zingaretti si dimise dicendo: il partito diviso in correnti cristallizzate, non è più il mio partito e mi fa schifo!

La capa PD di oggi, Elena detta Elly Schlein, dal primo di questo mese per autosospensione non è più la mia capa.
Già era stata eletta da appartenenti ai 5☆ per loro ammissione e da ex PD, quali Art1-LeU per così rientrare nel PD che...con Bonaccini, eletto al primo turno dagli iscritti paventavano un ritorno di IV nel PD.
Già non vedevo di buon occhio l'apparentamento ed il rimorchio grillino del PD come è successo in Sardegna dove; causa "anche" la nullità proposta dal centro destra, la Todde ha vinto perché i suoi si son recati in massa alle urne invece altrove se non c'era una/uno dei suoi si recavano in massa sulle spiagge-monti e campagne varie: fuori che ai seggi elettorali.

In conclusione (la mia) come potevo fare campagna elettorale per "Leily" eletta da altri, ripescata dalla "ditta" e fuori dal partito (come Letta) perché di sicuro antirenziani/a che poi sempre Leily firmi il referendum proposto da Landini contro la legge sul lavoro approvata dai ministri e governo a guida PD con la maggioranza assoluta dei senatori e deputati PD e con Civati+Elly che se ne vanno dal PD causa approvazione di una legge che ha dato e da buoni risultati con in più due milioni di lavoratori in Italia e più diritti per i lavoratori.
Poi presentarsi capolista (da giovane donna) come le cinque capoliste messe dal segretario PD Matteo Renzi per dare al PD una maggioranza relativa del 40,8% alle passate elezioni europee ed ora Lei si espone in prima persona per raggiungere almeno la metà esatta del risultato di Matteo Renzi altrimenti sotto il 20 farebbe la fine di D'Alema con il 16 e si dimise cosi come Letta e per giunta se rimanevo attivo nel PD "avrei dovuto" portare casa per casa come ho fatto per 55 anni i facsimili elettorali che dicevano: vota la capolista... che poi un minuto dopo si dimetterà da deputata europea come se l'Europa ora avesse bisogno di terze file, di indipendenti come Cecilia e Marco che poi voteranno in dissenso alle direttive del partito che li ha candidati; come è successo con Mimmo Lucano- che ora si ripresenta candidato con altra lista.

nb: ha ragione il mio amico Lavia Mario: questo è un congresso PD non un elezione per mandare i nostri migliori esponenti politici al Parlamento Europeo.
Se andranno i migliori politici la Nostra Italia conterà il giusto ed il peggio lo abbiamo/lo ha già dato il PDS candidando gli influencer Lilly Gruber, dimessasi prima del tempo e San-Toro che quest'ultimo si dimise da parlamentare europeo per partecipare in RAI ad una trasmissione molto in voga di Adriano Celentano.

16/5/2024 - 23:46

AUTORE:
Bagnaiolo, attivista Pd

Aspettavamo uno qualunque che c'è lo dicesse. È più certa stampa così, che poi stampa, nessuno vi legge, che alimenta dubbi. Se Tarquinio o Cecilia Strada prenderanno molte preferenze, come mi auguro, sarà un segnale importante. Per il PD come per l'Italia. Certo, poi ci sono le famose liste di scopo, utili ai meno.