none_o


In questo nuovo articolo di Franco Gabbani viene trattato un argomento basilare per la società dell'epoca, la crescita culturale della popolazione e dei lavoratori, destinati nella stragrande maggioranza ad un completo analfabetismo, e, anzi, il progresso culturale, peraltro ancora a livelli infinitesimali, era totalmente avversato dalle classi governanti e abbienti, per le quali la popolazione delle campagne era destinata esclusivamente ai lavori agricoli, ed inoltre la cultura era vista come strumento rivoluzionario. 

. . . mia nonna aveva le ruote era un carretto. La .....
. . . la merda dello stallatico più la giri più puzza. .....
. . . ci siamo eruditi, siamo passati da Rametti a .....
Ripetere 1000 volte la verità assoluta dei fatti con .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per scrivere alla rubrica: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Tirrenia, 17 giugno
none_a
di Alessio Niccolai con Alma Pisarum APS
none_a
Villa di Corliano, 27 giugno
none_a
Pugnano, 22 giugno
none_a
Tirrenia, 15 giugno
none_a
Le cose andrebbero meglio
se non bene
se si procedesse
tutti quanti insieme. . .
rispettando modi, tempi, capacità
valorizzando le competenze .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
di Stefano Ceccanti, costituizionalista (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
Ceccanti: "Il codice Antimafia non può essere utilizzato per fornire liste di proscrizione"

29/5/2024 - 13:24


Ceccanti: "Il codice Antimafia non può essere utilizzato per fornire liste di proscrizione"
 
REDAZIONE  28 MAG 2024

Il professore di diritto comparato ed ex deputato per il Pd interviene sul codice di autoregolamentazione antimafia, che stila la lista degli impresentabili alle elezioni: "Per come viene presentato nei suoi risultati, appare incompatibile col rispetto del diritto di elettorato attivo e passivo, diritto politico fondamentale garantito dalla nostra Costituzione"

"Come mi permetto di sottolineare dal 2015 a ogni elezione si ripropone il problema dell’uso del cosiddetto codice di autoregolamentazione antimafia, che, per come viene presentato nei suoi risultati, appare incompatibile col rispetto del diritto di elettorato attivo e passivo, diritto politico fondamentale garantito dalla nostra Costituzione". Lo dice Stefano Ceccanti, professore ordinario di Diritto Pubblico Comparato all'Università la Sapienza di Roma ed ex deputato per il Partito democratico.

"È solo la legge", aggiune il giurista, che spiega: "Non questo o quel codice, che secondo l’articolo 51 della Costituzione consente alcune ragionevoli limitazioni dello stesso. I limiti ai diritti fondamentali sono di stretta interpretazione e rimessi alla legge, non tollerano svuotamenti con strumenti diversi. I candidati definibili come impresentabili sono solo quelli per i quali l’incandidabilità è imposta dalla legge, in ultimo il decreto Severino del 2012, per condanne passate in giudicato". 
"Non si può in alcun modo utilizzare tale aggettivo per candidati che abbiano avuto solo un rinvio a giudizio, a pena di violazione della presunzione di non colpevolezza e, quindi, del diritto di elettorato passivo", continua Ceccanti. "Infatti – precisa – il vigente articolo 3 del Codice di autoregolamentazione prevede che le forze politiche che aderiscono al Codice possano in modo motivato candidare anche persone che ricadano in tali tipologie, assumendosene la responsabilità, riconoscendone tutta la relatività". Per questo motivo, quindi: "L’attività di monitoraggio che la Commissione Antimafia è tenuta a svolgere ai sensi del successivo articolo 4 e dell’articolo 1 della legge istitutiva della Commissione (legge 2 marzo 2023, n. 22) non può quindi essere né presentata né interpretata in alcun modo nel senso di fornire liste di proscrizione". 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri