none_o


Una vicenda tutta personale viene descritta in questo nuovo articolo di Franco Gabbani, una storia che ci offre un preciso quadro sulla leva per l'esercito di Napoleone, in grado di "vincere al solo apparire", ma che descrive anche le situazioni sociali del tempo e le scorciatoie per evitare ai rampolli di famiglie facoltose il grandissimo rischio di partire per la guerra, una delle tante. 

La carriera politica personale dell’Onorevole Mazzeo .....
Bonaccini ha dato le dimissioni da presidente della .....
. . . c'è più religione ( si esce un'ora prima). .....
. . . uno sul web, ora, che vaneggia che la sua .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Mauro Pallini-Scuola Etica Leonardo: la cultura della sostenibilità
none_a
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
APOCALISSE NOKIA di Antonio Campo
none_a
Pisa, 11 luglio
none_a
Tirrenia
none_a
12 13 14 LUGLIO E ANCORA 19,20,21 MUSICA DAL VIVO
none_a
Domenica 7 Luglio mercatino di Antiqua a San Giuliano T
none_a
Ripafratta, 12 luglio
none_a
Il mare
con le sue fluttuazioni e il suo andirivieni
è una parvenza della vita
Un'arte fatta di arrivi di partenze
di ritorni di assenze
di presenze
Uno .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Rughe e cicatrici

20/6/2024 - 9:28


Le rughe e le cicatrici del nostro corpo sono trame di un'esistenza intensa, segni visibili delle nostre emozioni. Ogni cicatrice narra un passato, una trasformazione del pensiero e del corpo.

Accogliendo questi tratti sulla pelle, onoriamo e ringraziamo per le lezioni che ci hanno donato. Vedere oggi una ruga o una cicatrice in più aggiunge un frammento di memoria, un ricordo ormai trascorso.

In questo ritrovo una saggezza misteriosa che mi sussurra storie di ferite e sofferenze, di guarigioni e rinascite, raccontandomi dove sono stata e quanto ho vissuto.
 
Fabiana



+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

25/6/2024 - 15:38

AUTORE:
AUTRICE Simonetta

Sono nata con una grave scoliosi, e fin da bambina sono stata derisa per questo mio difetto fisico. Ho sofferto immensamente, perché i bambini possono essere crudeli, ma è stata l'adolescenza a spezzarmi il cuore. Ero sempre emarginata dai coetanei maschi, non ero bella né particolarmente intelligente, ero solo una ragazza gobba. Oggi, oltre a questo problema fisico, ne ho accumulati molti altri. Anche se non sono più permalosa, la tristezza e la malinconia sono diventate parte integrante del mio carattere. Non mi sono mai sposata, non ho avuto figli, ma almeno ho viaggiato per il mondo grazie a un lavoro ben remunerato che ho trovato dopo grandi sforzi.

Ma sono davvero contenta della mia vita? Non del tutto. Anche se ho tanti amici, la loro compagnia riesce solo a placare temporaneamente il vuoto che sento dentro. Ho un buon lavoro che mi permette di fare ciò che mi piace, ma non è abbastanza per riempire la solitudine che mi accompagna. Alla fine, mi consolo solo pensando che ci sono persone che stanno peggio di me, ma questa è una magra consolazione. Simonetta

22/6/2024 - 17:05

AUTORE:
AUTRICE Clara

Grazie Fabiana per aver con delicatezza posto il tema del come stare in amicizia con le nostre imperfezioni. Essere perfette spinte dalla martellante propaganda dei prodotti e trattamenti "Di Bellezza" generalmente costosissimi da comprare, dall'essere brave bambine/ragazze/donne, da non invecchiare e a nascondere i segni dei traumi del corpo, della mente e dell'anima: traumi piccoli e traumi grandi. Addirittura gruppi di pensiero e religiosi veicolano da sempre, e ora imperversano sui social, l'idea che se ci ammaliamo è nostra la responsabilità; forse la colpa. E così noi cerchiamo di nascondere, di non far vedere i segni di quelle nostre disarmonie per non essere giudicate e forse un po' rimproverate. Ma per mia esperienza credo che si possa, tra donne, trasformare la vergogna che tanto ci fa soffrire nel tentativo di coprire e certe volte camuffare i segni, trasformarla in pudore e di desiderare di condividere le nostre intimità e fragilità fisiche e mentali solo con chi scegliamo in fiducia e in amicizia. La cicatrice come segno di qualcosa che non è andato bene di cui vergognarsi; è terribile. Come organizzarci? Lo scrivere, il raccontare (che non è lamentela ma testimonianza), il capire come altre sono riuscite a trasformare la vergogna in pudore; magari scambiarci libri dove questa metamorfosi mai enfatizzata, sempre molto conquistata passo passo è stata compiuta e descritta.
Vergogna, non ti vogliamo più con noi perché ci fai male e non ci servi a nulla..