none_o


Reparto di Oncologia dell’ospedale di Pisa. Davanti all’edificio molti persone in attesa perché l’ingresso è riservato ai soli pazienti oncologici. Ero fortunatamente un accompagnatore e sono rimasto educatamente fuori come tutti gli altri. Devo dire che eravamo tutti con la mascherina, non so se per paura del contagio o per rispetto degli altri ma la situazione era appagante, come quando si vede il rispetto delle regole da parte di tutti i cittadini.

. . . giorni sta prendendo dei punti la Raggi. . . .....
. . . . . . . . . . . . . . . . l'ha capito? La DaD .....
. . . . . . . . . . . . è iniziata i primi giorni .....
. . . la ragione non sta mai da una sola parte ed aggiungo .....
di Bruno Pollacci
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
San Giuliano Terme, 23 ottobre
none_a
Marina di Pisa, 24 ottobre
none_a
Molina di Quosa, 25 ottobre
none_a
Teatro Nuovo Pisa
none_a
San Giuliano Terme, 25 ottobre
none_a
Marina di Pisa, 17 ottobre
none_a
Sabato 17 ottobre al Grand Hotel Duomo
none_a
SAn Giuliano Terme, 18 ottobre
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      BURRACO!

    Proseguono le attività del Circolo cercando di rispettare tutte le misure anti-Covid. Da venerdi 21 riprendono i tornei di Burraco con una serie di importanti misure di sicurezza tra cui la prenotazione obbligatoria per l'assegnazione del tavolo, norme severe per divertirsi in sicurezza.

    Tutte le notizie sulle attività sul sito FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


di Marlo Puccetti
none_a
la ZONE di Pisa
none_a
CSI – Centro Sportivo Italiano-
none_a
Coppa Toscana Juniores sotto la Torre
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Se non si capiva niente prima, come pretendere che si capisca qualcosa oggi?

Qualcuno dice che non intende usare i 40 miliardi del MES, perché in .....
FINALMENTE DOMENICA!
di Ovidio Della Croce
Finalmente domenica ognuno può dormir tranquillamente

24/10/2010 - 7:14

Finalmente domenica ognuno può dormir tranquillamente

 

Finalmente domenica ognuno può dormir tranquillamente. Ma a una certa ora però bisogna abbandonare il letto e affacciarsi alla finestra a vedere i colori sgargianti dell’autunno. Per fortuna non siamo a Terzigno, dove cittadini e comuni si sentono traditi e hanno ammainato la bandiera nazionale. Dimenticare, per un momento, la crisi che uccide il lavoro, produce sofferenza e piega l’Italia, ma forse non la speranza. Merito della meravigliosa manifestazione della Fiom? Potenza della natura sulla mente umana? Un’amica dottoressa gentilmente mi segnala le conferenze divulgative all’auditorium del CNR, ogni mercoledì fino al 1 dicembre, titolo: "La mente e l'uomo: grammatica dell'arte visiva". Per chi è interessato, prossimo mercoledì "cervello e ambiente".

 

Nel frattempo, a mezzo tiro di schioppo da noi è arrivato un bastimento carico di libri e di editori indipendenti. Sabato mia figlia, con la 5 E del Liceo "Buonarroti", accompagnata dal prof. Bruno di storia e filosofia, è andata al "Pisa book festival" per l’incontro sui "Briganti d’Italia". Personalmente non sono un grande estimatore dell’inno di Mameli, ma credo sia interessante proseguire questa domenica pomeriggio il percorso sul risorgimento con il quasi spettacolo "La canzone patriottica" di Vincenzo Cerami. Nel centocinquantesimo dell’unità d’Italia sarebbe anche utile riflettere "sulle vie che la storia avrebbe potuto prendere (senza poi farlo)", come suggerisce sul "manifesto" lo storico Paul Ginsburg pensando a due temi sconfitti nella storia italiana: l’autogoverno e l’uguaglianza.

 

A un tiro di schioppo da noi: Lucca, Teatro del Giglio, domenica 24 ottobre ore 16, Don Giovanni di Mozart, dramma giocoso del 1787, due anni prima della rivoluzione francese. Ho assistito all’anteprima per le scuole, certo non siamo alla Scala e Karaiajan non c’è più, ma un Don Giovanni con l’Orchestra della Toscana è da non perdere. Gli studenti si sono appassionati al mito quando Leporello, servitore di Don Giovanni, elenca le conquiste del suo signore: "In Italia seicento e quaranta; in Alemagna duecento e trentuna; cento in Francia, in Turchia novantuna; ma in Ispagna son già mille e tre". A conti fatti sono 2065.

 

Dunque, briganti a Pisa e libertini a Lucca? Ma no, tutto il mondo è paese! Si narra e si racconta che un signore benestante lucchese ultrasettantenne era solito imbottirsi di viagra e svignarsela tutte le sere a Viareggio! Ma "Ir Gallaccio di Riglione", cantato dai Gatti Mezzi nell’album jazz "Amori e fortori è stato il Principe della Versilia, "che omo, ragazzi, ce lo ‘invidiano in tutto ‘r mondo!".

 

Ovidio Della Croce

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




30/10/2010 - 16:53

AUTORE:
ovidio

Leporello canta piaceri e passioni del padrone

"Delle vecchie fa conquista
pel piacer di porle in lista:
ma passion predominante
è la giovin principiante".

(Da Ponte-Mozart, Don Giovanni)

***

A conclusione dell'ultima giornata dell'E.S.P.A.C.E., domenica i "Gatti Mezzi" si esibiranno in concerto presso il Progetto Rebeldia eseguendo alcuni tra i loro brani più noti.

26/10/2010 - 9:43

AUTORE:
valeria

Complimenti ancora per la tua rubrica! E poi stavolta ciò che hai scritto mi tocca sul vivo...essendo contesa tra un babbo pisano e una mamma lucchese.
Devo però ammettere che la mia nascita in lucchesia mi inorgoglisce non poco...visto che il passato storico è più dalla nostra.
Ma che dire? Con i tempi che corrono mi sa che pisani e lucchesi hanno poco da rivendicare gli uni nei confronti degli altri...siamo tutti nella stessa miserabile barca. Io, però, confido nel nostro capitano Ovidio che con le sue parole lascia sempre uno spiraglio alla speranza.

25/10/2010 - 10:32

AUTORE:
Ilaria Ferrara

Brava la Voce del Serchio a fare sentire la voce brava di Ovidio della Croce!

25/10/2010 - 6:44

AUTORE:
laura

la domenica, è vero, c'è chi dorme tranquillamente e chi, come me, è già in giro alle 5.30 del mattino con il suo cane vecchio e di prostata debole... però tanto alle 8 mi aspettava il seggio della scuola per le elezioni del consiglio di circolo, insieme alla mamma di un cucciolino di prima che ho imparato ad apprezzare nelle quattro ore trascorse insieme. I genitori che sono venuti a votare si sono fermati a chiacchierare soprattutto dell'aggressione verbale alla nostra bidella preferita da parte di una mamma per un millantato torto subito dalla figlia. tutti concordi nell'affermare che c'è modo e modo di esprimere le proprie rimostranze e che la nostra bidella rita, con i suoi 58 anni appena compiuti, è una risorsa preziosa. e poi margherita, madre di 4 figli, sbotta: io metto una tenda nel giardino della scuola e inizio lo sciopero della fame finchè la gente non riacquista il buon senso!!! margherita cara, mi sa che ti toccherà saltare parecchi pasti ......

24/10/2010 - 18:56

AUTORE:
Gilberto

Briganti a Pisa e libertini a Lucca?! Si po' capì perchè fai ir professore a Lucca, ma un ti poi scordà che stai di asa a Bagni, ir paese per cui "i pisani veder Lucca non ponno". Un ti si chiedeva di fa' come Tigrin della Sassetta che
"Faccia ed anima cattiva,Trasse a corsa pe' capelli Un lucchese che fuggiva, E la spada per le reni
Una volta e due gli fisse;
Tinse il dito entro quel sangue,
Su la porta così scrisse:
Manda a tè, Bonturo Dati,
Che i Lucchesi hai consigliati,
Da la porta a San Friano
Questo saluto il popolo Pisano."
Ma armeno potevi pensà ar tu nonno che, nato ner paese di Quosa dove si tenne er convegno der 1313 delle città toscane che i lucchesi fecero fallì, anche, se commerciante come i lucchesi, era un mangiapreti e un ne volva sapè dei lucchesi baciapile. Comunque ti sei un po'sarvato in estremisse con ir Gallaccio di Riglione.

24/10/2010 - 18:37

AUTORE:
Doricchio

Meno male che ci sei e che parli di cose condivise dai più...Sono contenta di trovarti pure su uno spazio pubblico anche se rinuncio al piacere egoistico di leggerti solo io...Ti aspettiamo domenica!

24/10/2010 - 11:23

AUTORE:
sabrina valentini

Certo che per svegliarsi alle 7 di domenica mattina, dopo una cena come quella di ieri sera, e avere in testa e nelle penna tutti questi pensieri……. Bisogna proprio avere un bel cervello!!!
O forse è merito proprio della cena di ieri sera…… in fondo certe serate risvegliano l’anima, il corpo e la mente e non solo per la delizia del palato, ma perché ritrovarsi, tra persone che hanno in comune tanto, anche se si conoscono poco, fa ben sperare….. per il presente e per il futuro.
Hai ragione, meno male non siamo a Terzigno, dalle nostre finestre di campagna, possiamo ammirare un bel panorama, dalla mia finestra vedo fino alla Torre e tanto basta, per un po, a farmi dimenticare ciò che di brutto si respira oggi in Italia. Ma mi raccomando, solo per un po’….. da domani si ricomincia.

24/10/2010 - 10:44

AUTORE:
Bruno

...se Ovidio della Croce s'è svegliato e a scritto; bisogna 'ndà alla voce RUBRICHE 'nsennò!!!