none_o


In questo nuovo articolo di Franco Gabbani viene trattato un argomento basilare per la società dell'epoca, la crescita culturale della popolazione e dei lavoratori, destinati nella stragrande maggioranza ad un completo analfabetismo, e, anzi, il progresso culturale, peraltro ancora a livelli infinitesimali, era totalmente avversato dalle classi governanti e abbienti, per le quali la popolazione delle campagne era destinata esclusivamente ai lavori agricoli, ed inoltre la cultura era vista come strumento rivoluzionario. 

. . . altrimenti in Italia tutto il potere centrale .....
Sei fuori tema. Ma sappiamo per chi parli. . .
. . . non so se sono in tema; ma però partito vuol .....
Quelle sono opinioni contrastanti, il sale della democrazia, .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
IMMAGINA San Giuliano Terme
none_a
di Umberto Mosso
none_a
di Riccardo Maini (vedi risposta al sig. Bertelli)
none_a
Comunicato congiunto FdI, Lega, FI.
none_a
“Interrogazione del consigliere provinciale Roberto Sbragia”
none_a
Ripafratta, 25 maggio
none_a
di Fabiano Corsini
none_a
Prato
none_a
Dal 17 al 19 Maggio ore 10.00 - 20.00
none_a
Forum Innovazione di Italia Economy" II EDIZIONE
none_a
Nei tuoi occhi languidi
profondi, lucenti
piccolo mio
inestimabile tesoro
vedo il futuro
il tuo
il presente
quello del tuo babbo
il passato
quello .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
PISA
Ilaria Ferrara (Sel): il ministro Gelmini deve dare le dimissioni

16/3/2011 - 23:53

INTERVENTO

DIMISSIONI MINISTRA GELMINI
 
Sono una maestra e insegno al tempo pieno di Asciano Pisano; siccome in un paese civile quando un ministro dice falsità deve poi dimettersi, avendo perso la fiducia dei cittadini, ritengo sensato chiedere le dimissioni della ministra Gelmini che in una trasmissione televisiva molto seguita come quella di Fazio ha pubblicamente dichiarato molte cose non vere. Non mi soffermo sulla madre di tutte le bugie, e cioè il chiamare "riforma" una operazione di tagli e impoverimento della scuola statale (meno otto miliardi di euro in tre anni); mi preme di più sottolineare l'offensiva faciloneria riservata alla questione degli insegnanti di sostegno alle classi con bambini certificati portatori di problemi fisici o psichici.

Gelmini ha detto che gli insegnanti di sostegno sono abbastanza, e non è vero, basta vivere nella scuola per rendersene conto.

Gelmini ha detto che sono mal distribuiti e ha insinuato che qualche famiglia chiede il sostegno anche quando non ce n'è bisogno: questo è un rovesciamento totale della verità, primo per l'iter che si deve seguire per la certificazione, secondo perché moltissime famiglie, al contrario, non accettano l'idea che i propri figli siano bisognosi di aiuto, temono l'etichetta della certificazione e quindi non chiedono il sostegno, anche quando ce ne sarebbe bisogno. Qualsiasi insegnante incontra nel suo cammino più bambini e bambine che avrebbero dovuto essere certificati (tra l'altro tutta una serie di disturbi dell'apprendimento potrebbero essere ridotti se seguiti bene e per tempo).

Gelmini ha detto che ha tagliato gli sprechi: ora, definire sprechi oltre 130.000 posti di lavoro in meno in tre anni, di cui 20.000 previsti per il prossimo anno, come neanche il peggior tagliatore di teste di una multinazionale si sognerebbe di fare, è sicuramente travisare la verità.

La perdita di questi insegnanti si è ottenuta con la perdita di migliaia di ore di lezione in tutti gli ordini di scuola, con la perdita di compresenze nella scuola primaria, l'uccisione del modulo e della possibilità di recupero per gli alunni più svantaggiati, la diminuizione di tempo prolungato e tempo pieno, l'impoverimento dell'offerta formativa, la coercizione di bambini e ragazzi in aule sempre più affollate, la fine di ogni tentativo di didattica laboratoriale, la condanna del precariato a vita per migliaia di persone e, alla faccia della modernità, l'abolizione degli insegnanti specialisti di inglese .

Gelmini ha parlato anche dell'edilizia scolastica, come se fossero in corso grandi investimenti: ma cosa ci si fa con un miliardo a fronte di 2400 scuole con il tetto di amianto da bonificare (tra cui anche la mia) e migliaia di edifici vetusti e con problemi strutturali cui viene ridotta anche l'ordinaria manutenzione? Infine, la meno importante delle bugie, quella sul blocco degli scatti di anzianità, che gli insegnanti subiscono come tutti i pubblici dipendenti.

Ilaria Ferrara
responsabile provinciale scuola Sel - Pisa

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

24/3/2011 - 14:25

AUTORE:
andrea

Invece di fare il solito antiberlusconismo spicciolo perchè la così brava e diligente maestra di asciano non ci spiega come mai in queste zone maledettamente " rosse " a scuola si insegna ad odiare berlusconi e tutti colori ( sono la maggioranza in Italia )che lo votano... Non sono parole di comodo perchè ho na figlia alle medie e già dalle elementare le " brave " maestrine " e poi adesso alle medie certi professori si permettono di fare battute e propaganda di basso livello contro Berlusconi .. bene ha fatto la Gelmini a fare la riforma e tagliaire le gambe a tanto pattume che si spaccia per educatore. Per sublimare la vergogna ddi Pisa rossa siamo arrivati all'assurdo di far boicottare il 27 Aprile la giornata dedicata al Maggiore Ciardelli deceduto a Nassirya cinque anni fa perchè è vergognoso far entrare nelle caserme i bambini specialmente se l'ambiente è certamente orientato a destra. Magari va bene portare le scolaresche alla Coop a fare pseudo corsi di alimentazione giusto per non essere di parte...Ma fatemi il piacere vergognatevi e state muti perchè rappresentate il peggior esempio di cultura di sinistra a livello mondiale..

19/3/2011 - 15:25

AUTORE:
ovidio

Mariastella Gelmini (alias "Mariastar") è la classica persona che, quando parla, si sa in anticipo quello che dice.

Nell'interìvista a Fazio ha ribadito le solite cose.
In quanto ministro della Pubblica Istruzione dovrebbe contrastare l'operazione contabile fatta di tagli (8 miliardi per la scuola e 1,5 miliardi per l'università)del ministro Tremonti, che ha portato la scuola statale nella drammatica situazione attuale, invece la chiama "riforma".

Tra l'altro, sempre in quell'intervista, è stata ambigua quando ha parlato di scuola statale e scuole private, che nel frattempo si sono viste elargire maggiori finanziamenti.

Qualche giorno prima Berlusconi aveva detto: la scuola pubblica ha “un’influenza deleteria” e propaganda “culture politiche, ideologie e interpretazioni della storia che non rispettano la verità”.

Ogni ulteriore commento mi pare suprefluo.

19/3/2011 - 12:08

AUTORE:
lucia

come tutti i rappresentanti del governo (o per meglio dire come tutti gli iscritti sul libro paga di berlusconi) reclamano la possibilità di dire la loro tutte le volte che sentono qualcosa che non gli va bene (in che tempo che fa come in altre trasmissioni) sarebbe bene che Fazio invitasse una voce in grado di smentire le falsità così sfacciatamente e freddamente dichiarate dalla ministra
mi piacerebbe che la voce potesse essere la tua , quella di una maestra vera di una scuola di periferia ,onesta e appassionata ,doti molto rare nelle persone in generale e rarissime fra le persone che ogni giorno ci "sorbiamo" alla televisione

18/3/2011 - 20:41

AUTORE:
Anna

Brava e coraggiosa.