none_o

Nei giorni 26-27-28 aprile verranno presentati manufatti in seta dipinta: Kimoni, stole e opere pittoriche tutte legate a temi pucciniani , alcune già esposte alla Fondazione Puccini Festival.Lo storico Caffè di Simo, un luogo  iconico nel cuore  di Lucca  in via Fillungo riapre, per tre mesi, dopo una decennale  chiusura, nel fine settimana per ospitare eventi, conferenze, incontri per il Centenario  di Puccini. 

#NotizieDalComune #VecchianoLavoriPubblici #VecchianoSport
none_a
Pisa, 17 marzo
none_a
Comune di Vecchiano
none_a
. . . quello che si crede sempre il migliore, ora .....
. . . la merxa più la giri, più puzza e te lo stai .....
. . . camminerebbe meglio se prima di fare il tetto .....
Ad un grosso trattore acquistato magari con l'aiuto .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Colori u n altra rosa
Una altra primavera
Per ringraziarti amore
Compagna di una vita
Un fiore dal Cielo

Aspetto ogni sera
I l tuo ritorno a casa
Per .....
Oggi è venuto a mancare all’affetto di tutti coloro che lo conoscevano Renato Moncini, disegnatore della Nasa , pittore e artista per passione. .....
SAN GIULIANO
Il bilancio di genere del Comune sarà presentato in Senato

18/2/2011 - 9:17

SAN GIULIANO TERME AL SENATOIL BILANCIO DI GENERE INVITATO A ROMA

Il Bilancio di genere del Comune di San Giuliano Terme sbarca al Senato della Repubblica. Su richiesta infatti della Fondazione Giacomo Brodolini di Roma e della Commissione per la parità e le pari opportunità nel Senato, l’assessora Fortunata Dini è stata invitata a tenere domattina una relazione nell’ambito di un ciclo di seminari promossi dalla stessa Commissione che vede come presidente Emma Bonino. Domani quindi presso l’aula della Commissione Difesa a Palazzo Carpegna, la Dini illustrerà il percorso amministrativo e partecipativo che ha portato a realizzare questo importante, innovativo e apprezzato strumento.

 Un importante riconoscimento nazionale per uno strumento che prende spunto ed evoluzione dal Bilancio sociale del Comune termale che dal 2006 ad oggi ha ottenuto importanti attestati e premi a livello italiano e internazionale. Oltre all’assessora alle politiche sociali, abitative e pari opportunità del comune di San Giuliano Terme, nel contesto del seminario interverranno, tra le massime studiose italiane della materia, Francesca Bettio, professore ordinario, Economia del Lavoro e Applicazioni Microeconometriche, Università di Siena; Alessandra Casarico, professore straordinario di Scienze delle Finanze, Università Bocconi, Milano; Maria Elisa D'Amico, professore ordinario di Diritto Costituzionale, Università di Milano; Annalisa Rosselli, professore ordinario di Storia dell'Economia Politica, Università di Roma Tor Vergata; Annamaria Simonazzi, professore ordinario di Economia Politica, Università di Roma La Sapienza.

"Dopo che nel febbraio 2009 la nostra Amministrazione ha approvato il Piano d’Azione di Parità di Donne ed Uomini previsto dalla Carta Europea per l’Uguaglianza di Donne ed Uomini nella vita Locale e Regionale – ha spiegato la Dini – abbiamo voluto redarre prioritariamente il Bilancio di Genere per verificare concretamente come l’Amministrazione risponde ai bisogni di donne ed uomini attraverso le sue scelte politiche, gli impegni assunti in bilancio ed i servizi offerti per garantire alle proprie cittadine e cittadini benessere e qualità della vita. I risultati sono incoraggianti. Leggere le azioni di governo in ottica di genere vuol dire tenere in considerazioni le differenze personali, familiari, sociali, lavorative ed economiche che insistono su donne ed uomini. I maggiori impegni di cui si fanno carico le donne nel lavoro domestico e di cura, le discriminazioni e le difficoltà che incontrano nel campo lavorativo e sociale, nell’accesso a posizioni apicali hanno un impatto negativo sia in termini individuali che collettivi perché impediscono frequentemente alla popolazione femminile di contribuire pienamente al processo di crescita e di sviluppo socioeconomico della comunità in cui vive".

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri