none_o


La quantità di anidride carbonica che quotidianamente le attività terrestri riversano nell'atmosfera ha ormai raggiunto livelli tali da cui sarà arduo, se non impossibile, tornare indietro, in mancanza di adeguate politiche economiche che prendano seriamente in considerazione questo problema, nonostante i continui appelli degli scienziati sulla salvaguardia del clima.

Arpat Toscana
none_a
Migliarino
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Sistena Nazionale per la Protezione dell'Ambiente
none_a
. . . . . . . . . . . nell'immediato dopoguerra a .....
Dispiace vedere che la Voce pubblichi commenti imbecilli .....
Ma il MONGOLINO D'ORO, il PD lo ha vinto a mani basse. .....
Siamo forti! Abbiamo vinto! Alè! Hip hip! Bravi!. .....
Cinema Lumiere
none_a
Pisa, Presentazione del libro
none_a
Il Fortino,Marina di Pisa,23 marzo
none_a
Pontasserchio, 22 marzo
none_a
Vecchiano 29 marzo
Progetto Libri
none_a
Calci, 23 marzo
none_a
none_a
NICOSIA-Festa di Primavera.
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Partite Pisa A.C.

    Si avvertono i Soci che il Circolo trasmetterà in chiaro tutte le  partite dell'Associazione Calcio Pisa, sia in casa che in trasferta. Prossima partita Piacenza-Pisa domenica 30 settembre. 


  • Circolo ARCI Migliarino

      Cercasi operatori

    Il  Circolo ARCI Migliarino che gestisce la Ludoteca Comunale in versione estiva presso l'Oasi Dunadonda cerca personale qualificato per il perido di luglio e di agosto. Gli interessati possono inviare una mail alla posta del Circolo   arcimigliarino@gmail.com. Vedi sotto.


  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


Val di Serchio
none_a
2018/2019 fase interprovinciale.
none_a
Pappiana
none_a
Pisa Beach Soccer
none_a
Nel germoglio di un'amore
C'e' il sorriso
della vita
Ed il tremito dei sensi
Che prelude a nuovi voli

E' la
danza di una fiamma
Che accarezza .....
. . . . . . . . . . . . . . un fatto accaduto quando andavo ancora alle elementari e che ricordo ancora molto bene. . . . . . Ebbene nell'ultimo banco .....
 0
Sono disponibili 15578 articoli in archivio:
 [1]   [2]   [3]   [4]   [5]   [6]  ...  [624] 
AVVERTENZA: In caso di risposta a un articolo già presente nel forum, si invita i lettori ad usare il comando RISPONDI. Usando questo comando la risposta dell'utente ottiene una maggiore visibilità, perchè viene collocata automaticamente in due spazi diversi. Viene inserita infatti 1) nella prima pagina del forum in successione temporale, come tutti gli altri interventi; 2) viene inserita anche nel riquadro dei DIBATTITI IN CORSO, dove gli articoli rimangono un tempo maggiore.
Il primo lettore che risponde a un tema già presente nel forum e adopera il comando RISPONDI attiva automaticamente un dibattito. Il comando RISPONDI consente di sviluppare dibattiti su temi specifici.
In risposta a: Poverannoi.... del 26/2/2019 - 21:39
leggere o saper leggere
AUTORE: Francesco T.
email: -

26/2/2019 - 22:35

Osservatore 1, ti chiedo, ma, hai letto quello che ho scritto o cosa. La mia non è un' analisi, è la realtà, quella che da oggi i Sardi avranno. Il resto è, come il titolo precedente, fumo negli occhi. Oppure, se vale l' assunto del sig. Minopoli, che dice che al sud il voto è ballerino, questo può valere anche per l' elettorato 5 Stelle. E dunque ai prossimi appuntamenti elettorali può tornare, oppure no. Basta chiedere al Pd che ne sa qualcosa.
----------------  RISPONDI





In risposta a: fumo negli occhi ? del 26/2/2019 - 20:57
Poverannoi....
AUTORE: Osservatore 1
email: -

26/2/2019 - 21:39

... che analisi ponderata!
È simile o peggiore di quella di alcuni del centro sinistra-sinistra che sostengono di aver imboccato la giusta via di un centrosinistra "largo".
...he si, perdere la presidenza della regione è la via giusta? E perdere tre elettori pentastellati su quattro in così pochi mesi è da considerarsi vittoria?
----------------  RISPONDI





In risposta a: Chi "prende" e chi no del 26/2/2019 - 17:32
fumo negli occhi ?
AUTORE: Francesco T.
email: -

26/2/2019 - 20:57

Come sempre avviene, in Italia, si confontano i risultati elettorali guardando a quelli più vicini, in questo caso quelli del 4 marzo 2018. Però qui si votava per una regione, tra l' altro a statuto autonomo, con tutto quel che ne segue. A guardare i risultati si scoprono delle verità che per qualcuno è meglio tenere nascoste e concentrarsi sul fuoco di fila al nemico dichiarato, oggi il M5S. I risultati dicono che : nel CDX la LEGA prende 8 seggi, il P.SARDO d'AZ. ne prende 7, nel 2014 insieme ne presero 3. F.ITALIA arriva a 6 ma ne aveva 10, FDI passa da 1 a 3, solo per parlare dei partiti più in vista. Nel campo del CSX si vede che il PD prende 8 seggi, nel 2014 oltre al presidente Pigliaru aveva 18 consiglieri, 2 vanno a LEU, nel 2014 SEL e RIFONDAZIONE ne avevano 6. E il M5S, dirà qualcuno. Il M5S arriva a 6 seggi, pochi vero ? Già, se non fosse che nel 2014 non aveva presentato alcuna lista.
Dunque , stando ai numeri, chi ha vinto e chi ha perso ?
----------------  RISPONDI





In risposta a: insistere prego del 23/2/2019 - 17:11
Forse il PD ...................
AUTORE: Ultimo
email: -

26/2/2019 - 20:30

............ probabilmente arriverà all'estinzione o forse no. Forse gli sparpagliati riusciranno a ricompattarsi o forse no. .......... Il tempo, come sempre sarà un ragionevole Galantuomo. ....... Certamente il tempo adesso ci dice che un certo Silvio da Arcore, del quale ci siamo occupati e spesso preoccupati, non era il peggiore dei mali ed ora sappiamo che il peggio doveva ancora venire. Infatti adesso il M5S mi fa rivalutare perfino Silvio Berlusconi ......... che io mai avrei pensato di rimpiangere. ........... Ultimo
----------------  RISPONDI





In risposta a: del
Chi "prende" e chi no
AUTORE: Maria De Cesaris
email: -

26/2/2019 - 17:32

Sintetizzando, Patuanelli (M5S), fumando nervoso dice che Salvini guadagna voti perchè è più facile, dato il suo programma su i porti da chiudere, che il popolo lo applauda, lo sostenga e ne condivida i fini,,perchè, il razzismo, e la voglia di spazzare via gli immigrati,"prende" sicuramente più persone di quelli che sostengono il movimento per ottenere il reddito di cittadinanza.
Mentre il primo, con il suo facile programma ottiene il 36% dei voti, loro promettendo il reddito hanno a sostegno non più del 30% dell'elettorato "Ci siamo scelti un impegno difficile" dice Patuanelli, fumando nervoso...
Quindi ora ho capito: Recessione e disoccupazione sono il fine dei pentastellati che in quel modo, facendo crescere i bisognosi di mantenimento, sperano di far crescere il numero dei sostenitori
Vedi che facevo bene io a chiamarlo reddito di sudditanza?
----------------  RISPONDI





In risposta a: insistere prego del 23/2/2019 - 17:11
Veramente....
AUTORE: Elettore
email: -

23/2/2019 - 18:17

....fu anche l'ex on Di Battista a dire che gli Italiani erano dei rincoglioniti e non credo che nessuno del PD pensi e dica che il 32% che han votato la 5* siano gentaccia.

....quando l'Armida se ne andò di casa; andò via per motivo grande o piccolo ma andò! e il su' marito stava a dire che era una troia, ma, i su' amici gli dicevano: Agenore...non la offendere tanto...se poi ti ritorna la devi chienì anche troia?
Ora, la storia della povera Armida è una metafora, ma nessuno a rifarsi da Matteo Renzi che per arrivare al 41% era chiaro che eran voti ballerini come quelli di Silvio Berlusconi al 44% e ora al 9% e quelli della Lega raddoppiati sulla carta? da dove vengono? da Roma ladrona!?

2+2 fa quattro e se i leghisti ed i pentastellati davano del coglione agli elettori del PD e a questa mandata metà piddini han votato Lega & 5* vuol dire che i più coglioni (secondo alcuni) li han presi loro?

...e secondo gli zingarettiani ora bisogna rinunciare a proseguire il buon governo di Matteo Renzi per riprendere nel PD i "coglioni" scappati a destra e sinistra?
Giovanni Agnelli che poi fu senatore a vita ebbe a dire dopo il fallimento del 5° governo andreottiano il cosiddetto governo balneare (durò tre settimane), l'Italia quando va bene, va bene anche senza governo.

Ergo i voti vanno e vengono e son tutti buoni quando vengono? hmm...
Ma un po più di rispetto e ponderatezza no eh!
----------------  RISPONDI





In risposta a: del
insistere prego
AUTORE: non cè rimedio
email: -

23/2/2019 - 17:11

i meglio sono quelli che fino ieri Martina era un incapace tanto che renzi lo rese ridicolo andato da fazio minacciando di riunirgli contro i suoi parlamentari che poi dovrebbero essere del Pd e non suoi e oggi lo sostengono.
tanto ormai si accontentano solo di portare il pd all'estinzione. semmai daranno la colpa a qualcun altro tipo agli elettori come silvio che chiamò coglioni perché non votavano forza italia
----------------  RISPONDI





In risposta a: Aria nuova del 18/2/2019 - 14:57
Makkè ....... tu gira tutto .........
AUTORE: Ultimo
email: -

18/2/2019 - 18:52

.......... il comune e senti la solita puzza. ...... Che la puzza venga da destra o da sinistra cambia niente. Anche se dovessero cambiare i c..i la puzza resta sempre la stessa ........ ma le poltrone ci sono abituate e per loro è la stessa cosa. ......... Ultimo
----------------  RISPONDI





In risposta a: del
Aria nuova
AUTORE: AMERIGO
email: -

18/2/2019 - 14:57

Chi gira per le frazioni di San Giuliano Terme sente l'aria nuova che soffia a favore del centro destra.
Nonostante i tentativi del Sindaco di evidenziare le sue attività e di incensare i suoi (dubbi) risultati il nuovo avanza. Come un aspirapolvere di casa.
I primi ad essere risucchiati sono stati Rifondazione Comunista e i Comunisti Italiani e poi i Riformisti Democratici da sempre in ceca di un posto di potere in giunta, confermato SEL con il suo vice sindaco fedele portaborse ( in senso buono) del Sindaco e poi tutti i vassalli, valvassori e valvassini che vorranno accodarsi.
Alcune delle operazioni fatte recentemente dimostrano quanto desiderio vi sia da parte del sindaco e giunta di gratificare quelle frazioni che fino ad oggi avevano evidenziato una certa avversione alla sua elezione ed al suo operato. Per tutte una, “ Ben 1 milione e 300mila euro di investimenti per un intervento atteso da molto tempo dai residenti di Metato - commenta il sindaco Sergio Di Maio - la macchina comunale si fa sempre più efficiente e i cittadini possono accorgersi coi loro occhi dal numero di lavori che sono partiti in questi anni. Un altro passo nella giusta direzione, quella di un territorio con infrastrutture moderne e un modello nelle manutenzioni ordinarie e straordinarie.”
Il vento nuovo soffia veemente e il desiderio di cambiamento è forte.
Fino ad oggi è stato molto difficile far cambiare idea ai sangiulianesi ma la speranza è l'ultima a morire.
Visto che per più di sessantanni il territorio è stato amministrato dalla sinistra con risultati assai mediocri e deludenti,forse, ed io me lo auguro, un tentativo di rinnovamento non farebbe male.
----------------  RISPONDI





In risposta a: Magari però del 15/2/2019 - 20:57
Si, ma...
AUTORE: XXXL
email: -

15/2/2019 - 21:41

...cosa c'incastra Matteo Renzi tutte le volte anche sul tallo delle cipolle vernine, non l'ho capito.
----------------  RISPONDI





In risposta a: Elezioni a San Giuliano Terme del 15/2/2019 - 15:35
Magari però
AUTORE: Sangiulianese
email: -

15/2/2019 - 20:57

Magari però è solo la voglia finalmente di rivendicare una politica vera e concreta, solidale ed efficace, di fronte all'esondazione di promesse non mantenute, di becero egoismo su prima gli italiani, prima i pisani , ecc ecc, di sicurezza mancata, di assessori impresentabili.
D'altra parte chi sta al governo non è da meno, con i gilet gialli e Borghi...
Ma avete notato che anche la zarina non esterna più? Forse la palta sta sommergendo i nuovi eroi, come fece con Renzi.
Un po' di orgoglio a sinistra ci vuole!
E il sindaco giusto c'è già
----------------  RISPONDI





In risposta a: del
Elezioni a San Giuliano Terme
AUTORE: Elettore
email: -

15/2/2019 - 15:35

Mai in passato si era vista una campagna politica pubblicitaria come quella che sta operando il sindaco di San Giuliano Sergio Di Maio .
La Voce è inondata quasi giornalmente da comunicati del primo cittadino : rifiuti, centomila orti Oli-ndo , Rocca di Ripafratta , riqualificazione p/zzale Pontasserchio , senza dimenticare la stampa locale : La Nazione del 14.02 pubblica “Assemblea appello per la sinisrtra” ; un appello – si legge nell'articolo – per fermare l'onda verde in vista delle prossime amministrative che vedranno chiamati alle urne anche i cittadini di San Giuliano Terme. Lo firmano gli ex sindaci Paolicchi e Santoni, ex deputato Fontanelli, ex presidente di Acque Valtriani ed altri”.
Mai in passato la sinistra ha avuto tanta paura di perdere una delle piazze più rosse della provincia, oggi trema al solo pensiero.
La mia personale speranza è che avendo il sindaco l'appoggio di tanti ex possa diventare anche lui un ex alle prossime elezioni, visto poi l'aiuto di Fontanelli a Pisa la speranza è ancora maggiore.
Nessuna antipatia personale , grande stima per la persona, ma credo che possa essere molto più utile nello svolgere il suo ex lavoro che come sindaco.
----------------  RISPONDI





AUTORE: Ultimo
email: -

14/2/2019 - 16:53

............che la protesta procede .......... ma che gli allevatori toscani hanno cominciato a regalare il latte e anche il formaggio ......... invece di buttarlo via...mi piace! ....... E' un modo esemplare di protestare. E' una protesta civile ......... e come spesso succede la Toscana insegna. .......... Ultimo
----------------  RISPONDI





In risposta a: Modeste considerazioni sulle elezioni in Abbruzzo del 12/2/2019 - 9:37
considerazione da oscar
AUTORE: Filettolino
email: -

13/2/2019 - 22:24

Vediamo se ho capito la, profonda, teoria del sig.Vincenzo. Dunque, il centrosinistra unito prende il 31 % e spiccioli, di questo tesoretto ( - 14 % rispetto al 2014 ) il 12 va a Pd, se vince Zingaretti, e Leu, mentre il restante 19 potrebbe andare nelle disponibilità di un nuovo ( allora ci pensa ) movimento Renziano. E su che basi tutto cio ? Vale anche per l' eventuale vittoria del duo Giachetti/Ascani ?
Sembra di rivedere il ragionamento fatto da Renzi stesso dopo la sconfitta al referendum, il 40 % che ha votato Si, ha votato per me e quindi può continuare a farlo. Infatti si è visto. Ciao Piro.
----------------  RISPONDI





In risposta a: a sangiulianese del 13/2/2019 - 19:25
Prima di Verhofstadt
AUTORE: Santommaso
email: -

13/2/2019 - 20:24

...c'è già stato un eurodeputato che ha dato del burattino al Presidente del Consiglio Italiano.
Quel "burocrate europeo" che avrebbe offeso tutti gli Italiani è Matteo Salvini.
Renzi: il mio rapporto con Merkel è ottimo.
Ci credo, sei un burattino nelle sue mani.
Era il 4/7/2014 San Tommaso vuol verificare ammodino.
----------------  RISPONDI





In risposta a: Va però detto.. del 13/2/2019 - 17:16
a sangiulianese
AUTORE: Italiano
email: -

13/2/2019 - 19:25

Una cosa è rivolgersi ad un qualsiasi europarlamentare piccolo a piacere una cosa è rivolgersi al presidente del consiglio della nazione Italia. Non confondiamo ruoli e livelli, altrimenti non esiste più rispetto per il POPOLO ITALIANO.
----------------  RISPONDI





In risposta a: Verhofstadt del 13/2/2019 - 16:28
Va però detto..
AUTORE: Sangiulianese
email: -

13/2/2019 - 17:16

che il sig. Verhofstadt non è, come hanno scritto Salvini e 5 stelle, un euroburocrate. Lui è stato eletto dal popolo belga all'europarlamento, così come Salvini e altri, che si guardano bene dal frequentarlo.
L'Europa non c'entra niente, è una valutazione, maleducata e ignorante, di rappresentante nazionale di popolo a rappresentante nazionale di popolo.
Un po' come fanno certi nostri eletti a capi di stato di altre nazioni, non dicendo che sono burattini, bensì ladri, disonesti, sfruttatori, ecc ecc.
Forse per questo la reazione è stata così tiepida da parte dei nostri eletti,
E il sig. Verhofstadt è stato l'interlocutore dei 5 stelle per formare insieme un gruppo al parlamento europeo...
----------------  RISPONDI





In risposta a: del
Verhofstadt
AUTORE: Italiano
email: -

13/2/2019 - 16:28

Quando ho visto e letto l'intervento di Verhofstadt a Strasburgo il sangue mi è salito alla testa ed ho provato una profonda rabbia.
Non è accettabile che personaggi del genere possano offendere impunemente il primo ministro italiano, già abbiamo il presidente della Commissione europea che nei brevi momenti di lucidità spara cavolate nei confronti dell'Italia , ma sono rimasto esterefatto che la reazione del governo e del parlamento sia stata così flebile.
Ho provato solo a pensare che cosa sarebbe successo se una cosa del genere fosse successa all'ex premier Renzi se gli avessero chiesto ” per quanto tempo resterà un burattino nelle mani della Merkel e di Macron ?”.
Come minimo la Boschi si sarebbe strappata le vesti e questo non sarebbe stato un male e Orlando avrebbe rischiato il suicidio.
Ho già in mente molte delle critiche feroci che probabilmente saranno postate “ questi sono i risultati che la politica giallo-verde sta ottenendo a livello europeo”, ma da italiano non posso accettare che venga offeso il primo ministro di qualsiasi colorazione politica e chi esulta per questo è un povero cog...e.
Io credo che l'Europa in questo momento in vista delle prossime elezioni abbia un enorme terrore che le sinistre, tutte le varie anime della sinistra vengano mandate a casa e alcuni partiti o coalizioni possano far perdere i privilegi ottenuti.
E' ora di finirla di prendere ordini dal duo franco-tedesco, credo fermamente nell'Europa unita ma questa Europa è da cambiare, modificarla profondamente e sopra tutto non ci devono essere poche nazioni che possano interferire negli affari interni di un altro paese e dettare leggi e norme.
Anche in Italia sta montando l'idea di uscire dall'Europa e spero che ciò non accada ma tira, tira la corda si spezza.
Personalmente non mi piace la politica estera francese non mi piace Macron e spero che il suo partito possa essere ribatezzato “ La republique en march arriere”.
----------------  RISPONDI





In risposta a: del
PURTROPPO
AUTORE: BAT 21
email: -

12/2/2019 - 17:00

ESSENDO UN SINPATIZZANTE DELLA SINISTRA DEVO AMMETTERE CHE QUELLO CHE E' AVVENUTO IN ABRUZZO MI HA FATTO CAPIRE CHE QUESTA SINISTRA NON E' COME DOVREBBE ESSERE UNA VERA SINISTRA----------IL RESTO SONO CHIACCHERE DA BAR
----------------  RISPONDI





In risposta a: se Atene piange, Sparta non ride del 12/2/2019 - 0:13
Modeste considerazioni sulle elezioni in Abbruzzo
AUTORE: Vincenzo
email: -

12/2/2019 - 9:37

Il centrodestra conferma i suoi voti cambiando leadership da Berlusconi a Salvini, da FI a Lega; il M5S ha un notevole crollo che sembra presagire alla fine di un ciclo di crescita ed inizio di una irreversibile discesa; il centrosinistra regge nel suo complesso con interessante analisi del voto al suo interno: il PD e Leu prendono il 12%, le varie liste civiche il 19%. Mi pare che le possibili proiezioni nazionali possano essere che Zingaretti e la ditta se riprendono il PD hanno un potenziale nazionale del 12%, il 19% invece dell'elettorato di centrosinistra può essere disponibile ad un nuovo eventuale progetto politico che veda Renzi protagonista.
----------------  RISPONDI





AUTORE: Filettolino
email: -

12/2/2019 - 0:13

Facendo una piccola comparazione di risultati tra le regionali del 2014 e 2019 in Abruzzo, si evince che : il M5S passa dal 21,35 al 19,74 = - 1,61.
La Lega passa dal nulla ( nel 2014 era nella coalizione di CDX ) al 27,53. Forza Italia dal 16,67 al 9,04 = - 7.63.
Il PD passa dal 25,41 al 11,14 = - 14,27. FDI passa dal 2,9 al 6,48 = + 3,58.
Ora, il vizio italico è sempre quello di misurasi sui risultati, sbagliando, più vicini, in questo caso le politiche del 2018.E lì le differenze, partito per partito sono più marcate. Ma la regione Abruzzo, fa storia a se, come le altre regioni, e va governata, e per governarla servono i seggi, quelli che contano nell' asseblea Regionale e qui le cose si fanno ancor più dure. Le Lega avrà circa 10 seggi ( 0 ), il M5S avrà 4/5 seggi ( 6 ), Forza Italia 2/3 ( 4 ), il PD 3 ( 10 ), FDI 2 ( 0 ).
Ma, e mi dispiace per il tifoso Gerace, il bello di tutto questo è un'altra cosa, di cui nel Pd si parla poco. Cioè : il teorema Zingaretti, unità a sx, sembrerebbe funzionare visto il risultato, 31,2, a cui il Pd concorre solo con l'11 e spiccioli e il resto del CSX per il 20. Ora, chi glielo dice a Umberto Minopoli, che a sua volta dovrà informare il duo Giachetti/Ascani ?
----------------  RISPONDI





In risposta a: UN PROFONDO RESPIRO del 11/2/2019 - 14:57
Non leggi con attenzione ..................
AUTORE: Ultimo
email: -

11/2/2019 - 20:09

............ o non capisci quello che leggi sor Francesco. ........ Io non sono schierato da nessuna parte politica ma scrivo il mio pensiero senza essere ben indottrinato come, invece, sei tu. Non mi interessa quante regioni sono governate dalla destra e quante dalla sinistra. Per te sono governate bene tutte quelle di destra e male tutte quelle di sinistra. .......... Si capisce subito che hai la memoria un po' disturbata e sei poco razionale. Se la memoria non ti aiuta cerca fra i libri e informati bene, se non vuoi fare il collezionista di figuracce. ...... Ultimo
----------------  RISPONDI





In risposta a: Amico Francesco io ho ............. del 11/2/2019 - 13:53
UN PROFONDO RESPIRO
AUTORE: FRANCESCO
email: -

11/2/2019 - 14:57

L'Abruzzo è l'ottava regione italiana controllata dal centrodestra insieme al vicino Molise, alle
regioni del Nord (Liguria, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Trentino-Alto Adige) e alla Sicilia.
Per correttezza di informazione alle regionali del 2014 in Abruzzo i 5 Stelle presero con Sara Marcozzi il 21,41% delle preferenze e Gianni Chiodi di FI 29,26%, mentre un certo Luciano D'Alfonso del PD vinse con il 46,26%.
I barbari non mi risulta che fossero presenti direttamente o indirettamente in alcuna lista, oggi lo sono con il 27,5%.
Come può vedere chi realmente ha perso, è il suo amato PD che in cinque anni è calato del 16% nelle preferenze. "Gli abruzzesi hanno confermato che il popolino non è fatto di cretini ...... ma di persone che ingenuamente si sono lasciate convincere per una volta ....... ma che sa ragionare, e fare un esame dei fatti, e non si lascia abbindolare due volte, NON da un comico in fase calante o da un venditore di gazzose nella curva degli ultras e incapace di fare altro, come dice lei, MA da un Partito Democratico che ha completamente fallito nella sua politica locale.
Ancora una volta la sua ottusa incapacità di analizzare i fatti con serenità ed intelligenza la portano a dare aria ai polmoni. Respiri profondamente.
Il nemico per il PD non sono i leghesti o i grillini ma persone come lei che sparano cavolate e fanno perdere di credibilità al PD.
----------------  RISPONDI





In risposta a: ino...ino...ino del 11/2/2019 - 11:49
Amico Francesco io ho .............
AUTORE: Ultimo
email: -

11/2/2019 - 13:53

............ sostenuto che è facile indottrinare il popolino con le critiche ai politici che li hanno preceduti ......... ma non ho scritto che il popolino si sarebbe ostinato a continuare a credere a degli incapaci sprovveduti una volta messi alla prova. ....... Forse questo l'hai pensato tu, ma gli abruzzesi hanno confermato che il popolino non è fatto di cretini ...... ma di persone che ingenuamente si sono lasciate convincere per una volta ....... ma che sa ragionare, e fare un esame dei fatti, e non si lascia abbindolare due volte da un comico in fase calante o da un venditore di gazzose nella curva degli ultras e incapace di fare altro. ....... Fare il vicepresidente del consiglio come lo sta facendo il venditore di gazzose sarei capace di farlo anch'io ed anche molti scrivani sulla " Voce ". Sono stato chiaro? ........... Ultimo
----------------  RISPONDI





In risposta a: ino...ino...ino del 11/2/2019 - 11:49
A Fra....
AUTORE: Primo
email: -

11/2/2019 - 13:46

...in democrazia si perde e si vince, poi si riperde o si pareggia,per poi tornare a vincere: ma l'importante e contarsi e condividere insieme "le basilarità" del Paese.
Le baggianate alla lunga, maanche alla corta non pagano.
Dare la stessa percipienza a chi "attende" un lavoro e a chi lavora, paga le tasse, produce beni e servizi per tutta la comunità umana; alla lunga, maanche alla cortissima non paga; si è visto e si vedrà; anche perchè i governi che avevan preso quella strada tortuosa li, han receduto per impossibilità decisionale dall'alto:-te si-te no-te forse...mavvia...come si fa a stabilire per legge e per giunta: legge fatta da chi non ha mai lavorato un giorno o....ha venduto solo bibite come la Maschina e Bubo...ora via giù....!

Nei paesi oltre cortina i comunisti vincevano con il 97,02%, poi quando hanno aperto l'Ozzeri si è visto che troiaio c'era "oltre".

Per i Governatori, per i Sindaci, logica vorrebbe che si votasse per il loro programma, per la loro figura umana e capacità e non perché al governo nazionale c'è protempore uno/una dello stesso colore politico.
Gli abruzzesi avranno per 5 anni, salvo complicazioni quei governati di maggioranza e di minoranza che si sono scelti e se il governo centrale nel frattempo va acquito? che fanno? copiano? danno barta anche se li in Abruzzo governassero bene e senza ribaltoni come vorrebbero (ora non più pare) dopo che Renzi e Giachetti hanno stoppato la voglia dei PD governativi di far da scendiletto alla 5*.
Eh si bella chiappa facevano i vari Franceschini, Epifani et Martina reggenti il PD dopo le dimissioni dei loro seg. nazionali.
Così ora oltre senza maggioranza governativa e senza opposizione e...senza altri Monti Mario a rimediar le frane dei mal governi si era messi benino si?!?
----------------  RISPONDI





Sono disponibili 15578 articoli in archivio:
 [1]   [2]   [3]   [4]   [5]   [6]  ...  [624]