none_o

 

 

 

Contro la pandemia Jacinda Arden, premier della Nuova Zelanda, ha scelto la via più drastica: lockdown generale e chiusura delle frontiere. Con empatia, pragmatismo e coraggio ha fermato il covid-19, sconfitto la destra populista e vinto le elezioni. Bruno Ferraro, da Auckland, ritrae Jacinda come una leader che può dare una lezione magistrale ai politici occidentali su come gestire una crisi.

Delle idee di questa signora non mi interessa granchè. .....
. . . io non sono d'accordo.
Sono anch'io come tanti, .....
SI, CI VOLE R TEMPO per collaudare le bottiglie, .....
. . . . . . . . . . la cittadinanza e lo nominerà .....
Enews 669, di Matteo Renzi
none_a
Guidi IDV Toscana
none_a
Dl Covid: Legnaioli (Lega)
none_a
“Spazio a chi ci porta competenza”
none_a
Segreteria prov.le P.S.I. Pisa”
none_a
ASSOCIAZIONE DEGLI AMICI DI PISA
none_a
Estratto della lettera al quotidiano La Repubblica il 24/11
none_a
di Renzo Moschini, già parlamentare
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Poste Italiane comunica
none_a
di Marco Galice, insegnante
none_a
Di Alessandro Anderle-Laureato in Filosofia e laureando in Scienze Religiose. Insegno Pluralismo e dialogo fra le religioni,
none_a
San Giuliano Terme
none_a
A breve in libreria
none_a
di Lorenzo Tosa
none_a
Per effetto del DPCM del 3 novembre 2020
none_a
Quarantesimo della morte del Cav. Vittorino Benotto
none_a
Pisa
none_a
San Giuliano Terme, 14 novembre
none_a
San Giuliano Terme, 8 novembre
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Consegna mascherine

    Campagna per la consegna della mascherine fornite dalla Regione Toscana per tutti i cittadini di Migliarino.

    Il circolo ARCI aderisce alla iniziativa. Di seguito gli esercizi che hanno aderito dove si possono ritirare e gli orari addetti.

     

    CONSEGNA MASCHERINE PROROGATA FINO A LUNEDI 23 NOVEMBRE (SABATO E DOMENICA COMPRESI)


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


Prima strillano che va riaperto tutto, contestano l'emergenza, negano la pandemia, gridano al complotto! . . . poi, QUANDO ESPLODE LA SECONDA ONDATA, .....
Se non si capiva niente prima, come pretendere che si capisca qualcosa oggi?

Qualcuno dice che non intende usare i 40 miliardi del MES, perché in .....
STORIA
Tela e Massaciuccoli

23/11/2010 - 15:32

 da "Le parole di ieri" di G.Pardini

 

TELA

Dalle nostre parti la “tela” non era solo, come dice il vocabolario, un [lavoro di fili tessuti insieme, specie di lino o canapa] ma anche quella eccezionale cacciata collettiva alle folaghe che veniva organizzata periodicamente sul lago di Massaciuccoli.

 

Era una caccia crudele e spettacolare. Veniva programmata nel periodo di massimo afflusso degli uccelli quando sullo specchio del lago se ne trovavano a migliaia, nell’ordine anche di 5-6 mila esemplari. Veniva messo un avviso sulla data prescelta e tantissimi cacciatori della zona vi partecipavano, sia professionisti che altri cacciatori per passione che arrivavano numerosi anche dai paesi vicini. La caccia avveniva direttamente sullo specchio d’acqua spostandosi per mezzo di un barchino o barchetto (piccola barca a fondo piatto, adatto alla navigazione in acque basse e mossa con un solo remo, o remetto).

 

Non tutti possedevano un’imbarcazione adatta allo scopo ma era possibile noleggiarla direttamente sul lago, spesso munita di vogatore che ne era anche il proprietario.

Chi non voleva spendere (oltre il barchino c’era anche il costo della partecipazione alla tela, dato che il lago era gestito da un Consorzio che ne curava la manutenzione), si accontentava di prendere posto ai margini del lago, sulla riva, e di sparare alle folaghe che sfuggivano alla caccia sull’acqua. Spesso partecipavano alla caccia anche signori locali, talvolta con ospiti di riguardo.

 

La cacciata aveva inizio con la concentrazione dei barchini nelle quattro postazioni stabilite alla periferia del lago: Chalet, Piaggetta, Radicata, Massaciuccoli.

 

Uno scoppio di mortaretto o un colpo di cannone dava inizio alla caccia e le barche si muovevano rapidamente per raggiungere, convergendo, il centro del lago. Era una gara per i vogatori poiché i più forti e più abili riuscivano ad arrivare per primi vicino alle prede ed i cacciatori che portavano avevano più tempo, e quindi più colpi, a disposizione. Gli uccelli, disturbati dalle barche che si avvicinavano, dapprima si riunivano tutti al centro del lago e poi, quando queste erano molto vicine, si alzavano tutti in volo contemporaneamente come un enorme fungo e venivano colpiti dalle raffiche dei cacciatori. I primi che arrivavano avevano addirittura la possibilità di sparare alle folaghe ancora in acqua prima che si alzassero. Sparavano come si diceva, sulle porche degli uccelli, cioè su nastri di uccelli ravvicinati, simili ad una porca (la porca è la terra che rimane rilevata fra solco e solco nei campi). Naturalmente, anche se le barche distavano tra loro una cinquantina di metri, era difficile distinguere la proprietà delle prede ed anche in questo caso la potenza e velocità del vogatore (ed anche la grossezza e la prepotenza del cacciatore) erano fondamentali per il recupero degli uccelli. Questi ultimi, per la loro natura poco diffidente, non si allontanavano dall’acqua ma andavano raccogliendosi a piccoli gruppi in altre parti del lago, dove venivano nuovamente raggiunti dai barchini più veloci e fatti oggetto di nuove fucilate. Si calcola che almeno 3-4 mila uccelli venissero contemporaneamente abbattuti con questa poco nobile caccia.

 

Le poche folaghe sopravvissute finalmente lasciavano il lago, ma prima dovevano traversare la schiera dei cacciatori presenti sulle rive, talvolta tre o quattro file di fucili, che infliggevano ancora perdite a questi poco prudenti animali. Spesso, alla fine della tela, si contavano anche dei feriti, in parte dovuti ai frequenti litigi per il possesso delle prede, in parte a qualche pallino sfuggito al controllo del cacciatore.

 

Di straordinario effetto viene riferita la caduta dei pallini di piombo delle

 cartucce sullo specchio del lago, come una forte pioggia, a testimonianza della enorme quantità di piombo che veniva scaricato su questi poveri animali.

 

Le prede poi venivano infilate in un filo di ferro fatto passare nelle narici e le pigge degli uccelli neri ornavano, come trofei, le biciclette o le auto dei cacciatori che tornavano alle loro case.

 

Alla fine della tela i cacciatori si ritrovavano a commentare l’avvenimento, lodando i più bravi o fortunati, a contare gli eventuali feriti, a discutere delle zuffe e a trattare l’ingaggio dei migliori rematori per la cacciata successiva.

 

  

La tela è stata praticata fino agli anni 60, poi è stata interrotta sia perché proibita (siamo negli anni in cui c’è la nascita di un sentimento di maggior rispetto per la natura) sia anche per le mutate condizioni ambientali che hanno determinato un cambiamento delle abitudini migratorie delle folaghe che non hanno più trovato nel lago il loro nutrimento principale, rappresentato da piccole erbe palustri. Inquinamento da diserbanti, spesso derivati dal dilavaggio dei campi coltivati circostanti ma anche utilizzati impropriamente per tenere puliti i calatini, pesticidi ed eutrofizzazione hanno modificato l’ambiente naturale del lago allontanando la maggior parte di questi animali migratori che ora preferiscono altre rotte, ci auguriamo per loro più sicure del lago di Massaciuccoli.

 

Il lago, negli anni Trenta, è stato utilizzato anche come luogo di addestramento per le squadriglie di idrovolanti di Italo Balbo, che su quello specchio d’acqua provavano gli arrivi e le partenze di gruppo.

Serviranno per la grande impresa italiana della traversata dell’Atlantico che vedrà alla partenza dall’aeroporto di Roma, alle ore 4,38 del 1° luglio del 1933 ben venticinque velivoli Savoia-Marchetti, giusto vanto della nostra industria aeronautica in quegli anni all’avanguardia sia come mezzi che come piloti. Sotto la guida di Italo Balbo attraverseranno Olanda, Irlanda, Islanda ed affronteranno l’Atlantico puntando sul Canada ed infine su Chicago.

Ritorneranno passando da Lisbona ed il loro trionfo in campo internazionale inorgoglirà Mussolini per il successo ottenuto dal Paese, ma lo renderà geloso di un personaggio che col tempo rischierà di oscurare lo stesso Duce nel cuore degli italiani.

Il New York Times scriverà “Era tutto un popolo a volare sopra le nostre teste”.


Italo Balbo morirà a Tobruk, dieci anni dopo, in un episodio oscuro, in circostanze ancora non del tutto chiarite, colpito e abbattuto dalla nostra stessa contraerea per un errore di identificazione.

 

E’ dagli anni ‘20 che il lago è utilizzato come idroscalo, praticamente dalla nascita degli idrovolanti, “le barche con le ali” che si vedono volteggiare nei cieli della cittadina turistica portando frotte di bagnanti in giri turistici a pagamento. Ed è una fortuna perché questo utilizzo commerciale farà allontanare il pericolo di un prosciugamento del lago, più volte proposto per incrementare l’agricoltura della zona.

 

Nel 1927 vengono costruiti due piccoli hangar e nel ’31 l’idroscalo viene trasformato in base militare ospitando squadriglie di idrovolanti, fra cui due giganteschi aerei a 12 motori Dornier Do.X, enormi, che impressionano gli abitanti e i visitatori.

Era il più grande e potente idrovolante del mondo, costruito da una ditta tedesca sul lago di Costanza con i 12 motori fissati sopra l’ala.

Con l’arrivo del primo Do.X  il 31 agosto del 1931 la Regia Aeronautica prendeva possesso del lago facendone una base per i suoi reparti. Nel ’32 se ne aggiunse un secondo ma la loro utilità fu piuttosto scarsa, limitandosi a voli di propaganda lungo la penisola ed esperimenti di ricognizione strategica a lungo raggio con risultati modesti. I costi di gestione erano molto alti e i due apparecchi fondamentalmente furono acquistati (dietro forti pressioni di Balbo), unicamente per ragioni di prestigio. Nel ’37 i furono smantellati per recuperarne le parti metalliche.

 

La loro presenza nel lago fu comunque un motivo di sviluppo economico per la zona di Torre del Lago poiché significò l’arrivo di numeroso personale al seguito, che fu alloggiato in alcuni edifici esistenti sul lago, e di turisti incuriositi da quei grandi apparecchi. La località fu anche usata, fino alla fine della guerra, come luogo di ritrovo e di avvicendamento del personale proveniente dal fronte.

 

Su una parete di un ristorante sul lago c’è ancora un dipinto naif dove si vedono squadriglie di idrovolanti levarsi in volo.


Le famose BARCHE CON LE ALI

 

http://www.arrl.it/torredellagopuccini/npa1.htm



+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




17/1/2019 - 22:58

AUTORE:
Grazia

Mi piacerebbe conoscere lo scrittore G.Pardini X avere formazioni sugli idrovolanti a t.del Lago. Sono in aeronautica militare dal 1956 e la vivo ancora.4