none_o


In questo nuovo articolo di Franco Gabbani viene trattato un argomento basilare per la società dell'epoca, la crescita culturale della popolazione e dei lavoratori, destinati nella stragrande maggioranza ad un completo analfabetismo, e, anzi, il progresso culturale, peraltro ancora a livelli infinitesimali, era totalmente avversato dalle classi governanti e abbienti, per le quali la popolazione delle campagne era destinata esclusivamente ai lavori agricoli, ed inoltre la cultura era vista come strumento rivoluzionario. 

Sei fuori tema. Ma sappiamo per chi parli. . .
. . . non so se sono in tema; ma però partito vuol .....
Quelle sono opinioni contrastanti, il sale della democrazia, .....
. . . non siamo sui canali Mediaset del dopodesinare .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Nei tuoi occhi languidi
profondi, lucenti
piccolo mio
inestimabile tesoro
vedo il futuro
il tuo
il presente
quello del tuo babbo
il passato
quello .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
SAN GIULIANO
Lega Nord: bagarre in commissione bilancio durante la votazione del vice presidente

17/10/2010 - 7:51

INTERVENTO

 

A SAN GIULIANO TERME,

 

BAGARRE IN COMMISSIONE BILANCIO DURANTE LA VOTAZIONE A VICE-PRESIDENTE DEL COMMISSARIO MARCO GIARDINA DEL GRUPPO LEGA NORD-TOSCANA DISCUSSIONE ANIMATA E PROTESTE DAI BANCHI DELLA LEGA NORD-TOSCANA

 

 Sabato mattina 16-10-2010, durante la prima commissione quella del bilancio,si è consumato il disprezzo della democrazia,lo spergiuro dell'accordo fra galantuomini e la negazione della tacita prassi istituzionale che vede garantita una vice-presidenza ad ogni gruppo di minoranza. Dopo che la Lega Nord-Toscana ,in relazione alle cariche delle commissioni, ha votato tutti i presidenti proposti dalla maggioranza e tutti i vice-presidenti indicati, meccanismo proceduto senza intoppi fino all'ultima commissione quella appunto di sabato mattina,il candidato vice-presidente della prima commissione indicato dalla Lega Nord-toscana nel commissario Marco Giardina non è stato votato ed argomento chiuso e rimandato alla successiva riunione di quella commissione.

 E' accaduto l'inverosimile,il commissario comunista Carioni,ha dichiarato di non poter votare il candidato indicato per ragioni ideologiche,fin qui niente di strano, anzi abbastanza prevedibile il mancato rispetto dell'accordo,l a farsa si è consumata successivamente, quando i componenti della maggioranza di quella commissione, la più ideologicamente schierata ad estrema sinistra, dimostrando ancora una volta se ce ne fosse bisogno di quanto il PD è una accozzaglia mal riuscita,(citando una celebre frase del compagno Massimo D'Alema), non hanno avuto il pudore politico di dissociarsi dal commissario Carioni, ancora loro troppo compagno comunista, nonostante il suo collocamento all'opposizione e si sono schierati annunciando un patetico voto di astensione, in attesa di un accordo fra le minoranze consapevoli, che non ci potrà mai essere e quindi successivamente accettando la proposta del commissario Tizzanini del gruppo misto,di rimandare l'argomento ad una successiva riunione di quella commissione.

 Come ripetiamo, noi della Lega Nord-Toscana abbiamo rispettato da uomini d'onore tuti gli accordi,mentre la maggioranza tutta compresa,non ha votato il candidato Marco Giardina che poteva essere tranquillamente eletto in prima istanza,anche se con un voto contrario del comunista Carioni. Questa che si è consumata non è altro che la rappresentazione del concetto di democrazia e del rispetto delle istituzioni tanto sbandierati,a cui si ispirano i compagni del centro sinistra.

 

gruppo lega nord-toscana

valerio ciacchini,  marco giardina

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

17/10/2010 - 9:40

AUTORE:
Giacomo Mannocci, capogruppo del PDL

Al di là dei toni esagerati e da bagarre, veniamo alla sostanza.
è grave che non sia stato eletto il collega Giardina a Vicepresidente della Commissione Bilancio dopo che tutte le forze politiche hanno ottenuto incarichi istituzionali sulla base di accordi precisi assunti in Conferenza dei Capigruppo alla presenza del Presidente del Consiglio Comunale Di Maio. SE qualcuno avesse avuto delle obiezioni da fare, avrebbe dovuto farle in quella sede o - comunque - in occasione dell'elezione degli altri presidenti o vicepresidenti. Non è certo da galantuomini l'atteggiamento che ieri è stato assunto. Perchè non è stato detto nulla da parte di Rifondazione quando si è trattato di eleggere Bolelli a Vicepresidente della Commissione Urbanistica. Allora non rifiutò il voto della Lega. Che coerenza.
Tipicamente democristiana è stata la posizione del Gruppo Misto che ha chiesto il rinvio della discussione. In questo modo la maggioranza si è sottratta alle sue responsabilità politiche e ha potuto nascondersi dietro la proposta dell'opposizione di comodo. Molto meglio sarebbe stato votare subito e vedere cosa sarebbe successo. Comunque vedremo se alla prossima seduta, che avverrà entro pochi giorni, la maggioranza e l'opposizione saranno di parola oppure solo dei quaquaraquà. Noi del PDL manterremo fede alla parola data.