none_o


In questo nuovo articolo di Franco Gabbani viene trattato un argomento basilare per la società dell'epoca, la crescita culturale della popolazione e dei lavoratori, destinati nella stragrande maggioranza ad un completo analfabetismo, e, anzi, il progresso culturale, peraltro ancora a livelli infinitesimali, era totalmente avversato dalle classi governanti e abbienti, per le quali la popolazione delle campagne era destinata esclusivamente ai lavori agricoli, ed inoltre la cultura era vista come strumento rivoluzionario. 

. . . mia nonna aveva le ruote era un carretto. La .....
. . . la merda dello stallatico più la giri più puzza. .....
. . . ci siamo eruditi, siamo passati da Rametti a .....
Ripetere 1000 volte la verità assoluta dei fatti con .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per scrivere alla rubrica: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Tirrenia, 17 giugno
none_a
di Alessio Niccolai con Alma Pisarum APS
none_a
Villa di Corliano, 27 giugno
none_a
Pugnano, 22 giugno
none_a
Tirrenia, 15 giugno
none_a
Le cose andrebbero meglio
se non bene
se si procedesse
tutti quanti insieme. . .
rispettando modi, tempi, capacità
valorizzando le competenze .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
di Umberto Mosso
Destra e sinistra a carte truccate

21/5/2024 - 16:57

Va avanti così da settimane e non può essere per caso che nei TG, in particolare quelli RAI, la lista Stati Uniti d’Europa non viene mai citata e i suoi candidati di rilievo nazionale, come Renzi e Bonino, nel pastone dedicato alla campagna elettorale non sono quasi mai in voce, quando lo sono gli vengono estrapolate tre secondi di frasi generiche e spesso la lista SUE e i suoi candidati non esistono proprio.

In alcuni casi vengono citati i partiti di provenienza, Italia Viva, + Europa, i Radicali italiani, il Psi, i Libdem, che gli elettori non troveranno sulla scheda se non gli si fa conoscere l’esistenza della Lista che li vede uniti. Un trucco.

Siamo abituati all’ostracismo mediatico, che si interrompeva solo per fare gran clamore sulle inchieste giudiziarie farlocche, ma in campagna elettorale impedire agli elettori di conoscere un’offerta politica è un atto di autoritarismo burocratico contrario ai principi generali della democrazia.

Danno a ciascuno secondo il “peso” degli attuali sondaggi? Sbagliato! Sia perché i sondaggi non certificano alcuno stato di fatto reale e spesso sono ad uso e consumo del committente che investe in questa forma di comunicazione subdola, sia perché un risultato elettorale è tutto da conquistare per tutti e la corsa dovrebbe far partire tutti alla pari. Che ne sappiamo, oggi, sul risultato che si avrebbe, domani, se gli elettori avessero davvero la possibilità di conoscere tutte le proposte in campo?Così si incoraggiano la disaffezione e la pigrizia mentale, scompaiono le scelte europee sulle quali votare e restano i feticci dei cognomi dei leader che trasformano tutto in un sondaggio d’opinione a beneficio del loro narcisismo politico.

Poi si rammaricheranno dell’astensionismo, fregandosi le mani in privato perché chi si astiene gli avrà salvato le terga.Il mondo mediatico, per motivi opposti, ha deciso di trasformare le elezioni europee in un derby tra Meloni e Schlein, con una spolverata di Conte, che fa da spalla a Meloni facendo concorrenza alla segretaria PD. Lega e FI curano le loro nicchie, con licenza di Meloni a Salvini di coprire l’area antieuropeista e a Tajani quella liberale svaporata, incolore e insapore.

Una strategia mediatica tutta a favore della destra, compresa quella di chi è stato scelto da Meloni, tra gli oppositori inutili, come sparring partner più comodo. Dunque, hanno deciso, è meglio nascondere il voto alternativo. Ma che bella coalizione di imbroglioni! 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

21/5/2024 - 17:26

AUTORE:
Elettore non nuovo

Berlusconi pretese il diritto di tribuna paritario perchè prima FI non esisteva.
Grillo disse: sentirete il botto e...Napolitano lo sentì a scoppio ritardato.
Fassino disse alla consigliera Appendino: candidati e poi si vedrà quanti voti pigli😂🙋‍♂️Ciao-ciao Fassino.
Bersani si fidava di Piepoli& che lo davano 10 punti superiore a Berlusconi e lui passava il tempo pre elettorale a pettinar le bambole, chiappare i passerotti in casa, lasciare i tacchini sul tetto e rimase smacchiato dal giaguaro.
Grillo disse: se perdo da Renzi che mi danno al 40% e lui al 25% mi dimetto dalla politica.
Finì all'inverso dei sondaggi; lui al 25% e Renzi al 41%.

Partita finisce quando arbitro fischia tre volte.
Rigore è quando arbitro fischia.
Io penso che per segnare bisogna tirare in porta (Boscov).
...e vederemo diceva Giannino del Ciati