none_o


In questo nuovo articolo di Franco Gabbani viene trattato un argomento basilare per la società dell'epoca, la crescita culturale della popolazione e dei lavoratori, destinati nella stragrande maggioranza ad un completo analfabetismo, e, anzi, il progresso culturale, peraltro ancora a livelli infinitesimali, era totalmente avversato dalle classi governanti e abbienti, per le quali la popolazione delle campagne era destinata esclusivamente ai lavori agricoli, ed inoltre la cultura era vista come strumento rivoluzionario. 

. . . mia nonna aveva le ruote era un carretto. La .....
. . . la merda dello stallatico più la giri più puzza. .....
. . . ci siamo eruditi, siamo passati da Rametti a .....
Ripetere 1000 volte la verità assoluta dei fatti con .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per scrivere alla rubrica: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Tirrenia, 17 giugno
none_a
di Alessio Niccolai con Alma Pisarum APS
none_a
Villa di Corliano, 27 giugno
none_a
Pugnano, 22 giugno
none_a
Tirrenia, 15 giugno
none_a
Le cose andrebbero meglio
se non bene
se si procedesse
tutti quanti insieme. . .
rispettando modi, tempi, capacità
valorizzando le competenze .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
Pensiero Prismatico
Le colpe

18/5/2024 - 22:45

Quindi, ricapitolando, le colpe della situazione attuale in Ucraina sono:della CIA perché ha creato a tavolino le proteste Maidan; della Nuland perché durante quelle proteste distribuiva panini e biscotti; dei naziucraini per i bombardamenti nel Donbass; di Macron e Scholz perché non sono riusciti a convincere Zelensky a dichiararsi neutrale, prima dell’invasione; di Boris Johnson perché avrebbe convinto Zelensky a non fare accordi dopo l’invasione; degli USA perché hanno costruito e finanziato biolabs; dell’Europa perché ha imposto sanzioni e non ha saputo prevenire il conflitto;della NATO che abbaiava; di Zelensky che non se ne è andato subito dopo l’invasione (probabilmente perché aveva pippato qualche droga delle sue).

E il bello è che quelli che cercano di rifilarci tutte le leggende alle quali ormai non credono più nemmeno in Russia si credono anche giornalisti. Ma siccome la speranza è l’ultima a morire, attendo il giorno in cui @lucatelese, @marcotravaglio e compagnia cantante riusciranno a scrivere quello che è ovvio anche per un bimbo dell’asilo. Cioè che la colpa di un’invasione è di chi invade.

 

Fonte: Marco Setaccioli
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

19/5/2024 - 21:37

AUTORE:
Dispetto

...il sig. Setaccioli, autore del " best seller " ( sic) Scemi di pace, dire, spiegare o indicare dove, come e quando le persone sopra indicate hanno detto, scritto o anche solo accennato che Putin non è l'invasore criminale dell'Ukraina ? Allora potrebbe anche aver ragione. Basta il non confondere le argomentazioni e i pareri diversi con il pensare che siccome uno non è daccordo con le mie tesi, difatto è daccordo con Putin.
Sempre seguendo la sua tesi, anche gli Usa, e company, sono colpevoli di invasione anche se davano le colpe ai vari paesi invasi : Afghanistan e Iraq su tutti.
Sa, ai tempi del Vietnam lo capivano anche i miei figli che andavano all'asilo...