none_o

Gioia e picconate, abbracci e idranti, sbarre che si alzano e fiumane di vessati che sfociano nella libertà, l'euforico stordimento prodotto dall'onda d'urto del treno della Storia quando passa sferragliando e fischiando così sonoramente da rendere impossibile non accorgersene: la notte della caduta del Muro di Berlino, 30 anni fa, fu tutto questo e definirla 'storica' è quasi riduttivo. Era il 9 novembre del 1989. ..

Circolo ARCI Migliarino
none_a
Sezione Soci Coop Valdiserchio-Versilia
none_a
PUBBLICA ASSISTENZA S.R. PISA
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Nella primavera del 2008 Rifondazione comunista, Partito .....
L’attuale deriva della crisi di sistema paese, .....
. . . . . . . . . . . ha avuto un enorme potenziale .....
Faccio ammenda volevo scrivere Cascina , ma non mi .....
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Cosa fare per evitare i fastidi causati dall'acaro autunnale
none_a
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
Pisaciclabilenotizie
none_a
ANIMALI CELESTI a Pisa
none_a
Parrocchia di Migliarino.
none_a
FIAB di Pisa.
none_a
Casanova di Terricciola, 9 novembre
none_a
Pisa, 30 novembre
none_a
Pisa, 7 novembre
none_a
Da Zero a Mille.
none_a
Val di Serchio
none_a
Val di Serchio
none_a
Cs campionato petanque
none_a
Situazione delle squadre della Val di Serchio
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
"Così a Dio piacque,
l'uovo da cielo cadde
e la gallina nacque!"
PISA
Qualità della vita: il commento del presidente Pieroni

6/12/2010 - 21:03

Il rapporto annuale sulla qualità della vita nelle province italiane de “Il Sole 24 Ore” vede la nostra salire dal 49° al 42° posto nella classifica nazionale e dal 6° a 5° in quella regionale rispetto alle graduatorie del 2009.
Per Pisa si segnala non solo una ‘tenuta’ nei settori che d’altra parte sono in sofferenza su tutto lo scenario nazionale (lavoro e occupazione); ma anche un significativo miglioramento, tanto più rilevante trovandoci nel fitto di una crisi economica ancora tutta da gestire, in riferimento a voci ‘pesanti’ come le infrastrutture e l’ambiente. Con aspetti da non sottovalutare anche tra quelli di minore portata statistica, come la risalita (sebbene lieve) rispetto al tema dell’ordine pubblico, che negli anni passati è stato fra i punti dolenti nell’identikit della nostra realtà provinciale.
Tornando ai posizionamenti più brillanti, il 12° posto in Italia riferito al capitolo strategico delle infrastrutture rende conto anche del forte impegno da parte delle istituzioni locali; la stessa Provincia ha avviato, tra 2004 e 2009, un piano di potenziamento sul proprio parco strade da 150 milioni di euro: una ‘semina’ la raccolta dei cui frutti sarà graduale ma garantita.
Tutto ciò nel quadro di un rispetto sostanziale per l’ambiente, tanto che la ‘pagella ecologica’ colloca Pisa a un soddisfacente 31° posto, a testimonianza di un’attenzione all’idea di sviluppo sostenibile la quale, tra l’altro, trova concretizzazione proprio oggi nell’avvio del procedimento di approvazione del Piano energetico provinciale, che scommette con forza sulle rinnovabile e sulla filosofia del basso impatto.
Si tratta di attestazioni importanti: unite agli ottimi voti (una conferma in questo caso) nelle materie ‘sanità’ (18a posizione) e ‘strutture per i più piccoli’ (3a posizione) proiettano Pisa al 3° gradino nazionale nella macroarea ‘Servizi, ambiente, salute’.
Non è indipendente dalle prestazioni in tale comparto - di forte valenza sociale e collettiva - la capacità di tenuta, prima accennata, sul fronte dell’occupazione: rispetto alle questioni calde del lavoro femminile e giovanile, Pisa si attesta al 44° e al 60° posto (a metà classifica quindi, sulle 107 province italiane). Un dato non scontato che si può leggere in abbinamento a quello relativo alla vivacità imprenditoriale, per la quale il tessuto della nostra comunità si conferma dinamico, con un confortante 25° posto nella graduatoria del rapporto tra aziende nate e chiuse.
Il bilancio relativo alle classifiche de “Il Sole 24 Ore” trova poi nel complesso conferma in quelle di “Italia Oggi”. Le quali anzi collocano Pisa al 16° posto nazionale (2° in Toscana dietro la sola Siena), grazie agli exploit ottenuti, in ordine di importanza crescente, in vari settori: servizi finanziari e scolastici, con la 32a posizione; ambiente, con la 17a; tempo libero, con la 6a; e soprattutto sanità, in ordine alla quale la nostra provincia risulta la prima nel Paese.

Andrea Pieroni
presidente della Provincia di Pisa


+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: