none_o


In questo nuovo articolo di Franco Gabbani viene trattato un argomento basilare per la società dell'epoca, la crescita culturale della popolazione e dei lavoratori, destinati nella stragrande maggioranza ad un completo analfabetismo, e, anzi, il progresso culturale, peraltro ancora a livelli infinitesimali, era totalmente avversato dalle classi governanti e abbienti, per le quali la popolazione delle campagne era destinata esclusivamente ai lavori agricoli, ed inoltre la cultura era vista come strumento rivoluzionario. 

. . . mia nonna aveva le ruote era un carretto. La .....
. . . la merda dello stallatico più la giri più puzza. .....
. . . ci siamo eruditi, siamo passati da Rametti a .....
Ripetere 1000 volte la verità assoluta dei fatti con .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per scrivere alla rubrica: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Tirrenia, 17 giugno
none_a
di Alessio Niccolai con Alma Pisarum APS
none_a
Villa di Corliano, 27 giugno
none_a
Pugnano, 22 giugno
none_a
Tirrenia, 15 giugno
none_a
Le cose andrebbero meglio
se non bene
se si procedesse
tutti quanti insieme. . .
rispettando modi, tempi, capacità
valorizzando le competenze .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
Roberto Sbragia – Consigliere provinciale Forza Italia
Pisa e le scelte strategiche politiche del passato

24/5/2024 - 12:30

Pisa e le scelte strategiche politiche del passato
“il Galilei, l'aeroporto degno di dispiegare le ali di una intera regione”
 
            Sono in corso grandi dibattiti sul futuro infrastrutturale e strategico della Toscana, sulla trasportistica stradale e ferroviaria e sull'insieme delle sue principali risorse economiche, lavorative e turistiche. In tale ottica l’aeroporto Galileo Galilei di Pisa gioca a livello regionale e nazionale un ruolo strategico importantissimo con le grandi potenzialità di sviluppo che può offrire non solo alla Regione Toscana intera, ma all’intero centro Italia. Piste di grandi dimensioni consentirebbero un maggiore traffico aereo ed anche il Piano di sviluppo Aeroportuale progettato da Enac - Ente Nazionale Aviazione Civile - prevede grandi interventi nei prossimi anni, in modo da consentire un aumento dei trasporti di persone e merci. Eppure in tale ottica di sviluppo e di alte potenzialità troviamo un collo di bottiglia che deriva da scelte – e mancate scelte – politiche pregresse che vengono da lontano. Un aeroporto non può veramente svilupparsi se non incontra un sistema di collegamento adeguato, soprattutto ferroviario regionale che elimini il collo di bottiglia dei tempi dei collegamenti e permetta a tutto il sistema trasportistico integrato di lavorare al meglio delle proprie possibilità e potenzialità.

Negli anni, a nostro avviso, una classe politica disattenta ha mancato di incentivare adeguati investimenti sulla costa e sull’ammodernamento infrastrutturale ferroviario che ormai è divenuto l’anello debole di ogni tipo di sviluppo. Le grandi capitali europee, senza andare troppo lontano, sono congiunte ai loro aeroporti posti a centinaia di chilometri di distanza con mezzi di collegamento veloci, con ferrovie efficienti, eppure Pisa risente di mancati sviluppi ferroviari ed ha goduto solo della contestabile scelta di un Pisamoover dalle piccolissime ricadute sulla città e dai costi spropositati e quasi insostenibili.

Ricordiamo in questa sede che era già esistente la tratta ferroviaria Pisa Centrale-Pisa Aeroporto, che è stata eliminata per poi essere ricreata con il Pisamoover: le scelte strategiche e politiche da compiersi per noi, sono altre. I tempi di percorrenza ferroviari devono essere adeguati, accorciati e aggiornati a tempi moderni con uno sviluppo ferroviario che avvicini finalmente Pisa e Firenze, la costa all’interno. Per noi di Forza Italia questo è il momento di fare una riflessione politica di livello regionale e di dire basta a scelte che noi riteniamo politicamente deboli nel breve, medio e lungo periodo e che non tengono in considerazione della valenza regionale e internazionale della città di Pisa e del suo Aeroporto. Solo fornendo reale e concreto supporto anche politico al potenziamento di sistemi di collegamento interconnessi, viari e ferroviari in un sistema integrato di spessore, l’anello più debole di ogni sviluppo potrà essere rimosso e riteniamo che sotto questo aspetto, chiunque possa essere il prossimo Presidente della Regione Toscana, si esprima in merito prima del voto del prossimo anno.
 
 
Roberto Sbragia – Consigliere provinciale Forza Italia
 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri